Libere foto dei beni culturali, all'Archivio di Stato di Palermo una situazione da risolvere


Riceviamo e pubblichiamo una lettera della ricercatrice Cristina Agüero che denuncia come a Palermo ancora non si applichi la legge sulla libera riproduzione dei beni culturali.

Riceviamo e pubblichiamo da Cristina Agüero, ricercatrice spagnola laureata in Storia dell’arte, una lettera aperta che denuncia le condizioni in cui gli studiosi sono costretti a lavorare presso l’Archivio di Stato di Palermo. I lettori ricorderanno come Finestre sull’Arte abbia sempre dedicato particolare attenzione al dibattito sulla libera riproduzione delle immagini dei documenti d’archivio, finalmente sancita da una legge (la 124/2017) entrata in vigore lo scorso 29 agosto. Pare dunque che a Palermo la legge non venga applicata, tanto che è stata presentata un’interrogazione parlamentare per chiedere al Ministro dei Beni Culturali di far luce sulla vicenda. Ci auguriamo che la situazione possa essere risolta al più presto: nel frattempo, diamo voce alla dottoressa Agüero affinché cresca l’attenzione attorno a questa tematica. La lettera inizia dopo l’immagine.

Manoscritto antico
Ph. credit Finestre sull’Arte

Il 29 agosto è entrata in vigore in Italia una legge, la n. 124/2017, per la riproduzione con mezzi propri, gratuita ed esente da autorizzazione preventiva, delle fonti documentarie conservate negli archivi e biblioteche statali. Una legge molto avanzata, che ha permesso all’Italia di allinearsi con altri paesi europei dove questo diritto è riconosciuto da anni. Si viene incontro finalmente agli studiosi e ricercatori, i quali con la loro attività contribuiscono alla conoscenza, conservazione e valorizzazione della nostra memoria. In particolare la libera riproduzione punta al risparmio economico, ma soprattutto di un’altra risorsa fondamentale per ogni studioso, quella del tempo.

La legge è stata una piccola vittoria per tutti quelli archivisti e bibliotecari che considerano come loro missione la conservazione delle fonti, ma soprattutto una ancor più nobile attività, quella di rendere accessibili i fondi che custodiscono per facilitare la ricerca trasformando gli archivi e biblioteche in luoghi realmente vivi. Bisogna sottolineare che il patrimonio archivistico e bibliografico non appartiene solo agli studiosi ma a tutti i cittadini. Un patrimonio che ha molto ancora da raccontare ad ognuno di noi, come individui e come collettività: negli archivi notarili o comunali mi è capitato spesso di trovare persone che arrivavano a conoscere qualcosa di più sulla storia dei propri avi o della propria abitazione, sia per legittimi motivi giuridici, sia per genuina curiosità.

La legge è piaciuta poco a chi ancora pensa di vivere in pieno Antico Regime e di essere il padrone dei castelli e dei forzieri ivi nascosti, senza considerare che loro non sono altro che custodi chiamati a offrire un servizio ai veri proprietari di quel patrimonio, cioè i cittadini. È curioso che ci si ricordi improvvisamente della conservazione solo per negare ai cittadini un diritto acquisito per legge. Non occorre certo essere un esperto in conservazione per capire che nello sfogliare un registro per fotografarlo a distanza, questo soffre ancora meno rispetto alla continua manipolazione che è necessaria per trascriverne il contenuto. È altrettanto evidente che esistono documenti assai delicati che devono essere esclusi dalla normale consultazione (o quantomeno sottoposti a una consultazione sorvegliata) per preservare la loro integrità, ma ricorrere al pretesto della conservazione per impedire sistematicamente la riproduzione coi mezzi propri dei fondi custoditi presso l’Archivio di Stato di Palermo, costringendo i ricercatori a servirsi di un inutile e costoso servizio a pagamento, non solo significa calpestare un diritto riconosciuto dalla legge, ma ha il sapore di una vera e propria beffa ai danni degli studiosi. Gli utenti dell’archivio di Stato di Palermo hanno già indirizzato un appello al ministro Franceschini per chiedere di rendere effettiva la liberalizzazione anche in quella sede, che ci auguriamo tutti non cada nel vuoto.

Cristina Agüero. Laureata in Storia dell’Arte.



Se questo post ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter: niente spam, una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Nino blando in data 08/12/2017, 11:17:30

Ormai il pensiero unico a cinque stelle, fatto di esegesi del mercato, santificazione dello sforzo innovativo del martire cliente e assoluta mancanza di critica storica si è impossessato di noi consumati consumatori: non stupisce che il mestiere di storico per fortuna sia al tramonto mentre sorge il nuovo sole degli archivi trattati come magazzino di Amazon per consumatori take away.



2. Rita Loredana Foti in data 08/12/2017, 19:49:13

L'articolo 9 della Costituzione recita: "La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica [cfr. artt. 33, 34]. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione".
Il ricercatore e lo studioso frequentatore degli Archivi e delle fonti archivistiche dovrebbe conoscere e condividere non soltanto il primo punto dell'articolo ma anche il secondo, insieme alle fondamenta della ricerca e al richiamo al contesto. L'illimitata appropriazione individuale è un'altra cosa.







Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Seicento     Rinascimento     Barocco     Ottocento     Cinquecento     Firenze     Novecento     Quattrocento     Genova     Roma     Riforme    

Strumenti utili