Finestre sull'Arte Video

Finestre sull'Arte - Tredicesima puntata

Michelangelo Buonarroti

Michelangelo Buonarroti


"Il mondo ha molti re, ed un solo Michelagnolo"



Puntata 13 - 6 luglio 2010
Durata: 30'28"



Clicca qui per il download diretto


In una sua lettera inviata a Michelangelo nel settembre del 1537, Pietro Aretino diceva che "il mondo ha molti re, ed un solo Michelagnolo": infatti già i suoi contemporanei avevano la percezione della grandezza del genio, uno dei massimi di tutta la storia dell'arte. Con la puntata di oggi, Ilaria e Federico ci aiutano a ripercorrere la storia di alcune delle opere di Michelangelo (impossibile riuscire a fare un panorama completo in mezz'ora), parlandoci di alcuni aspetti insoliti e curiosi, di messaggi che le opere potrebbero celare, delle tecniche di realizzazione, dei materiali usati. Un'analisi condotta mettendo in rilievo la grande importanza delle rivoluzioni compiute da Michelangelo, per una puntata di sicuro interesse.

Immagine: La Pietà (particolare), 1499; marmo, h. 174 cm; Città del Vaticano, Basilica di San Pietro.



Approfondimenti

Michelangelo Buonarroti (Caprese, 1475 - Roma, 1564)

Biografia


1475 Nasce il 6 marzo da Ludovico Buonarroti e Francesca di Neri.
1487 Compie il suo primo apprendistato nella bottega di Domenico Ghirlandaio.
1489 Inizia a frequentare la scuola del giardino di San Marco, fondata da Lorenzo il Magnifico. Diventa allievo di Bertoldo di Giovanni.
1490 ca. Esegue le sue prime opere note: la Madonna della Scala e la Battaglia dei Centauri entrambe conservate a Casa Buonarroti a Firenze.
1494 Soggiorna a Venezia e a Bologna. Nella città emiliana lavora all'Arca di san Domenico.
1495 Ritorna a Firenze dove esegue un perduto San Giovannino per Pierfrancesco de' Medici. A giugno si trasferisce a Roma.
1497 Esegue il famoso Bacco attualmente conservato al Museo del Bargello. Il cardinale Jean Bilhères a Roma gli commissiona la celeberrima Pietà terminata nel 1499.
1500 Torna a Firenze.
1501 La Repubblica gli commissiona il David che sarà completato nel 1504.
1504 Riceve l'incarico di realizzare la Battaglia di Cascina nella Sala dei Cinquecento in Palazzo Vecchio. L'opera non andrà mai in porto e ci è nota solo attraverso copie.
1505 Papa Giulio II gli commissiona il proprio monumento funebre: l'opera sarà terminata, in seguito a numerosi ritardi, molti anni dopo la morte del pontefice e diversa dal progetto originario. Del monumento farà parte il celebre Mosè eseguito a partire dal 1513.
1508 Giulio II incarica un riluttante Michelangelo di eseguire gli affreschi della volta della Cappella Sistina. L'opera sarà scoperta nel 1512.
1516 Per volere del nuovo papa Leone X esegue alcuni progetti per la realizzazione della facciata della basilica fiorentina di San Lorenzo. Anche questa opera non sarà mai realizzata.
1520 Realizza i famosi Prigioni per il monumento a Giulio II, incompiuti e attualmente conservati presso la Galleria dell'Accademia di Firenze. Nello stesso anno il cardinale Giulio de' Medici gli affida la realizzazione della Sagrestia Nuova di San Lorenzo.
1526 Torna a Firenze.
1529 È nominato procuratore delle fortificazioni della Repubblica Fiorentina.
1530 Viene restaurata la signoria medicea e Michelangelo riprende a lavorare per i Medici.
1532 Torna a Roma dove conosce Tommaso Cavalieri e Vittoria Colonna, ai quali dedica diverse sue poesie. Probabilmente a partire da quest'anno inizia a comporre le sue Rime che verranno pubblicate postume nel secolo successivo dal suo nipote Michelangelo Buonarroti il Giovane.
1534 Michelangelo si stabilisce definitivamente a Roma.
1536 Inizia a lavorare al Giudizio universale che finirà nel 1541.
1542 Papa Paolo III lo incarica di eseguire gli affreschi della Cappella Paolina: la Conversione di san Paolo, finita nel 1545, e la Crocifissione di san Pietro, eseguita tra il 1546 e il 1550. Si tratta delle sue ultime opere pittoriche.
1545 Dopo quarant'anni Michelangelo termina finalmente il monumento funebre di Giulio II.
1547 Viene nominato architetto di San Pietro.
1548 ca. Esegue la Pietà Bandini.
1552 Inizia a lavorare alla Pietà Rondanini, che rimarrà però incompiuta alla data della sua scomparsa: si tratta dell'ultima opera dello scultore.
1558 Inizia a realizzare il modello della cupola di San Pietro, che sarà finito nel 1561. L'opera verrà poi realizzata sul finire del secolo da Giacomo della Porta che seguirà seppur con qualche modifica il disegno originario di Michelangelo.
1564 Muore a Roma il 18 febbraio. Per sua volontà viene sepolto a Firenze.
La biografia dell'artista è disponibile gratuitamente in formato PDF, in modo da poterla scaricare, salvare e stampare! Si tratta di un documento agile e rapido che è possibile scaricare liberamente con il sistema Pay with a tweet: significa che è possibile avere la biografia in cambio di un tweet su Twitter o di un post su Facebook. Per scaricarla clicca sul pulsante qua sotto!
Scarica gratis in cambio di un tweet o di un post su Facebook!
Relazioni


Allievo di: Domenico Ghirlandaio - Bertoldo di Giovanni
Guardò a: Giotto - Masaccio - Donatello - Luca Signorelli
Maestro di: Vincenzo Danti - Giovanni Angelo Montorsoli - Ascanio Condivi - Daniele da Volterra
Guardarono a lui: Fra' Bartolomeo - Giovanfrancesco Rustici - Raffaello - Correggio - Andrea del Sarto - Franciabigio - Il Pordenone - Domenico Beccafumi - Pontormo - Rosso Fiorentino - Zacchia da Vezzano - Battista Franco - Niccolò Pericoli detto il Tribolo - Bronzino - Giorgio Vasari - Benvenuto Cellini - Baccio Bandinelli - Bartolomeo Ammannati - Luca Cambiaso - Francesco Salviati - Niccolò Circignani detto il Pomarancio - Tintoretto - Giambologna - Federico Barocci - Agostino Carracci - Cigoli - Taddeo Zuccari - Federico Zuccari - Gian Lorenzo Bernini - Pietro da Cortona
Principali mecenati e committenti: famiglia Doni - Jean de Bilhères-Lagraulas - Giulio II Della Rovere - Paolo III Farnese

"La nota" - rubrica a cura di Ambra Grieco


Michelangelo scrittore: le Rime - fai clic sul titolo per leggere l'articolo!

Immagini


Opere citate nella trasmissione (facendo clic si apriranno in una pagina nuova):
David (1501-04; Firenze, Gallerie dell'Accademia)
Battaglia di Cascina (1505 ca.; copia di Aristotele da Sangallo, 1542; collezione privata)
Tondo Doni (1503-04; Firenze, Uffizi)
Madonna della Scala (1490 ca.; Firenze, Casa Buonarroti)
Battaglia dei Centauri (1491-92 ca.; Firenze, Casa Buonarroti)
Pietà (1497-99; Roma, Città del Vaticano, San Pietro)
Volta della Cappella Sistina (1508-12; Roma, Città del Vaticano, Musei Vaticani, Cappella Sistina)
Conversione di San Paolo (1542-50; Roma, Città del Vaticano, Palazzo Apostolico, Cappella Paolina)
Crocifissione di San Pietro (1545-50; Roma, Città del Vaticano, Palazzo Apostolico, Cappella Paolina)
Pietà Bandini (1548 ca.; Firenze, Museo dell'Opera del Duomo)
Pietà Bandini, particolare con Nicodemo (probabile autoritratto di Michelangelo)

Altre immagini:
Web Gallery of Arts.

Libri da leggere


- Antonio Forcellino, Michelangelo. Una vita inquieta, Laterza, 2008.
- Marta Alvarez González, Michelangelo, Mondadori Electa, 2007.
- Enrica Crispino, Michelangelo, Giunti, 2001.


Mostre e musei da visitare


- Firenze, Casa Buonarroti
- Firenze, Uffizi
- Firenze, Museo Nazionale del Bargello
- Firenze, Gallerie dell'Accademia
- Firenze, San Lorenzo, Sagrestia Nuova
- Firenze, Museo dell'Opera del Duomo
- Roma, Città del Vaticano, Cappella Sistina
- Roma, Città del Vaticano, Cappella Paolina
- Roma, Città del Vaticano, Basilica di San Pietro
- Roma, Santa Maria sopra Minerva
- Roma, San Pietro in Vincoli
- Bologna, San Domenico
- Siena, Duomo
- Milano, Castello Sforzesco
- Bruges, Onze Lieve Vrouwekerk (Chiesa della Nostra Signora)





I libri e i musei indicati nella pagina non vogliono fornire un panorama esaustivo sull'artista ma sono indicativi per poter approfondire i contenuti della trasmissione.