Tornano le domeniche gratuite al museo: dal 6 ottobre si entrerà gratis nei musei statali


Da domenica 6 ottobre 2019 tornano le domeniche gratuite al museo: ogni prima domenica del mese è possibile accedere alle sedi museali e ai luoghi di cultura statali gratuitamente. 

L’attuale Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini, ha deciso di riproporre la Domenica al Museo, iniziativa introdotta nel luglio 2014 da lui stesso e che quest’estate, a fine luglio 2019, era stata oggetto di una nota pubblicata sul sito del MiBAC da parte dell’ex ministro Alberto Bonisoli in cui si leggeva che le domeniche gratuite sarebbero state di fatto abolite e che sarebbero stati i direttori dei musei a decidere dove e quando introdurre delle gratuità.

Per contro, Dario Franceschini puntualizza che si tratta di “un’iniziativa molto amata dalle famiglie italiane che hanno così riscoperto e si sono riavvicinate al patrimonio culturale italiano” e ricorda che dall’estate 2014, grazie alla domenica al museo, sono state circa 15 milioni le persone che hanno visitato gratuitamente i musei e i parchi archeologici dello stato. 

Sul sito del MiBACT è possibile consultare l’elenco completo dei luoghi statali aperti gratuitamente per questa iniziativa.

Tornano le domeniche gratuite al museo: dal 6 ottobre si entrerà gratis nei musei statali
Tornano le domeniche gratuite al museo: dal 6 ottobre si entrerà gratis nei musei statali

Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER







Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

Strumenti utili