Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains. La mostra interamente dedicata alla carriera e al mondo dei Pink Floyd


Recensione della mostra 'The Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains'. A Dortmund, Dortmunder U, dal 15 settembre 2018 al 10 maggio 2019.

La storia della città di Dortmund, maggiore centro della regione industriale della Ruhr, è strettamente connesso alla storia e alla carriera di uno dei gruppi più famosi della musica rock, i Pink Floyd. Proprio a Dortmund, nel 1981, si tennero otto spettacolari concerti del tour mondiale dei Pink Floyd, The Wall, che interessò esclusivamente solo quattro città in tutto il mondo: Dortmund, Londra, Los Angeles e New York.

Proprio a Dortmund, presso la Dortmunder U, dallo scorso 15 settembre e fino al 10 febbraio 2019, è possibile visitare la mostra itinerante interamente dedicata ai Pink Floyd. La mostra multimediale e interattiva è stata curata principalmente dal Victoria and Albert Museum che già nel 2013 ha allestito l’affascinante e coinvolgente esposizione dedicata a David Bowie, David Bowie Is, giunta nel 2016 al MAMbo di Bologna (chi ha avuto la fortuna e il piacere di visitarla sa perfettamente di cosa sto parlando). Sull’onda dello stesso successo di quest’ultima, l’esposizione dedicata ad uno dei gruppi britannici che hanno cambiato la storia del rock, dopo aver avuto sede al V&A di Londra e al MACRO di Roma, approda in Germania, nel cuore dell’Europa.

I Pink Floyd. Courtesy of Pink Floyd. Their Mortal Remains
I Pink Floyd. Courtesy of Pink Floyd. Their Mortal Remains


Immagini dalla mostra Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains a Dortmund. Ph. Credit Francesca Della Ventura
Immagini dalla mostra Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains a Dortmund. Ph. Credit Francesca Della Ventura


Immagini dalla mostra Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains a Dortmund. Ph. Credit Francesca Della Ventura
Immagini dalla mostra Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains a Dortmund. Ph. Credit Francesca Della Ventura


Immagini dalla mostra Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains a Dortmund. Ph. Credit Francesca Della Ventura
Immagini dalla mostra Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains a Dortmund. Ph. Credit Francesca Della Ventura


Immagini dalla mostra Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains a Dortmund. Ph. Credit Francesca Della Ventura
Immagini dalla mostra Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains a Dortmund. Ph. Credit Francesca Della Ventura

La retrospettiva The Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains ripercorre, secondo un percorso espositivo cronologico e audio-visivo a 360 gradi, la storia del gruppo formatosi nel 1965, grazie al genio di Syd Barrett (sostituito nel 1968 da David Gilmour), Roger Waters, Richard Wright e Nick Mason. In mille metri quadri di superficie sono disposti ben trecentocinquanta oggetti (strumenti musicali, foto, disegni, spartiti, poster, articoli di giornali,...) e video-audio installazioni che ripercorrono i cinquanta anni della storia musica della band britannica.

Il nome della band deriva da due musicisti blues, “Pink” Anderson e “Floyd” Council, i cui album facevano parte della collezione di Syd Barrett. Quest’ultimo, definito da Gilmour “genio folle”, firma quasi tutte le tracce del primo album ,The Piper At The Gates of Dawn, per poi lasciare la band (probabilmente a causa di problemi mentali e di uso di droghe) nel 1968, anno in cui gli succederà il chitarrista David Gilmour. Nel 1968 esce anche il loro secondo album, A Saucerful of Secrets, la cui maggior parte delle tracce è, invece, composta da Roger Waters. La mostra segue poi cronologicamente il corso della carriera dei Pink Foyd, dall’album Ummagumma del 1969 a The Wall del 1979, passando per i storici The Dark Side Of The Moon (1973), Wish you Were Here (1976), quest’ultimo dedicato proprio a Syd Barrett, e Animals del 1977, un album socialmente critico, ispirato a La Fattoria degli Animali di George Orwell. L’ultima parte della mostra è dedicata agli album post-Waters: nel 1985, Rogers lascia la band e al suo posto entra nuovamente Richard Wright. Il percorso espositivo termina con un’esperienza audio 3D che conduce il visitatore ad essere “sommerso” sonoricamente (grazie anche allo schermo video di 20 metri) dalla riproduzione dell’ultimo concerto in cui David Gilmour, Roger Waters, Nick Mason e Richard Wright hanno suonato insieme in occasione del Live 8 nel 2005.

Immagini dalla mostra Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains a Dortmund. Ph. Credit Francesca Della Ventura
Immagini dalla mostra Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains a Dortmund. Ph. Credit Francesca Della Ventura


Immagini dalla mostra Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains a Dortmund. Ph. Credit Francesca Della Ventura
Immagini dalla mostra Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains a Dortmund. Ph. Credit Francesca Della Ventura


Immagini dalla mostra Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains a Dortmund. Ph. Credit Francesca Della Ventura
Immagini dalla mostra Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains a Dortmund. Ph. Credit Francesca Della Ventura


Nick Mason alla conferenza stampa di inaugurazione della mostra. Ph. Credit Roland Baege
Nick Mason alla conferenza stampa di inaugurazione della mostra. Ph. Credit Roland Baege

I Pink Floyd sono stati definiti dalla “Rock and Roll Hall of Fame” come gli architetti dei due maggiori movimenti musicali (il rock psichedelico e il blues basato sul progressive rock). Sono stati i primi a sperimentare, già nel 1967, in occasione del concerto per i Giochi di Maggio presso la Elizabeth Hall di Londra, il surround, fabbricando suoni che avvolgevano a 360 gradi l’ascoltatore. La grandezza di questi musicisti è stata proprio nelle performance live, dove effetti pirotecnici, luci, spezzoni di film, proiezioni psichedeliche, sculture gonfiabili e apparecchiature aeree hanno ricreato un universo unico di cui i lettori che hanno avuto la fortuna di assistervi sicuramente ricorderanno.

Malgrado la poca pubblicità effettuata durante la sua sede romana al MACRO (un vero peccato, vista l’alta qualità e l’interesse dello stesso percorso espositivo), la mostra si presenta come uno degli highlight culturali di quest’anno non solo nella regione della Renania Settentrionale, ma anche dell’intera Germania. The Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains è una collaborazione fra i membri della band, specie nella figura di Nick Mason, e il curatore e direttore creativo, Aubrey “Po” Powell, con la curatela addizionale dello staff del Victoria & Albert Museum, Victoria Broackes. Una visita da parte degli appassionati e nostalgici del gruppo britannico che fino al 10 febbraio 2019 sono di passaggio a Dortmund è, pertanto, quasi d’obbligo.


Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante, prova il nuovo trimestrale cartaceo di Finestre sull'Arte: 168 pagine a colori, in carta patinata ed elegante brossura, con articoli nuovi e unici (non li trovi sul web). Il magazine è in vendita solo in abbonamento fino al 15 febbraio, al costo di 29,90 euro l'anno. Clicca qui per maggiori informazioni.


L'autrice di questo articolo: Francesca Della Ventura

Francesca Della Ventura è PhD student in storia dell'arte presso il Kunsthistorisches Institut dell'Università di Colonia.



We can be heroes, just for one day. David Bowie, La Spezia
We can be heroes, just for one day. David Bowie, La Spezia
A David Bowie piaceva Picasso
A David Bowie piaceva Picasso
Tutta al femminile: la mostra su Gabriele Münter, compagna di Vasilij Kandinskij e co-fondatrice del Cavaliere Azzurro
Tutta al femminile: la mostra su Gabriele Münter, compagna di Vasilij Kandinskij e co-fondatrice del Cavaliere Azzurro


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Renzo Cappellazzo in data 10/12/2018, 20:49:55

È vero una mostra poco pubblicizzata in Italia e chiusa prima del previsto. Da appassionato fan dei P.F. ho fatto 1200 km per poter viaggiare nel loro inimitabile cosmo musicale. Ho goduto con tutti i sensi nel vedere gli strumenti che hanno fatto la storia di album epici e inimitabili. Una grande mostra degna della loro fama e della loro storia, da vedersi assolutamente solo per conoscere tanti aspetti e curiosità che hanno alimentato tante leggende di questo fantastico gruppo!



2. Ettore in data 16/12/2018, 22:54:23

Articolo chiaro e conciso scritto da persona competente



3. Sore in data 09/01/2019, 10:41:32

Grazie, mi hai convinto ad andarci. Purtroppo avevo perso la possibilità di andarci in Italia, anche per colpa della poca pubblicità che è stata fatta.







Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Barocco     Firenze     Quattrocento     Genova     Roma    

Strumenti utili