"Si vive grazie all'Arte del passato": intervista a Paolo Salvati


Paolo Salvati è un pittore contemporaneo profondamente legato alla tradizione e all'arte antica: lo abbiamo raggiunto per una intervista sulla sua esperienza e sul ruolo dell'arte.

Nel mondo dell’arte contemporanea, spesso difficile, provocatoria, dimentica della tradizione, ci sono artisti che cercano di compiere un percorso diverso, che guarda ai maestri antichi per rivisitarli in chiave moderna. Uno di questi artisti è il maestro Paolo Salvati. Nato nel 1939 a Roma, rimasto sempre fedele alla sua arte, Paolo Salvati (oggi Cavaliere della Repubblica) è autore di numerose e interessanti opere d’arte, molte delle quali a tema paesaggistico. Lo abbiamo raggiunto per un’intervista in cui abbiamo parlato non solo della sua esperienza artistica, ma anche del ruolo dell’arte nella società di oggi.

Qual è la definizione che lei darebbe del termine “arte”? E che cos’è l’arte per lei al giorno d’oggi?
Per dirla con Benedetto Croce, l’Arte é la trasfigurazione del sentimento, quindi concordo nel considerarla una “istituzione lirica”, aggiungo impalpabile, oggi come ieri sempre attuale!

C’è ancora spazio per l’arte nella nostra società?
Sì certo, è la stessa Arte che non permette chiusure, dunque nessuna interruzione creativa e limitazione umana all’idea, cambiano scenari sociali, politici, nuovi passaggi concettuali, comunque una qualsiasi tipologia di società anche consumistica, globalizzata, è perdente contro la forza espressiva della cultura.

Lo scorso anno lei dipingeva un “Omaggio a Van Gogh” rivisitando la celebre “Terrasse du café le soir” del pittore olandese. Qual è il suo rapporto con la tradizione?
Si vive con l’Arte del passato, si vive grazie all’Arte del passato, perché è un alimento alla nostra fantasia, un supporto equilibrato, vissuto, a volte differente dal proprio percorso ma necessario per una reale analisi comparativa, anche critica della propria opera.

La Sua produzione abbonda di paesaggi e marine: in che modo la Sua pittura coglie l’essenza del paesaggio? Ci sono legami con la grande pittura paesaggistica dell’arte antica? E qual è il Suo rapporto con la natura?
Sono figlio dalla Natura, aggiungo parente stretto! Espressionista, tutta la mia Arte pittorica è subordinata all’elemento paesaggistico, nella natura si legano le problematiche umane: evidenzio tra le mie tele, dipinti come la Pietra Blu, i sogni di Primavera e d’Estate, tutta la serie Fronde Rosse, gli Alberi Blu, tutti oli su tela di intenso spessore lirico, legati alla storia di autori come Turner, Monet, Van Gogh, Lautrec.

Osservando le Sue opere, ci si trova spesso sorpresi dall’utilizzo di certi cromatismi, come il blu che sembra spesso permeare anche l’essenza del dipinto (“L’albero blu”, “La pietra blu”). Qual è il significato che Lei attribuisce al colore?
Il colore è il senso dell’Arte Moderna, il colore domina la lettura dell’Opera prima, geniale creazione visiva. Il test cromatico di Lüscher afferma che la preferenza al blu esprime il bisogno di quiete e serenità emotiva. Il blu è un colore che realmente racchiude l’attesa, la magia, il mistero della vita.

Qual è per Lei il ruolo dell’artista e qual è il messaggio che vuol far arrivare al pubblico attraverso la Sua arte?
Il ruolo dell’Artista è: entrare nel fondo nell’animo umano, attraverso differenti forme di espressione, nel mio caso coloristica, pongo all’attenzione di tutti la fede in una speranza, la mia è una fede Cattolica Cristiana, attraverso il superamento della sofferenza, trovo e metto in evidenza con il colore l’opera di Dio.

Sito dell’artista: www.paolosalvati.it



Gli autori di questo articolo: Federico Giannini e Ilaria Baratta

Gli articoli firmati Finestre sull'Arte sono scritti a quattro mani da Federico Giannini e Ilaria Baratta. Insieme abbiamo fondato Finestre sull'Arte nel 2009. Clicca qui per scoprire chi siamo

Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter: niente spam, una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Andrea Salvati in data 14/08/2013, 00:08:07

Chiaro documento di qualità, Paolo Salvati merita grazie alla sua storia nel mondo dell'Arte molte attenzioni, certamente sempre utili alla "meritocrazia artistica" che in questo caso trova un autore di prima fascia, Italiano.







Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Arte antica     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Barocco     Cinquecento     Quattrocento     Firenze     Genova     Roma    

Strumenti utili