A Brescia arrivano gli animali nell'arte: uno zoo dal Rinascimento al Settecento per la prima volta in Europa


Dopo aver ospitato oltre 200.000 persone negli ultimi quattro anni di grandi mostre, l’Associazione Amici di Palazzo Martinengo festeggerà il quinto anno di attività con un’esposizione, a cura di Davide Dotti, sorprendente e unica nel suo genere, dedicata alla rappresentazione dei nostri amici animali nella pittura rinascimentale e barocca italiana: s’intitola Gli animali nell’arte. Dal Rinascimento a Ceruti (qui vi avevamo dato alcune anticipazioni, con immagini). Per la prima volta in assoluto a livello europeo, grazie alla selezione di un centinaio di opere di altissima qualità provenienti da prestigiosi musei, pinacoteche e collezioni private italiane ed estere, sarà possibile dar vita ad un vero e proprio “zoo artistico”, che consentirà al pubblico di comprendere come l’animale abbia da sempre avuto un ruolo fondamentale nella storia dell’arte.

In virtù della sua rilevanza culturale, artistica e scientifica, la mostra ha ottenuto il prestigioso patrocinio del WWF Italia, la collaborazione con il quale permetterà di approfondire durante la visita alcune tematiche particolarmente importanti quali la salvaguardia dell’ambiente, delle specie protette e della biodiversità, la cultura della sostenibilità contro lo spreco di risorse, il rispetto degli ecosistemi e la lotta contro il bracconaggio.

Grazie alla collaborazione con il Dipartimento di Scienze Naturali e Zoologia dell’Università di Pisa, che analizzerà in maniera scientifica le opere selezionate per l’esposizione, si potranno altresì ricavare preziose informazioni sulle razze e sulla loro evoluzione nel corso dei secoli.

Attraversando le sale di Palazzo Martinengo il pubblico compirà un viaggio lungo tre secoli di storia dell’arte, ammirando capolavori dei grandi maestri della pittura che, con impareggiabile sensibilità estetica, dipinsero animali di ogni specie riservando grande attenzione alle definizione delle caratteristiche anatomiche delle singole razze, cogliendo anche le più sottili sfumature caratteriali. Un rapporto, quello tra uomo e animali, che i più celebri artisti di tutti i tempi hanno eternato in dipinti di incantevole bellezza, e che questa sorprendente mostra vuole riscoprire e portare all’attenzione della società contemporanea.

Gli Animali nell’Arte dal Rinascimento a Ceruti  si terrà dal 19 gennaio al 9 giugno. Per tutt le informazioni potete telefonare al numero +39 327 3339846, mandare una mail a info@amicimartinengo.it oppure visitare il sito amicimartinengo.it.

Nell’immagine: Giovanni Benedetto Castiglione detto Grechetto, L’arca di Noè (1650 circa)

A Brescia arrivano gli animali nell'arte: uno zoo dal Rinascimento al Settecento per la prima volta in Europa
A Brescia arrivano gli animali nell'arte: uno zoo dal Rinascimento al Settecento per la prima volta in Europa

Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter: niente spam, una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!








Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Barocco     Firenze     Quattrocento     Genova     Roma    

Strumenti utili