Santi in adorazione della croce

Autore: Tintoretto
1560 circa
Milano, Pinacoteca di Brera

Una grande croce campeggia al centro di questo dipinto del Tintoretto, che vede raffigurati i santi Andrea, Elena, Barbara e Macario, un ulteriore santo non identificato, e un devoto inginocchiato: tutti adorano la croce. Ruolo di primo piano spetta ovviamente a sant'Elena: è la santa che vediamo a sinistra, porta la corona (sant'Elena altri non è che l'imperatrice Flavia Giulia Elena, madre di Costantino) e secondo la tradizione cristiana è colei che ritrovò la croce. Barbara è identificata dalla torre (luogo della sua prigionia) e dalla palma che simboleggia il martirio (così come la corona), mentre san Macario di Gerusalemme, che secondo la tradizione accompagnò sant'Elena nel suo viaggio alla ricerca della vera croce, è identificato da una croce doppia. Infine, sant'Andrea, inginocchiato in basso a sinistra, tiene la croce sulla quale fu crocifisso. Non sappiamo chi sia l'ultimo santo, ma si tratta comunque del santo eponimo del committente perché con la mano sinistra lo tocca su una spalla e con la destra indica davanti a sé come per invitarlo a contemplare.

Il dipinto è un tipico "prodotto" della Controriforma: in quest'epoca il culto della croce conobbe una vasta diffusione e, di conseguenza, si diffusero anche pale e opere che raffiguravano santi connessi alla croce di Cristo. Quella del Tintoretto è pertanto un'opera piuttosto "allineata" e convenzionale, e si distingue soprattutto per l'uso della luce che sottolinea i volti dei santi e illumina con tonalità crepuscolari un cielo solcato da grandi nuovle, e anche per la stretta aderenza al vero con la quale certi volti vengono resi: basti osservare quello del devoto, un vero ritratto dell'ignoto committente.

L'opera, eseguita attorno al 1560, si trovava nel 1674 nella chiesa di Santa Croce a Milano, ma non sappiamo con certezza da dove provenisse, ne perché a un certo punto della sua storia finì in Lombardia: non esistono infatti rapporti documentati tra il Tintoretto e Milano. L'opera finì alla Pinacoteca di Brera, dove è tuttora conservata, in epoca napoleonica, nel 1805.

18 settembre 2017
Per conoscere l'arte del Tintoretto: https://www.finestresullarte.info/Puntate/2010/15-tintoretto-jacopo-comin.php

Santi in adorazione della croce di Tintoretto

Aspetta, non chiudere la pagina subito! Ti chiediamo solo trenta secondi del tuo tempo: se quello che hai appena letto ti è piaciuto, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter! Niente spam (promesso!), e una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!





Torna all'elenco dei capolavori della rubrica "L'opera del giorno"






Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Barocco     Cinquecento     Quattrocento     Genova     Firenze     Novecento     Riforme     Settecento    

Strumenti utili