La luce come superamento del visibile verso infiniti orizzonti. La mostra a Conegliano dedicata a Valentino Vago


Palazzo Sarcinelli a Conegliano accoglierà dal 4 maggio al 2 giugno 2019 la mostra Valentino Vago. Infiniti Orizzonti

Attraverso oltre quaranta opere realizzate tra la fine degli anni Sessanta e la fine degli anni Settanta verrà presentata l’arte di Valentino Vago (Barlassina, 1931 - Milano, 2018), tra gli interpreti più originali della sua generazione, che ha cercato cancellare il mondo visibile per giungere all’invisibile e alla pura luce. Fin dagli anni Sessanta infatti per l’artista la luce è elemento fondamentale: una luce rarefatta che si espande nello spazio senza fine. Una dimensione spirituale, il superamento del visibile, un’apertura illimitata verso nuovi e infiniti orizzonti.

La retrospettiva che Conegliano dedica a Valentino Vago è curata da Oltrearte Associazione Culturale in collaborazione con l’Archivio Valentino Vago.
Inaugurazione sabato 4 maggio alle ore 17. Introduzione di Luca Pietro Nicoletti.

Per info: www.oltrearte.com

Orari: Giovedì e venerdì dalle 10 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.30; sabato e domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 19.30

La luce come superamento del visibile verso infiniti orizzonti. La mostra a Conegliano dedicata a Valentino Vago
La luce come superamento del visibile verso infiniti orizzonti. La mostra a Conegliano dedicata a Valentino Vago

Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER







Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Barocco     Quattrocento     Genova     Roma    

Strumenti utili