Le fiere d'arte modificheranno il sistema dell'arte contemporanea? Il caso di Art Düsseldorf


Le fiere d'arte modificheranno la natura del sistema dell'arte contemporanea? Una riflessione a margine della visita alla seconda edizione di Art Düsseldorf

Düsseldorf è stata una delle città più importanti e più attive nell’ambito dell’arte contemporanea e del mercato artistico fra gli anni Settanta e Ottanta. Sede della famosa Kunstakademie (Accademia d’arti), è stata per alcuni decenni punto d’arrivo (e di partenza) di diversi studenti poi divenuti artisti famosi, quali Joseph Beuys, Gerhard Richter, Ruth Rogers-Altmann, Sigmar Polke, Anselm Kiefer, Thomas Struth, Andreas Gursky, Candida Höfer, solo per citarne alcuni. Questa città tedesca situata lungo il fiumo Reno è stata un riferimento vivido per gli artisti, le gallerie e i collezionisti d’arte, specie a partire dalla fine degli anni Sessanta, e continua ad esserlo tutt’oggi anche grazie alla presenza di istituzioni importanti, come la fondazione ZERO, e grazie alla realizzazione di una serie di eventi fra cui rientra la fiera d’arte Art Düsseldorf che quest’anno si è tenuta dal 16 al 18 Novembre.

Art Düsseldorf 2018, König Galerie, Areal Böhler, Düsseldorf. Ph. Credit Francesca Della Ventura
Art Düsseldorf 2018, König Galerie, Areal Böhler, Düsseldorf. Ph. Credit Francesca Della Ventura


Art Düsseldorf 2018, Galleria David Zwirner,  Areal Böhler, Düsseldorf. Ph. Credit Sebastian Drüen
Art Düsseldorf 2018, Galleria David Zwirner, Areal Böhler, Düsseldorf. Ph. Credit Sebastian Drüen


Art Düsseldorf 2018, Tony Cragg, Areal Böhler, Düsseldorf. Ph. Credit Sebastian Drüen
Art Düsseldorf 2018, Tony Cragg, Areal Böhler, Düsseldorf. Ph. Credit Sebastian Drüen


Art Düsseldorf 2018, Areal Böhler, Düsseldorf. Ph. Credit Felix Hild
Art Düsseldorf 2018, Areal Böhler, Düsseldorf. Ph. Credit Felix Hild

Art Düsseldorf è una fiera d’arte contemporanea di recente nascita (quest’anno la sua seconda edizione) che ha visto la partecipazione di novantuno gallerie provenienti da diciannove nazioni europee e internazionali. Forti del successo della prima edizione con ben 43.000 visitatori, quest’anno il numero delle gallerie presenti è cresciuto di ben 40 unità, incrementandone del 10% la superficie espositiva, quest’ultima istituita presso il complesso industriale dell’Areal Böhler.

Diverse le gallerie presenti e quasi la metà di queste sono di provenienza regionale (Germania e Belux), molte delle gallerie internazionali sono di origine europea, mentre le altre provengono da New York (fra cui le note David Zwirner e Marlborough Contemporary), Tokyo (Talion Gallery) e Taipei (Tina Keng Gallery e Mind Set Art Center). Quattro sono italiane: Galleria Rita Urso Artopia (Milano), Thomas Brambilla (Bergamo), Galleria Luce (Torino), Montrasio Arte (Monza). Una sezione della fiera è stata dedicata alle gallerie “post Lehman”, ovvero a quelle gallerie giovani che sono nate dopo la crisi economica che colpì anche il mondo dell’arte nel 2008 e che sono state supportate economicamente nel portare avanti le loro iniziative. Molte anche le opere degli artisti presenti in fiera. Quest’anno il focus dell’evento è stato l’installazione di sculture di grandi dimensioni, quali quelle di Meuser, Erwin Wurm e Tony Cragg. Diversi gli artisti tedeschi portati in fiera dalle gallerie: Georg Baselitz, Jeff Cowen, Jörg Immendorff, Markus Lüpertz, Per Kirkeby, Eugène Leroy, A.R.Penck, Sigmar Polke, Isa Genzken, Thomas Schütte.

Art Düsseldorf 2018, Areal Böhler, Düsseldorf. Ph. Credit Felix Hild
Art Düsseldorf 2018, Areal Böhler, Düsseldorf. Ph. Credit Felix Hild


Art Düsseldorf 2018, Talk with Jana Noritsch (Founder of the Collectors Club), Ann Kathrin Bronner (Collector/gallery owner), Susanne Gaensheimer (Director of Kunstsammlung NRW), Kristina Leipold (Ltg. Development, Gropius Bau), Wolfram Roßner (Art Thinking), Ph. Credit Felix Hild
Art Düsseldorf 2018, Talk with Jana Noritsch (Founder of the Collectors Club), Ann Kathrin Bronner (Collector/gallery owner), Susanne Gaensheimer (Director of Kunstsammlung NRW), Kristina Leipold (Ltg. Development, Gropius Bau), Wolfram Roßner (Art Thinking), Ph. Credit Felix Hild


Art Düsseldorf 2018, Walter Gehlen (Direttore e fondatore di Art Düsseldorf), Felix Kra?mer (Direttore del museo Kunstpalast, Du?sseldorf). Ph. Credit Felix Hild
Art Düsseldorf 2018, Walter Gehlen (Direttore e fondatore di Art Düsseldorf), Felix Kra?mer (Direttore del museo Kunstpalast, Du?sseldorf). Ph. Credit Felix Hild


Areal Böhler, Düsseldorf. Ph. Credit Sebastian Drüen
Areal Böhler, Düsseldorf. Ph. Credit Sebastian Drüen

Il direttore di Art Düsseldorf, Walter Gehlen, ha voluto poi inserire un ricco programma di eventi collaterali sparsi per la città di Düsseldorf, visite guidate per giovani collezionisti, oltre che a un proficuo programma di incontri e dibattiti che si sono tenuti presso l’area “Talks” della fiera d’arte, a cui hanno partecipato galleristi, storici dell’arte, collezionisti e che si sono incentrati sulle tematiche del femminismo, l’uso dei social network nel campo dell’arte e le politiche culturali contemporanee. Obiettivo dell’Art Düsseldorf è quello di crescere annualmente come manifestazione d’arte, cercando di essere, al pari della ben più nota e storica Art Cologne, il motore artistico della regione in quanto punto di incontro per gli attori emergenti della scena artistica.

Le fiere d’arte, infatti, stanno assumendo sempre più il ruolo che precendentemente era delle gallerie in quanto a scoperta e affermazione degli artisti, soprattutto a seguito del grande flusso dei collezionisti e investitori d’arte che vi partecipano. Conseguenza del proliferare delle fiere d’arte potrebbe essere la modifica della natura stessa del sistema artistico contemporaneo, portando ad un’accelerazione continua della produzione fino al raggiungimento della sua stessa banalizzazione. È importante, pertanto, che le fiere d’arte siano accompagnate anche da eventi collaterali e da programmi culturali ben solidi per stimolare anche la riflessione sulle problematiche culturali contemporanee, come è avvenuto nel caso di questa Art Düsseldorf.



L'autrice di questo articolo: Francesca Della Ventura

Francesca Della Ventura è PhD student in storia dell'arte presso il Kunsthistorisches Institut dell'Università di Colonia.


Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter: niente spam, una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!


Artissima 2018, cinque buone ragioni (tra le tante) per visitare la fiera
Artissima 2018, cinque buone ragioni (tra le tante) per visitare la fiera
Le 10 opere da non perdere a Flashback 2018
Le 10 opere da non perdere a Flashback 2018
Artissima, 10 opere del Deposito d'Arte Italiana Presente
Artissima, 10 opere del Deposito d'Arte Italiana Presente


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



Nessun commento dal sito per questo articolo.





Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Cinquecento     Novecento     Barocco     Quattrocento     Firenze     Genova     Roma    

Strumenti utili