70 anni fa la Biennale di Peggy Guggenheim: a Venezia una mostra omaggia la grande collezionista


Era l’anno 1948 quando la celebre collezionista Peggy Guggenheim (New York, 1898 - Camposampiero, 1979) esponeva la sua collezione alla XXIV Biennale di Venezia, nei locali del padiglione della Grecia. A 70 anni esatti di distanza, la Peggy Guggenheim Collection di Venezia, negli spazi delle Project Rooms, dedicati alle esposizioni temporanee, commemora la fondatrice della raccolta con una mostra intitolata 1948: la Biennale di Peggy Guggenheim e curata da Gražina Subelyte, Assistant Curator del museo. La rassegna si tiene dal 25 maggio al 25 novembre 2018 e intende ricreare l’ambiente del padiglione greco del 1948 con documenti, fotografie, lettere e una ricostruzione degli allestimenti originari che furono seguiti dal grande architetto Carlo Scarpa. Inoltre il percorso espone alcune delle opere iconiche in mostra allora, come Composizione n. 113 (1939) di Friedrich Vordemberge-Gildewart (Osnabrück, 1899 - Ulm, 1962) e Composizione (1936) di Jean Hélion (Couterne, 1904 - Parigi, 1987), entrambe oggi conservate a Tel Aviv e dal 1948 mai più esposte a Venezia. Molte delle opere allora esposte, infatti, furono in seguito donate a diversi musei in tutto il mondo.

La mostra, si legge nella presentazione, “offrirà dunque l’opportunità di riesaminare questo evento quale spartiacque nella carriera di Peggy e nella storia stessa della Biennale di Venezia. La collezione offrì infatti agli Europei l’occasione di mettersi al passo con gli esiti migliori delle avanguardie più recenti, e conoscere gli artisti newyorkesi che avrebbero dominato la scena artistica degli anni ’50”. Si trattò di una mostra importante e al padiglione che ospitava le opere di Peggy Guggenheim si recarono in visita anche il presidente della repubblica, Luigi Einaudi, e l’ambasciatore americano in Italia, James Dunn, oltre a diverse personalità dell’arte e della cultura, a cominciare dal grande storico dell’arte Bernard Berenson, e l’altrettanto grande Lionello Venturi, che fu peraltro fotografato da Lee Miller mentre visitava il padiglione (e la stessa Lee Miller, sulla rivista British Vogue, definì quello di Peggy “il più sensazionale” di tutti i padiglioni della XXIV Biennale). La mostra era anche la prima esposizione pubblica di una collezione privata di arte moderna in Italia dopo il fascismo, e costituì anche la prima presentazione della collezione Guggenheim in Europa, dopo la chiusura della galleria Art of this Century a New York e il trasferimento di Peggy Guggenheim a Venezia. La collezionista fu invitata a partecipare alla Biennale dall’allora segretario generale Rodolfo Pallucchini, che fu a sua volta consigliato dall’artista Giuseppe Santomaso.

Ne risultò una mostra di centotrentasei opere senza precedenti, dal momento che la collezione di Peggy Guggenheim era altamente rappresentativa di tutte le avanguardie e le scuole più aggiornate: la raccolta includeva opere cubiste, futuriste, dadaiste, surrealiste, oltre ai primi lavori degli espressionisti astratti. Di conseguenza anche la Biennale trasse beneficio dall’esposizione. “La mia mostra”, scrisse Peggy Guggenheim in Una vita per l’arte, “ebbe una risonanza enorme e il mio padiglione divenne uno dei più popolari della Biennale. Tutto ciò mi emozionava terribilmente, ma quel che mi piacque di più fu veder comparire nei prati dei giardini pubblici il nome Guggenheim accanto a quelli della Gran Bretagna, della Francia, dell’Olanda, dell’Austria, della Svizzera, della Polonia […] Mi sembrava di essere un nuovo paese europeo”.

La mostra è visitabile negli orari d’apertura della Collezione Peggy Guggenheim a Venezia: tutti i giorni (tranne il martedì, giorno di chiusura) dalle 10 alle 18. L’esposizione è visitabile tutti i giorni (tranne il martedì, giorno di chiusura) dalle 10 alle 18. Alla mostra si accede col biglietto del museo: intero 15 euro, 13 euro il ridotto over 65, soci FAI, soci COOP e possessori carta imbarco volo Alitalia da o per Venezia (fino a un massimo di 7 giorni prima della visita), 9 euro il ridotto per under 26, gruppi scolastici, soci UNESCO, IAA, AIAP, ANISA, Amici Musei Venezia, persone con disabilità lieve senza accompagnatore, giornalisti, forze dell’ordine, possessori Fidelity Card Teatro Goldoni di Venezia o Teatro Verdi di Padova, gratis per bambini fino a 10 anni, diversamente abili con accompagnatore, soci Advisory Board, The International Patrons, Guggenheim Circle, Amici della Collezione, soci dei musei gestiti dalla Fondazione Solomon R. Guggenheim con membership card, dipendenti delle Intrapresae Collezione Guggenheim, soci ART PAAS, AAMD, ICOM, ICOMOS, giornalisti accreditati, studenti dell’Accademia di Belle Arti di Venezia e del Liceo Artistico di Venezia, membri associazione guide turistiche di Venezia, soci Chiavi d’Oro, soci dei musei convenzionati (la lista è sul sito della Peggy Guggenheim Collection, dove si possono trovare anche le info della mostra). Tutti i giorni, alle 15:30, si tengono visite guidate. Informazioni e prenotazioni: telefono 041.2405.422 / 432, fax 041.520.6885, email shop@guggenheim-venice.it. 1948: la Biennale di Peggy Guggenheim ha ricevuto il supporto di Peter Lawson-Johnston, Presidente Emerito della Collezione Peggy Guggenheim, e il programma espositivo della Collezione Peggy Guggenheim è sostenuto dagli Institutional Patrons – EFG e Lavazza, da Guggenheim Intrapresæ e dal Comitato Consultivo del museo. I progetti educativi sono realizzati con il sostegno della Fondazione Araldi Guinetti, Vaduz.

Nella foto: Peggy Guggenheim al padiglione greco vicino a Jacques Lipchitz, Pierrot seduto (1922); alle spalle Piet Mondrian, Composizione n. 1 con grigio e rosso 1938 / Composizione con rosso 1939 (1938–39), XXIV Biennale di Venezia, 1948 (Stampa moderna; Solomon R. Guggenheim Foundation, Venice, photo Archivio Cameraphoto Epoche. Gift, Cassa di Risparmio di Venezia, 2005).

Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter: niente spam, una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!

70 anni fa la Biennale di Peggy Guggenheim: a Venezia una mostra omaggia la grande collezionista
70 anni fa la Biennale di Peggy Guggenheim: a Venezia una mostra omaggia la grande collezionista








Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Arte antica     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Seicento     Rinascimento     Barocco     Ottocento     Cinquecento     Novecento     Firenze     Quattrocento     Genova     Roma    

Strumenti utili