Sapreste riconoscere un'opera solo dalla sua forma? È il nuovo gioco digitale del MiBACT


Al termine della prima settimana di riapertura di alcuni dei musei italiani, il MiBACT lancia il nuovo gioco digitale “Silhouette d’arte”. 

Il MiBACT lancia un nuovo gioco: Silhouette d’arte. Una vera sfida digitale in linea con le diverse esperienze di gamification proposte da molti musei per sperimentare linguaggi in grado di coinvolgere nuovi pubblici. 

Sapete riconoscere opere d’arte semplicemente dalla loro forma? Mettetevi alla prova con le ventisei silhouette misteriose da indovinare entro la prossima settimana. Un quiz d’arte che il MiBACT propone al termine della prima settimana di riapertura dei luoghi della cultura, che ha reso di nuovo accessibili oltre ottanta istituti culturali tra musei, biblioteche e archivi di Stato. Attraverso questo gioco digitale, sono tutti invitati a cercare le opere d’arte, custodite nei musei e nei parchi archeologici statali, tra le silhouette pubblicate sui canali social del MiBACT: dalla forma più celebre a quella più curiosa, dal particolare nascosto al profilo inconfondibile. I partecipanti dovranno indicare il titolo dell’opera e il luogo in cui è custodita, in modo da continuare il viaggio tra le collezioni dei musei italiani statali. 

L’identità dei capolavori sarà svelata la prossima settimana.

Per partecipare al gioco basta lasciare un commento al post sulla pagina Facebook MiBACT a questo link

Sapreste riconoscere un'opera solo dalla sua forma? È il nuovo gioco digitale del MiBACT
Sapreste riconoscere un'opera solo dalla sua forma? È il nuovo gioco digitale del MiBACT


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE







Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

Strumenti utili