Storici dell'arte e Goldin... perché criticarlo?


Si discuteva di recente sull'ennesima mostra di Marco Goldin e sulle continue critiche che gli storici dell'arte gli rivolgono... ma ha senso criticarlo?

Qualche sera fa discutevo su uno degli argomenti che vanno per la maggiore quando ci si ritrova a prendere un aperitivo con amici che hanno la tua stessa passione per la storia dell’arte, ovvero l’ennesima trovata di Marco Goldin, da sempre visto come l’emblema della mostra commerciale e del marketing applicato all’arte.

Il procedimento goldiniano è pressoché sempre lo stesso. Si sceglie un titolo che includa i nomi di artisti che conoscono anche i sassi: per esempio, Da Cézanne a Mondrian, Gauguin-Van Gogh. L’avventura del colore nuovo, oppure più di recente Da Vermeer a Kandinsky, Raffaello verso Picasso, Da Botticelli a Matisse. Da notare che spesso e volentieri il nome della mostra va da qualcuno a qualcun altro, quasi come se si volesse tracciare una sorta di percorso: un probabile espediente per suggerire al visitatore il fatto che la mostra sia una vera esperienza, un qualcosa in divenire, e questo dinamismo non può far altro che accrescere il carico di emozioni che il visitatore proverà durante l’esposizione perché, com’è risaputo, l’obiettivo principale di Goldin è suscitare emozioni. Lo stesso Goldin dichiarava in un’intervista del 2010: “Io mi batto sempre per dire che prima di tutto questo viene l’emozione davanti alle cose, l’emozione che ci fa vivere in modo diverso rispetto ad altre persone la bellezza della letteratura, della pittura, della musica, della filosofia, della cultura”1. Il procedimento continua poi con la scelta una città del Veneto o delle immediate vicinanze (Conegliano, Belluno, Treviso, Vicenza, Verona, Brescia, Passariano, ma è capitato comunque di vedere mostre goldiniane anche a Genova e a Rimini), segno che Goldin conosce in modo profondo il pubblico di queste zone, sa quali sono le sue aspettative e i suoi desideri e confeziona pertanto una mostra “su misura”, dove affiancati ai grandi nomi come quelli menzionati poco sopra, non è raro (anzi, accade pressoché sempre) trovare dipinti di scuole locali, meglio se dipinti paesaggistici, così che il pubblico, oltre a emozionarsi di fronte ai dipinti, possa anche riconoscersi in essi ritrovando luoghi familiari e, perché no, trarne motivo di vanto e orgoglio, perché gran parte del pubblico goldiniano probabilmente non sa che, nel Cinquecento, operavano nella sua terra artisti come il Moretto o Savoldo (che c’entrino poco -anzi, niente- con Picasso o Kandinsky, non è il punto).

Il tutto senza che ci siano particolari criteri scientifici o filologici, proprio in virtù del fatto che a Goldin non interessa molto che il pubblico, oltre a emozionarsi, si ponga delle domande sui dipinti che vede o provi a comprenderne il significato o il perché un artista ha operato certe scelte stilistiche, e via dicendo. Magari Goldin potrebbe essere anche un ottimo curatore di mostre ad alto interesse scientifico e filologico: il fatto è che non si cura di questo perché sa bene cosa vuole il suo pubblico, ovvero emozioni. Goldin conosce bene il pubblico con cui ha a che fare, quindi a mio avviso le classiche critiche che gli si rivolgono (per esempio, Montanari: “Ecco l’ultima frontiera del tradimento della storia dell’arte, ridotta a strumento per opporre le emozioni alla conoscenza, e il popolo all’élite. [...] Questa retorica prevede che alle obiezioni scientifiche non si risponda con argomenti razionali e verificabili, ma con l’appello ad ineffabili e incontrollabili emozioni”2), sono ovviamente fondate ma lasciano un po’ il tempo che trovano. Primo, perché Goldin continuerà a curare mostre secondo il suo paradigma e continuerà ad avere successo. Secondo, perché non è Goldin il problema.

Il problema principale sta nell’incomunicabilità tra gli storici dell’arte e il pubblico: i primi sono visti dal secondo come un gruppo di puristi in papillon abituati a disquisire di questioni che non toccano minimamente il pubblico, e quest’ultimo invece viene visto come una massa informe di trogloditi da stupire con effetti speciali. Lo storico dell’arte se la prende con Goldin, e dal suo punto di vista probabilmente fa anche bene, ma è necessario che inizi a pensare, per prima cosa, che il problema non è tanto far sì che il pubblico smetta di vedere le mostre di Goldin (anche perché probabilmente percepisce bene che la mostra goldiniana è un momento di svago, sebbene falsamente percepito come “culturale”), ma far sì che vada a vedere le mostre organizzate con criteri scientifici (non necessariamente di ricerca, ma anche di divulgazione). Compito dello storico dell’arte è far passare il messaggio che non si può parlare di cultura solo perché in un palazzo ci sono dei quadri antichi appesi a un muro: non tutte le mostre (così come non tutti i film e non tutti gli album musicali) sono classificabili come cultura, non tutte le mostre lasciano qualcosa al pubblico, e dalle mostre di Goldin il pubblico non esce arricchito, perché probabilmente all’uscita saprà sul Moretto e su Savoldo quello che sapeva all’ingresso.

Però potrà uscire dalla mostra di Goldin con uno stimolo, quello di voler approfondire il Moretto e Savoldo, ma se nessuno pone il visitatore goldiniano nelle condizioni di poter approfondire il proprio bagaglio culturale attraverso un’opera di seria divulgazione (che in Italia, per quel che riguarda la storia dell’arte, manca a un livello tale da raggiungere un pubblico vasto), Goldin registrerà sempre più successo e visitatori. Sono convinto che si tratta dello stesso pubblico che affolla le tante pagine Facebook che ogni giorno postano decine di immagini di opere d’arte, guardandosi bene dal dare al pubblico informazioni sulle opere che non siano il titolo e l’autore (e talvolta museo e datazione). Pagine che sono un po’ la trasposizione virtuale delle mostre goldiniane: dipinti di facile presa, perlopiù di pittori impressionisti, decine di migliaia di fan e visitatori, un tripudio di “bellissimo”, “meraviglioso”, “stupendo”, “splendido”, “fantastico”.

Con una divulgazione seria, il visitatore goldiniano sarà in grado di essere guidato verso esposizioni più sofisticate, che possano arricchirlo culturalmente, oltre a emozionarlo, perché non è affatto vero che le emozioni debbano essere contrapposte alla conoscenza (“Credo nelle emozioni, non nella conoscenza per pochi sapienti”3 è quanto Goldin avrebbe dichiarato all’anteprima della sua mostra Raffaello verso Picasso), anche per il fatto che la conoscenza di per sé è già un qualcosa di estremamente affascinante. Ci sarà certo sempre una gran parte del pubblico goldiniano che rimarrà goldiniano, è inevitabile, ma un’altra parte di questo pubblico sarà spinta a trarre beneficio da mostre rigorose. Tutto questo per dire che è inutile prendersela con Goldin, come detto poco sopra: forse sarebbe più utile che gli storici dell’arte incanalassero i propri sforzi nel tentativo di porsi in discussione, nel cercare di scrollarsi di dosso gli stereotipi che affliggono la categoria, nel tentare una comunicazione con il pubblico di chi ha la passione per l’arte.


Note

1. Marco Goldin: l’arte che suscita emozioni, da infoscari, 4 ottobre 2010

2. Tomaso Montanari, Raffaello verso Picasso: il marketing delle emozioni, da Il Fatto Quotidiano, 8 ottobre 2012. Per le critiche a Goldin cfr. anche Luca Zuccala, Il volgare circo artistico di Goldin, da Artslife, 8 febbraio 2013.

3. Gian Marco Mancassola, Raffaello e Picasso a casa di Palladio , da Il Giornale di Vicenza, 4 ottobre 2012


Finestre sull'arte
Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90€

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, nato a Massa nel 1986, laureato a Pisa nel 2010. Ho fondato Finestre sull'Arte con Ilaria Baratta. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left.

Leggi il profilo completo


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Peppe Zito in data 29/05/2013, 23:56:21

Premesso che non condivido le mostre che non hanno nessun legame con il territorio, concordo sul fatto che esiste un problema di divulgazione. Emozione e conoscenza non sono due poli opposti, entrambe complementano la visita museale, trasformandola in cultura.



2. Grazia Agostini in data 03/06/2013, 21:51:29

Sono più che d'accordo sulla necessità della divulgazione: partire dalle mostre di Goldin che richiamano un pubblico enorme ( per gli standard italiani) può essere comunque un buon punto di partenza. Conoscere per conservare era uno slogan creato anni fa da uno dei più grandi storici dell'arte italiani, Andrea Emiliani. Ci ho creduto e ci credo tuttora: è quello che fate voi, quello che cerco di fare raccontando le storie dei dipinti nel mio blog, è quello che inviterei a fare chi critica, senza troppo approfondire, le mostre di Goldin. Ha ragione Peppe Zito nel suo commento, quando scrive che emozione e conoscenza non sono poli opposti. E bisogna lavorare perché insieme producano cultura.



3. Federico Giannini in data 05/06/2013, 01:56:05

Tutto vero Grazia, il problema è che molti degli "addetti ai lavori" non prendono neanche in considerazione queste ipotesi (basta leggersi un po' di articoli in giro su internet e sui giornali ogni volta che Goldin inaugura una mostra) e, relativamente alle sole mostre di Goldin, forse è più facile criticarle in modo aprioristico che cercare di trarne fuori qualcosa di buono. È ovvio che Goldin, con certe sue affermazioni (che, come detto nell'articolo, non condivido affatto), si pone come un facile bersaglio. Ma è altrettanto vero che lavorare per far sì che emozione e conoscenza vadano di pari basso, come sottolinea Grazia, è indispensabile, così come sarebbe auspicabile una maggior apertura :-) Avremmo tutti da guadagnarci...



4. Donatella Celoria in data 20/07/2013, 10:07:22

Sono d'accordo che le mostre di Goldin siano tutte organizzate seguendo un certo percorso e che si rivolgano ad un pubblico culturalmente meno preparato ma mi pare positivo il fatto che comunque coinvolgano ed interessino un grande numero di persone. L'artista nell'attimo della creazione si rivolge ad un pubblico e non a pochi eletti degni di comprenderlo quindi, poiché la nostra società tende a snobbare la sensibilità e l'emozione artistica, secondo me, ben vengano persone così che, in qualche modo, affascinano, forse ammaliando la folla...l'importante è il buttare un seme....qualche pianta crescerà!



5. Aurelio Stoppini in data 11/09/2013, 01:30:31

Non condivido le critiche "schizzinose" all'operato di Goldin: tutto quello che porta a condividere ed amare l'arte, anche se solo a livello emozionale, è a mio parere un bene. Una mostra può essere vista e goduta a tanti livelli e da persone con preparazione e conoscenza molto diverse. L'arte è un patrimonio dell'umanità, tutta, non solo di un'elite



6. F. Damiani in data 08/01/2015, 19:51:19

Il problema resta invariabilmente sempre lo stesse, ossia il sottilissimo confine tra una sorta di "spettacolarizzazione" dell'arte oggi purtroppo necessaria per attirare il grande pubblico alle mostre, e l'esigenza di porre in essere dei progetti culturali che possano al contempo arricchire culturalmente questo pubblico. E' facile riempire le sale di una mostra con nomi come Van Gogh e Raffaello, più difficile sarebbe farlo con Moretto e Savoldo, così come ci vuole un qualcosa in più per mettere in piedi una mostra che abbia un qualche fondamento scientifico. Parlo da storico dell'arte e sono il primo a sostenere che è compito nostro studiare delle strategie che possano avvicinare il pubblico all'arte, fornendo chiavi di lettura valide, in maniera semplice e diretta, per decifrare un linguaggio che oggi non è più così facilmente comprensibile da tutti. Credo però anche che un'operazione come quella di Goldin sia davvero fin troppo banale, con pochi rischi e ancor meno sostanza, che farà grandi numeri ma che purtroppo non contribuirà ad arricchire nessuno.



Commenti dal post ufficiale su Facebook



Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Barocco     Quattrocento     Genova     Roma