Finestre sull'Arte - Seconda puntata

Piero della Francesca

Piero della Francesca


El monarcha de la pittura



Puntata 2 - 11 maggio 2009
Durata: 21'25"



Clicca qui per il download diretto


La seconda puntata di Finestre sull'Arte è incentrata sulla figura di Piero della Francesca, "el monarcha de la pittura" come lo definì l'amico matematico Luca Pacioli. Piero della Francesca è uno dei cardini del Rinascimento italiano: la sua pittura fatta di armonia e geometrismo, misurata in ogni singolo dettaglio, ha appassionato generazioni di amanti dell'arte. Ilaria e Federico ci portano dunque alla scoperta di uno dei più grandi rappresentanti dell'Umanesimo nonché uno dei più importanti pittori della storia dell'arte.

Immagine: Storie della Vera Croce: Annunciazione (particolare), 1452-1466; affresco; Arezzo, San Francesco.



Approfondimenti

Piero della Francesca (Borgo Sansepolcro, 1412 circa - 1492)

Biografia


1412 Piero di Benedetto nasce a Borgo Sansepolcro, l'odierna Sansepolcro. Il padre Benedetto è un commerciante, la madre si chiama Romana di Perino. Il nome con cui è universalmente noto deriva forse dall'appellativo del padre, “Benedetto di Piero della Francesca”, in quanto il nonno aveva sposato una donna di nome Francesca.
Anni '20 È a bottega da Antonio di Anghiari.
1432 Un documento certifica la prima committenza di Piero: l'opera però non viene portata a termine.
1435 ca. Esegue la Madonna col Bambino in collezione privata, la prima opera di Piero che conosciamo.
1438 Lascia la bottega di Antonio di Anghiari e si trasferisce ad Arezzo.
1439 Piero è a Firenze dove lavora insieme a Domenico Veneziano nella cappella di Sant'Egidio nell'ospedale di Santa Maria Nuova. Nello stesso anno si svolge il Concilio di Firenze con l'incontro tra papa Eugenio IV e l'imperatore d'Oriente Giovanni VIII Paleologo: Piero si ricorderà di questo evento quando realizzerà la Leggenda della Vera Croce.
1442 Torna a Borgo dove apre la sua bottega. Intorno a quest'anno esegue il Battesimo di Cristo.
1445 Nella città natale gli viene commissionato il Polittico della Misericordia. In seguito a lavori molto tribolati l'opera verrà completata solo nel 1462.
1445 ca. È a Ferrara dove viene chiamato da Borso d'Este per eseguire alcuni lavori. In seguito compie anche un breve soggiorno a Rimini.
1447 Viaggia nelle Marche: si trattiene a Loreto, a Urbino e ad Ancona.
1450 Esegue il San Girolamo. Intorno allo stesso anno scrive il Liber abaci, la sua prima opera come teorico: è un trattato di calcoli commerciali.
1451 È a Rimini dove dipinge gli affreschi del Tempio Malatestiano.
1452 Ad Arezzo muore Bicci di Lorenzo che era stato incaricato di decorare il coro della chiesa di San Francesco. Gli subentra Piero che in sette anni dipinge uno dei più grandi capolavori della storia dell'arte: la Leggenda della Vera Croce.
1458 Dipinge la Resurrezione.
1459 Intorno a quest'anno dipinge la Maddalena nel Duomo di Arezzo. Dopo aver terminato la Leggenda della Vera Croce, Piero si trasferisce a Roma dove svolge alcuni lavori (perduti) per Pio II. Tuttavia viene raggiunto dalla notizia della scomparsa della madre e torna a Borgo. Non farà più ritorno a Roma.
1464 Piero è di nuovo ad Arezzo. Intorno a quest'anno esegue l'Ercole, l'unica sua opera di soggetto profano che conosciamo.
1468 Termina il Polittico di Perugia.
1469 Torna ad Urbino chiamato da Federico di Montefeltro che gli commissiona alcune delle sue opere più celebri.
1472 ca. Esegue i ritratti dei duchi di Urbino conservati agli Uffizi.
1474 Termina la Pala Montefeltro attualmente conservata alla Pinacoteca di Brera di Milano.
1478 ca. Dipinge la Madonna di Senigallia.
1479 Torna a Borgo San Sepolcro. Ci rimangono pochi dipinti della sua produzione degli anni seguenti.
1480 ca. Scrive il suo trattato più famoso, il De prospectiva pingendi, sulla prospettiva.
1481 ca. Esegue la Natività conservata alla National Gallery di Londra.
1482 È a Rimini dove scrive il De quinque corporibus regularibus, un trattato sulla geometria euclidea.
1492 Scompare a Sansepolcro il 12 ottobre.
La biografia dell'artista è disponibile gratuitamente in formato PDF, in modo da poterla scaricare, salvare e stampare! Si tratta di un documento agile e rapido che è possibile scaricare liberamente con il sistema Pay with a tweet: significa che è possibile avere la biografia in cambio di un tweet su Twitter o di un post su Facebook. Per scaricarla clicca sul pulsante qua sotto!
Scarica gratis in cambio di un tweet o di un post su Facebook!
Relazioni


Allievo di: Antonio d'Anghiari
Guardò a: Masaccio - Paolo Uccello - Beato Angelico - Domenico Veneziano
Maestro di: Luca Signorelli - Lorentino d'Andrea
Guardarono a lui: Andrea Mantegna - Cosmè Tura - Giovanni Bellini - Melozzo da Forlì - Perugino - Francesco Laurana - Pinturicchio - Pedro Berruguete - Giusto di Gand - Bartolomeo Della Gatta - Donato Bramante - Antonello da Messina - Marco Zoppo - Bono da Ferrara - Lorenzo da Viterbo - Antoniazzo Romano - Giovanni Martino Spanzotti - Donato Bramante
Principali mecenati e committenti: Sigismondo Malatesta - Federico da Montefeltro

Immagini


Opere citate nella trasmissione (facendo clic si apriranno in una pagina nuova):

Madonna col Bambino (1435 ca.; collezione privata)
Polittico della Misericordia (1445-1462; Sansepolcro, Pinacoteca Comunale)
Ritratto di Federico da Montefeltro (1465-66; Firenze, Uffizi)
Ritratto di Battista Sforza (1465-66; Firenze, Uffizi)
Pala Montefeltro (1472-74; Milano, Pinacoteca di Brera)
Leggenda della Vera Croce: Morte di Adamo - La regina di Saba e re Salomone - Seppellimento del legno - Annunciazione - Sogno di Costantino - Battaglia tra Costantino e Massenzio - Tortura degli ebrei nel pozzo - Ritrovamento della Vera Croce - Battaglia tra Eraclio e Cosroe - Esaltazione della Croce (1452-66; Arezzo, San Francesco)
Flagellazione (1460 ca.; Urbino, Galleria Nazionale delle Marche)
Ercole (1470 ca.; Boston, Isabella Stewart Gardner Museum)

Altre immagini:


Web Gallery of Arts

Libri da leggere


- Piero Allegretti, Piero della Francesca, Rizzoli, 2005.
- Marco Bussagli, Piero della Francesca, Giunti, 1996.

Mostre e musei da visitare


- Arezzo, chiesa di San Francesco e Duomo
- Sansepolcro (AR), Pinacoteca civica
- Firenze, Galleria degli Uffizi
- Urbino, Galleria Nazionale delle Marche
- Milano, Pinacoteca di Brera
- Rimini, Tempio Malatestiano
- Londra, National Gallery





I libri e i musei indicati nella pagina non vogliono fornire un panorama esaustivo sull'artista ma sono indicativi per poter approfondire i contenuti della trasmissione.




Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Arte antica     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Barocco     Ottocento     Cinquecento     Novecento     Firenze     Quattrocento     Genova     Roma    

Strumenti utili