La chiesa di Gisors

Autore: Lucien Pissarro
1888
Parigi, Musée d'Orsay

Questo dipinto, noto come La chiesa di Gisors (in francese "L'église de Gisors") fu eseguito da Lucien Pissarro, figlio del grande impressionista Camille, nel 1888. All'epoca della realizzazione dell'opera l'artista aveva appena venticinque anni ma dimostrava comunque un estro notevole, attento alle novità: questo suggestivo paesaggio della Normandia (la chiesa appare in lontananza, dietro un boschetto rigoglioso) dimostra come Lucien guardasse alla tecnica dei pittori puntinisti.

Il dipinto viene infatti costruito attraverso la combinazione di pennellate brevi e rapide (il bosco, il prato, la chiesa stessa) e piccoli punti chiari che donano luce alla composizione. Quasi tutti i suoi dipinti sono dipinti di paesaggio, realizzati direttamente sul luogo: quelli della fase giovanile (come questo) sono poi caratterizzati da una viva luminosità, che per mezzo degli effetti atmosferici produce visioni intime dei paesaggi, che risentono spesso dell'influenza delle opere di Camille Pissarro.

Il dipinto rimase nella collezione dell'artista fino alla sua scomparsa occorsa a Londra nel 1944 (nel 1916 Lucien Pissarro era diventato cittadino inglese). La moglie quindi lo donò nel 1948 al Musée National d'Arte Moderne di Parigi, dove rimase fino al 1977. Passò poi al Louvre che lo girò al Musée d'Orsay dove lo si può tuttora ammirare.

25 settembre 2017

La chiesa di Gisors di Lucien Pissarro

Aspetta, non chiudere la pagina subito! Ti chiediamo solo trenta secondi del tuo tempo: se quello che hai appena letto ti è piaciuto, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter! Niente spam (promesso!), e una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!





Torna all'elenco dei capolavori della rubrica "L'opera del giorno"






Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Barocco     Cinquecento     Quattrocento     Genova     Firenze     Novecento     Riforme     Settecento    

Strumenti utili