Finestre sull'Arte - Sesta puntata

Jacopo Ligozzi

Giovanni Bellini


Gli esordi del Rinascimento a Venezia



Puntata 6 - 25 luglio 2014
Durata: 35'31"



Clicca qui per il download diretto


Giovanni Bellini è uno dei grandi nomi della storia dell'arte italiana in quanto è considerato l'iniziatore del Rinascimento a Venezia. Nato in una famiglia di pittori (il padre Jacopo e il fratello Gentile furono tra i più importanti artisti della Venezia quattrocentesca), riuscì presto a slegarsi dagli schemi tardogotici entro cui si era formato per abbracciare dapprima l'arte del cognato Andrea Mantegna, poi quella di Piero della Francesca e ancora quella di Antonello da Messina, che rese la sua arte più luminosa e più morbida: pronta, insomma, per aprire la strada alla pittura tonale, tipicamente veneta, che avrebbe trovato in Giorgione il suo massimo interprete (e anche con il pittore di Castelfranco ci furono influenze vicendevoli). Ilaria e Federico ci portano dunque alla scoperta dei capolavori di un artista di primissimo livello che con i suoi dipinti è riuscito a cambiare un'epoca.

Immagine: Pala di san Zaccaria (particolare), 1505; olio su tela, 500 x 235 cm; Venezia, San Zaccaria.





Approfondimenti

Giovanni Bellini, conosciuto anche come "il Giambellino" (Venezia, 1430 circa - 1516)

Biografia


1430 circaGiovanni Bellini nasce a Venezia, in una famiglia di pittori: il padre Jacopo è uno dei più importanti pittori dell'epoca e il fratello Gentile diventerà, anche lui, un artista di primo piano. Compie il suo apprendistato nella bottega paterna, ma degli anni giovanili abbiamo pochissime notizie certe.
1459Risale a quest'anno il primo documento che lo cita, in cui compare come testimone per un notaio veneziano. Nel frattempo aveva conosciuto Andrea Mantegna, era diventato suo cognato nel 1453 (in quanto Mantegna aveva sposato sua sorella Nicolosia) e aveva iniziato a produrre alcune opere dal chiaro sapore mantegnesco, come la Trasfigurazione del Museo Correr di Venezia o la Presentazione al Tempio oggi conservata alla Fondazione Querini Stampalia di Venezia (che però forse potrebbe essere stata realizzata attorno al 1460).
1460 circaDipinge attorno a quest'anno la celebre Pietà oggi conservata alla Pinacoteca di Brera.
1464Inizia il Polittico di san Vincenzo Ferrer per la Basilica dei Santi Giovanni e Paolo di Venezia, opera che sarà forse finita tre anni più tardi.
1470È incaricato di eseguire un dipinto per la Scuola di San Marco, un Diluvio universale, ma non porterà mai a termine l'impresa. Negli stessi anni, probabilmente, compie un soggiorno nelle Marche, dove entra a contatto diretto con l'arte di Piero della Francesca. Sempre negli anni Settanta, conosce Antonello da Messina e dipinge la Pala Pesaro.
1479Dopo la partenza del fratello Gentile per Costantinopoli, ottiene l'incarico, precedentemente assegnato a Gentile, di restaurare alcune pitture nel Palazzo Ducale di Venezia.
1483Viene nominato pittore ufficiale della Repubblica.
1487 circaAttorno a quest'anno dipinge la Pala di san Giobbe.
1488Assieme al fratello Gentile lavora ad alcune pitture per la Sala del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale. Nello stesso anno realizza il Trittico dei Frari.
1490 circaForse attorno a quest'anno inizia a dipingere uno dei suoi capolavori più noti, l'Allegoria sacra conservata oggi agli Uffizi, uno dei dipinti più problematici e discussi dell'intera storia dell'arte.
1496Giovanni entra in contatto con Isabella d'Este, con la quale tratterà per un dipinto destinato allo studiolo della marchesa di Mantova.
1502Entro quest'anno, probabilmente, Giovanni termina il Battesimo di Cristo per la chiesa di Santa Corona a Vicenza.
1505L'artista data a quest'anno la Pala di san Zaccaria per l'omonima chiesa di Venezia.
1507In seguito alla scomparsa del fratello termina da solo la Predica di san Marco ad Alessandria iniziata da Gentile (oggi si trova alla Pinacoteca di Brera a Milano).
1514Dipinge il Festino degli dèi, oggi alla National Gallery di Washington.
1516L'artista scompare il 29 novembre a Venezia.
La biografia dell'artista è disponibile gratuitamente in formato PDF, in modo da poterla scaricare, salvare e stampare! Si tratta di un documento agile e rapido che è possibile scaricare liberamente con il sistema Pay with a tweet: significa che è possibile avere la biografia in cambio di un tweet su Twitter o di un post su Facebook. Per scaricarla clicca sul pulsante qua sotto!
Scarica la biografia in formato PDF
Relazioni


Allievo di: Jacopo Bellini
Guardò a: Paolo Uccello - Andrea Mantegna - Piero della Francesca - Antonello da Messina - Giorgione - arte fiamminga
Maestro di: Giorgione? - Tiziano - Sebastiano del Piombo? - Cima da Conegliano? - Giovanni Mansueti - Benedetto Coda - Bartolomeo Veneto
Guardarono a lui: Giorgione - Lorenzo Lotto - fra' Bartolomeo - Carlo Crivelli - Vittore Carpaccio - Lorenzo Costa - Marco Palmezzano - Lazzaro Bastiani - Bartolomeo Cincani - Boccaccino Boccacci - Girolamo Mocetto - Martino da Udine detto Pellegrino di San Daniele - Marco Bello - Francesco Bissolo - Francesco India - Andrea da Murano - Paolo Morando - Ambrogio da Fossano detto il Bergognone - Girolamo da Santacroce - Altobello Melone - Bronzino
Principali mecenati e committenti: Repubblica di Venezia - Isabella d'Este

Immagini


Opere citate durante la trasmissione

Pietà (1455-1460 circa; Bergamo, Accademia Carrara)
Trasfigurazione (dopo il 1455; Venezia, Museo Correr)
Presentazione al Tempio (1460 circa; Venezia, Fondazione Querini Stampalia)
Pietà (1460 circa; Milano, Pinacoteca di Brera)
Polittico di San Vincenzo Ferrer (1464-1467 circa; Venezia, Santi Giovanni e Paolo)
Pala di Pesaro: Incoronazione della Vergine (1470-1475 circa; Pesaro, Musei Civici)
San Girolamo (1480 circa; Firenze, Uffizi)
Pala di San Giobbe (1487 circa; Venezia, Gallerie dell'Accademia)
Allegoria sacra (1490-1504 circa; Firenze, Uffizi)
Battesimo di Cristo (1500-1502; Vicenza, Santa Corona)
Sacra Conversazione o Pala di San Zaccaria (1505; Venezia, San Zaccaria)
Madonna col Bambino (1510; Milano, Pinacoteca di Brera)
Madonna Trivulzio (1460 circa; Milano, Musei Civici del Castello Sforzesco)
Madonna di Alzano (1485; Bergamo, Accademia Carrara)


Altre immagini:
Web Gallery of Arts.

Libri da leggere




Mostre e musei da visitare


  • Venezia, Fondazione Querini Stampalia
  • Venezia, Museo Correr
  • Venezia, Gallerie dell'Accademia
  • Venezia, Santi Giovanni e Paolo
  • Venezia, San Zaccaria
  • Venezia, Palazzo Ducale
  • Venezia, Santa Maria Gloriosa dei Frari
  • Vicenza, Santa Corona
  • Verona, Museo di Castelvecchio
  • Padova, Musei Civici agli Eremitani
  • Rovigo, Pinacoteca dell'Accademia dei Concordi
  • Pesaro, Musei Civici
  • Rimini, Museo della Città
  • Milano, Pinacoteca di Brera
  • Milano, Musei Civici del Castello Sforzesco
  • Bergamo, Accademia Carrara
  • Pavia, Pinacoteca Malaspina
  • Firenze, Uffizi
  • Murano (VE), San Pietro Martire
  • Parigi, Louvre
  • Londra, National Gallery
  • Berlino, Staatliche Museen
  • New York, Metropolitan Museum
  • Washington, National Gallery of Art





I libri e i musei indicati nella pagina non vogliono fornire un panorama esaustivo sull'artista ma sono indicativi per poter approfondire i contenuti della trasmissione.




Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Barocco     Ottocento     Cinquecento     Quattrocento     Firenze     Riforme     Genova     Novecento     Settecento    

Strumenti utili