La mostra su Caravaggio e i genovesi a Genova, le foto esclusive in anteprima


Apre il 14 febbraio la mostra “Caravaggio e i genovesi” a Genova, Palazzo della Meridiana. In questo articolo, presentazione della rassegna e foto esclusive in anteprima.

È stata presentata a Genova, a Palazzo della Meridiana, la mostra Caravaggio e i Genovesi. Committenti, collezionisti, pittori, organizzata dall’Associazione Amici di Palazzo della Meridiana e curata da Anna Orlando. La mostra intende sviluppare un capitolo estremamente importante per la cultura figurativa genovese che, visto il calibro dei protagonisti coinvolti, diventa di portata internazionale: nella fattispecie, le circa trenta opere che compongono il percorso espositivo vogliono documentare la ricezione e la diffusione della lezione di Caravaggio a Genova lungo tutto l’arco del Seicento. La mostra dura dal 14 febbraio al 24 giugno 2019.

I dipinti, per lo più di grandi dimensioni, e di impatto teatrale e spettacolare, sono stati selezionati tra le collezioni pubbliche cittadine (Musei di Strada Nuova, Museo di Palazzo Reale, Galleria Nazionale di Palazzo Spinola, Museo dell’Accademia Ligustica di Belle Arti), in alcuni casi nei loro depositi e quindi normalmente non visibili al pubblico, e tra numerose collezioni private, non solo liguri, di quei pittori genovesi del Seicento che in almeno un momento della loro carriera dimostrano una forte adesione al nuovo lessico caravaggesco. Molti sono gli inediti e le tele mai uscite dalle mura domestiche per essere esposte al pubblico.

Il focus della mostra è l’Ecce Homo di Caravaggio (Milano, 1571 - Porto Ercole, 1610), da poco tornato dalla mostra del Musée Jacquemart-André di Parigi appena chiusa per essere accolta nella sua città con una sorpresa: nuovi studi approfonditi come mai fino ad ora ne svelano tante novità. In particolare Anna Orlando ha impostato la sala 2 come un gioco di rimandi visivi e confronti con opere di artisti genovesi che parrebbero essersi ispirati a questo capolavoro, altri che invece non tengono conto delle novità che l’arte rivoluzionaria del Merisi. Inoltre, l’opera viene presentata dopo nuovi studi che argomentano i motivi per i quali l’opera, già molto discussa dalla critica, dev’essere accolta come opera pienamente autografa del Caravaggio (ne parleremo meglio nell’accurata recensione che seguirà nei prossimi giorni).

“Nella selezione, condotta sulla base della qualità delle opere”, ha dichiarato Anna Orlando, “si è tenuto conto dell’opportunità di mostrare dipinti solitamente custoditi in collezioni private, in parte del tutto inediti, ma anche di scegliere almeno un’opera per ciascuna delle più significative quadrerie pubbliche cittadine, per creare un legame, non solo ideale, di rimando ai musei con i quali Palazzo della Meridiana da anni intende fare rete”.

“L’impegno dell’Associazione Amici di Palazzo della Meridiana di offrire un’importante mostra d’arte antica ogni anno”, sottolinea Davide Viziano, Presidente dell’Associazione degli Amici di Palazzo della Meridiana, “prosegue per il quarto anno consecutivo con una diversa declinazione del tema grazie alla collaborazione con la curatrice Anna Orlando. Un particolare ringraziamento va alla Compagnia di San Paolo che, per il terzo anno sostiene una nostra iniziativa, credendo in noi e nelle nostre capacità organizzative oltre che alla Regione Liguria che ci supporta nella realizzazione della Mostra, al Mibact ed al Comune di Genova. Un grazie infine a tutti gli amici sponsor che ci hanno accompagnato in questa nuova avventura. La coralità di questa partecipazione, su più piani e fronti, è per noi di stimolo a crescere con offerte sempre più solide, come certamente avrebbe fatto piacere a Maria alla quale dedichiamo questa mostra”.

“L’arte che nasce dall’incrocio del lessico caravaggesco con quello ligure”, dice Ilaria Cavo, assessore alla cultura della Regione Liguria, “ha un sapore specialeche la mostra vuole restituire in una raffinata selezione di splendide tele, molte delle quali inedite. Sono ospitate in Palazzo della Meridiana, che una volta di più offre al pubblico un nuovo importante appuntamento e ne affida la curatela ad Anna Orlando. Il supporto che Regione Liguria conferma da diversi anni alle iniziative dell’Associazione Amici di Palazzo della Meridiana è in linea con una politica culturale che mira alla valorizzazione del territorio, anche attraverso la riappropriazione conoscitiva di un passato per noi così importante e glorioso, capace di essere di stimolo per le generazioni future”.

La Mostra è aperta dal martedì al venerdì dalle 12 alle 19 e il sabato, la domenica e i festivi dalle 11 alle 19. Chiuso il lunedì. Biglietto d’ingresso: € 10,00 (intero) € 8,00 (ridotto), € 4,00 (scuole e bambini). Ingresso ridotto alla Mostra per i visitatori dei Musei di Strada Nuova e possibilità di proseguire la visita nei Musei di Strada Nuova dopo aver ammirato le opere esposte a Palazzo della Meridiana, entrando con biglietto ridotto.

Finestre sull’Arte ha visitato la mostra in anteprima e vi proponiamo in esclusiva alcune immagini degli allestimenti e di alcune delle opere che troverete esposte. Come anticipato seguirà, nei prossimi giorni, accurata recensione.

Luca Cambiaso, Cristo davanti a Caifa (1570-1575 circa; olio su tela, 188 x 138 cm; Genova, Museo dell'Accademia Ligustica di Belle Arti)
Luca Cambiaso, Cristo davanti a Caifa (1570-1575 circa; olio su tela, 188 x 138 cm; Genova, Museo dell’Accademia Ligustica di Belle Arti)


Caravaggio, Ecce Homo (1605-1610 circa; olio su tela, 128 x 103 cm; Genova, Musei di Strada Nuova - Palazzo Bianco)
Caravaggio, Ecce Homo (1605-1610 circa; olio su tela, 128 x 103 cm; Genova, Musei di Strada Nuova - Palazzo Bianco)


Orazio De Ferrari, Ecce Homo (1640 circa; olio su tela, 118 x 97 cm; Genova, Collezioni d'arte di Banca Carige)
Orazio De Ferrari, Ecce Homo (1640 circa; olio su tela, 118 x 97 cm; Genova, Collezioni d’arte di Banca Carige)


Bernardo Strozzi, Il martirio di sant'Orsola (1620-1625; olio su tela, 104 x 130 cm; Milano, Collezione Koelliker)
Bernardo Strozzi, Il martirio di sant’Orsola (1620-1625; olio su tela, 104 x 130 cm; Milano, Collezione Koelliker)


Domenico Fiasella, Giuditta e Oloferne (1620-1630 circa; olio su tela, 150 x 200 cm; Reggio Emilia, Collezione privata)
Domenico Fiasella, Giuditta e Oloferne (1620-1630 circa; olio su tela, 150 x 200 cm; Reggio Emilia, Collezione privata)


Giacomo Legi, Gatto in dispensa (1630 circa; olio su tela, 96 x 137 cm; Collezione privata)
Giacomo Legi, Gatto in dispensa (1630 circa; olio su tela, 96 x 137 cm; Collezione privata)


Immagini dalla mostra Caravaggio e i genovesi
Immagini dalla mostra Caravaggio e i genovesi


Immagini dalla mostra Caravaggio e i genovesi
Immagini dalla mostra Caravaggio e i genovesi


Immagini dalla mostra Caravaggio e i genovesi
Immagini dalla mostra Caravaggio e i genovesi


Immagini dalla mostra Caravaggio e i genovesi
Immagini dalla mostra Caravaggio e i genovesi


Immagini dalla mostra Caravaggio e i genovesi
Immagini dalla mostra Caravaggio e i genovesi


Immagini dalla mostra Caravaggio e i genovesi
Immagini dalla mostra Caravaggio e i genovesi


Immagini dalla mostra Caravaggio e i genovesi
Immagini dalla mostra Caravaggio e i genovesi


Immagini dalla mostra Caravaggio e i genovesi
Immagini dalla mostra Caravaggio e i genovesi


Immagini dalla mostra Caravaggio e i genovesi
Immagini dalla mostra Caravaggio e i genovesi


Immagini dalla mostra Caravaggio e i genovesi
Immagini dalla mostra Caravaggio e i genovesi


Finestre sull'arte
Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90€

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. ANGELO COCCARO in data 17/02/2019, 21:47:26

è sempre un piacere leggere i vostri articoli.
Vedo in una delle foto l'Incoronazione di spine ex Prato. E' una copia o è l'originale?
qualora fosse l'originale, mi sembra strano non se ne parli nell'articolo.




2. Finestre sull'Arte in data 18/02/2019, 12:48:13

@Angelo si tratta di una copia



3. Bertha in data 04/03/2019, 16:06:08

Semplicemente magnifico!!!



4. milli in data 10/03/2019, 14:02:33

splendido



5. Eric in data 18/03/2019, 18:33:15

Una mostra piccini piccina, Quadri di pregio medio basso, il preteso Caravaggio a Genova è da sempre opera dubbia, Si fa forza sul brand per attirare clienti a cui chiedere 10 €, decisamente fuori posto per il livello mediocre della mostra.







Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma