Finestre sull'Arte Video

Spiaggia a Trouville

Autore: Eugène Boudin
1864
Caen, Musée des Beaux-Arts



Il grande pittore francese Eugène Boudin è famoso soprattutto per due motivi: è stato maestro di Claude Monet, e ci ha lasciato numerose scene di spiagge che anticipano la pittura impressionista. Questa Spiaggia a Trouville è una di queste celebri vedute delle spiagge della Normandia (la regione di origine di Boudin, che nacque nel 1824 a Honfleur), una piccola tavola che raffigura una giornata in spiaggia.

Il litorale è occupato da tutta una serie di personaggi che trovano posto su sedie di paglia (in spiaggia, nella Normandia di metà Ottocento, si stava così) e che osservano alcune barchette nel mare, poco lontano dalla riva, oppure che chiacchierano tra loro, o ancora che conducono bambini a fare una piccola passeggiata (ci sono anche altri bambini che giocano più indietro, insieme ad alcuni cani). È insomma un quadretto colmo di spensieratezza e serenità, concetti che vengono chiaramente evidenziati anche dalla vivacità della pennellata di Boudin che fa vibrare la luce sui personaggi, sulle loro sedie, sulla spiaggia inondata di sole, sulle onde del mare, e anche sugli edifici che occupano la collina in lontananza. Le forme invece, viste da lontano, sembrano quasi macchie di colori che ci appaiono in modo subitaneo: un anticipo di quella che sarà la pittura impressionista.

Il dipinto risale al 1864 e fu custodito da un privato per quasi cento anni: nel 1961 entrò a far parte delle collezioni statali come donazione da parte dell'ultimo detentore e fu assegnato al Louvre. Appartiene al Musée d'Orsay dal 1986, ma è in deposito al Musée des Beaux-Arts di Caen, capoluogo della Bassa Normandia.

11 agosto 2016

Spiaggia a Trouville di Eugène Boudin

Aspetta, non chiudere la pagina subito! Ti chiediamo solo trenta secondi del tuo tempo: se quello che hai appena letto ti è piaciuto, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter! Niente spam (promesso!), e una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!





Torna all'elenco dei capolavori della rubrica "L'opera del giorno"