Finestre sull'Arte - Sesta puntata (speciale)

Mattia Preti

Mattia Preti (speciale)


La grande arte del Cavalier Calabrese nel quarto centenario della nascita



Puntata 6 - 24 maggio 2013
Durata: 27'11"



Clicca qui per il download diretto


Il 24 febbraio del 2013 a Taverna, un paesino sui monti della Sila, nasceva uno dei più grandi artisti del Seicento, Mattia Preti: Finestre sull'Arte celebra il quarto centenario della nascita del pittore che fu soprannominato "il Cavalier Calabrese" con uno speciale in cui Ilaria e Federico ripercorrono tutta la sua carriera, dagli inizi a Roma insieme al fratello Gregorio e segnati dall'interesse sia per i pittori caravaggeschi che per i pittori bolognesi (con viaggi nell'Italia settentrionale grazie ai quali Mattia Preti entrò in contatto con l'arte veneta), attraverso i suoi successi per arrivare a Malta, dove si svolse l'ultima parte della sua carriera. Mattia Preti fu un artista molto prolifico e non è facile scegliere tra i suoi molti capolavori: ma quelli scelti in questa puntata cercheranno di dare a tutti un panorama il più completo possibile sull'arte di questo grande pittore!

Immagine: Predica di Giovanni Battista (particolare), 1672 circa; olio su tela, 290 x 202 cm; Taverna (CZ), San Domenico.





Approfondimenti

Mattia Preti detto il Cavalier Calabrese (Taverna, 1613 - La Valletta, 1699)

Biografia


1613Mattia Preti nasce il 24 febbraio a Taverna, piccolo centro sui monti della Sila oggi in provincia di Catanzaro, da Cesare e Innocenza Schipani, che appartengono alla piccola nobiltà locale.
1630 circaAttorno a quest'anno si trasferisce a Roma per studiare assieme al fratello maggiore Gregorio, anch'egli pittore. Rimarrà affascinato dalla pittura dei caravaggeschi (in particolare Bartolomeo Manfredi, che con la sua manfrediana methodusispirerà alcune opere di Mattia) e da quella degli artisti bolognesi. Parallelamente compie viaggi nell'Italia settentrionale, dove oltre ad approfondire la pittura emiliana, entra in contatto con la pittura veneta. Probabilmente compie anche un viaggio in Francia. Intorno allo stesso anno dipinge anche la Fuga di Enea da Troia, una delle sue prime opere.
1640 circaFa ritorno a Roma a seguito dei suoi viaggi di studio.
1642Mattia diventa cavaliere di Malta.
1645 circaÈ a Genova dove lavora per alcune delle famiglie nobili locali e dipinge capolavori come Clorinda libera Sofronia e Olindo dal rogo e la Resurrezione di Lazzaro, entrambi conservati nella città ligure.
1650Dopo la scomparsa di Giovanni Lanfranco, in occasione del giubileo il cardinale Francesco Peretti commissiona a Mattia gli affreschi del coro della chiesa romana di Sant'Andrea della Valle: Mattia chiederà consigli a Pietro da Cortona, ma l'opera si rivelerà un insuccesso e a nulla varranno le consolazioni degli amici. È comunque uno dei suoi lavori più interessanti in quanto unico esempio di cortonismo nella sua arte.
1653L'artista si trasferisce a Napoli probabilmente, come racconta il suo biografo Bernardo De Dominici, dopo aver ferito un rivale in un duello di scherma (Mattia Preti era anche un eccellente schermitore).
1656Esegue il Ritorno del figliol prodigo conservato al Museo Nazionale di Capodimonte a Napoli. Nello stesso anno inizia a realizzare dipinti votivi sulle porte della città, per scongiurare la peste. Pare che Mattia abbia realizzato gratuitamente gli affreschi, perché fu condannato a morte dopo aver ucciso una guardia che non voleva farlo entrare in città al suo arrivo, ma dato che era un personaggio illustre, la pena gli fu commutata.
1661Mattia compie un nuovo breve soggiorno a Roma, ma poi si trasferisce a Malta, dove si stabilisce definitivamente, diventando pittore ufficiale dell'ordine dei Cavalieri di Malta. Nello stesso anno inizia la sua prima impresa maltese, la decorazione della Cattedrale di San Giovanni Battista, terminata nel 1666.
1672Attorno a quest'anno inizia a realizzare alcuni dipinti per la sua città natale, Taverna: ne realizzerà diversi anche in seguito.
1678Dipinge il San Giorgio per la Basilica di San Giorgio a Gozo. Attorno allo stesso anno realizza opere per chiese di Floriana.
1683Esegue alcune opere per l'oratorio della Decollazione alla Valletta.
1699Mattia Preti scompare il 3 gennaio alla Valletta.
Scarica la biografia in formato PDF

Relazioni


Guardò a: Bartolomeo Manfredi - Valentin de Boulogne - Caravaggio - Guercino - Ludovico Carracci - Domenichino - Paolo Veronese - Tintoretto - Giovanni Lanfranco - Luca Cambiaso - Massimo Stanzione - Luca Giordano - Antonio Gherardi - Giacinto Brandi
Maestro di: Domenico Viola - Gioacchino Loretta
Guardarono a lui: Bernardino Mei - Francesco Solimena - Luca Giordano - Tommaso Giaquinto - Ferrante Amendola
Principali mecenati e committenti: Ordine dei Cavalieri di Malta - Francesco Peretti - famiglia Brignole - famiglia Spinola

"La nota" - rubrica a cura di Anselmo Nuvolari Duodo e Giovanni De Girolamo


L'arte di Mattia Preti (di Anselmo Nuvolari Duodo) - fai clic sul titolo per leggere l'articolo!


Immagini


Opere citate durante la trasmissione

Fuga di Enea da Troia (1630 ca.; Roma, Galleria Nazionale di Arte Antica)
Concerto (1630-35 ca.; San Pietroburgo, Hermitage)
Partita a dama (1630-35 ca.; Oxford, Ashmolean Museum)
Il tributo (1640 ca.; Milano, Pinacoteca di Brera)
Clorinda libera Sofronia e Olindo dal rogo (1640-45 ca.; Genova, Palazzo Rosso)
Resurrezione di Lazzaro (1640-45 ca.; Genova, Palazzo Rosso)
Affreschi del coro di Sant'Andrea della Valle: Vista generale - Crocifissione di sant'Andrea - Martirio di sant'Andrea - Sepoltura di sant'Andrea (1650-51 ca.; Roma, Sant'Andrea della Valle)
Ritorno del figliol prodigo (1656; Napoli, Museo Nazionale di Capodimonte)
Resurrezione di Lazzaro (1656-60 ca.; Roma, Galleria Nazionale di Arte Antica)
Parabola del ricco Epulone (1655-60 ca.; Roma, Galleria Nazionale di Arte Antica)
Volta della Cattedrale di San Giovanni Battista (1661-66; La Valletta, Cattedrale di San Giovanni Battista)
Battesimo di Cristo (1661-66; La Valletta, Cattedrale di San Giovanni Battista)
San Giorgio (1678; Gozo, Basilica di San Giorgio)
Battesimo di Cristo (1680 ca.; Taverna, Santa Barbara)
Madonna col Bambino e i santi Michele e Francesco (1680 ca.; Taverna, Museo Civico)
Predica di san Giovanni Battista (1672 ca.; Taverna, San Domenico)


Altre immagini:
Web Gallery of Arts.

Libri da leggere


  • Nicola Spinosa, Mattia Preti. Tra Roma, Napoli e Malta, Electa, 2003
  • Keith Sciberras, Salvo De Luca, Laura Petralia, Mattia Preti ripete sé stesso. L'attività di bottega del «cavaliere calabrese», Associazione Culturale Centro Storico, 2010
  • Vincenzo Napolillo, Mattia Preti. Genio pittorico del Seicento, Orizzonti Meridionali, 2013
  • Aldo Ceccarelli, Mattia Preti in Calabria, Rubbettino, 1990


Mostre e musei da visitare


  • Mostra: Mattia Preti. Faith and humanity, La Valletta (Malta), Grandmasters Palace, fino al 7 luglio 2013
  • Mostra: Il Cavalier Calabrese Mattia Preti, Reggia della Venaria Reale, fino al 15 settembre 2013
  • Taverna (CZ), Museo Civico
  • Taverna (CZ), Santa Barbara
  • Taverna (CZ), San Domenico
  • Roma, Galleria Nazionale d'Arte Antica
  • Roma, Galleria Doria Pamphilj
  • Roma, Sant'Andrea della Valle
  • Genova, Museo di Palazzo Rosso
  • Genova, Galleria Nazionale di Palazzo Spinola
  • Milano, Pinacoteca di Brera
  • Bologna, Pinacoteca Nazionale
  • Napoli, Museo Nazionale di Capodimonte
  • Napoli, San Pietro a Maiella
  • Napoli, San Domenico Maggiore
  • Modena, San Biagio
  • L'Aquila, Museo Nazionale d'Abruzzo
  • Carpi (MO), Museo Civico
  • La Valletta, Cattedrale di San Giovanni Battista
  • La Valletta, National Museum of Fine Arts
  • La Valletta, Sant'Agostino
  • La Valletta, San Francesco
  • La Valletta, Chiesa dei Gesuiti
  • Rabat (Gozo), Basilica di San Giorgio
  • Floriana, Chiesa di Sarria
  • Mdina, Cattedrale di San Paolo
  • Zurrieq, Santa Caterina
  • Lione, Musée des Beaux-Arts
  • Carcassonne, Musée des Beaux-Arts
  • Londra, National Gallery
  • Oxford, Ashmolean Museum
  • Liverpool, Walker Art Gallery
  • Madrid, Prado
  • Madrid, Museo Thyssen-Bornemisza
  • Siviglia, Museo de Bellas Artes
  • San Pietroburgo, Hermitage
  • New York, Metropolitan Museum
  • Los Angeles, Getty Museum
  • Sarasota, Ringling Museum of Art





I libri e i musei indicati nella pagina non vogliono fornire un panorama esaustivo sull'artista ma sono indicativi per poter approfondire i contenuti della trasmissione.




Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Arte antica     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Barocco     Cinquecento     Quattrocento     Firenze     Genova     Roma    

Strumenti utili