Alla scoperta di Brescia


Torna l'appuntamento con Pronti Partenza Via! E questa volta andiamo alla scoperta di Brescia... da non perdere!

Siete pronti per scoprire un’altra città d’arte della nostra bella Italia? Allora seguiteci in questo itinerario virtuale attraverso le strade di Brescia, una delle città più grandi della Lombardia, così come una delle città più ricche di storia, ad iniziare dalle sue gloriose origini romane.

Brixia nel 27 a.C. ricevette da Augusto il titolo di “Colonia Civica Augusta” e ancora oggi le sue antichità romane costituiscono il più grande sito archeologico dell’Italia settentrionale. Negli ultimi mesi si sono concretizzati i lavori di riqualificazione del parco archeologico attorno al Capitolium che comprendono il Tempio Capitolino, il Santuario repubblicano (quarta cella), il Teatro romano e alcuni resti del foro che furono sepolti da una frana del colle Cidneo nel medioevo e riportati alla luce solo nell’Ottocento.

Il Capitolium di Brescia
Il Capitolium di Brescia
Fu qui che venne ritrovata la Vittoria Alata, una scultura bronzea del I sec d.C. ora esposta nel vicino museo di Santa Giulia, un complesso museale ricchissimo di testimonianze che occupa gli spazi dell’antico monastero dedicato a San Salvatore, costruito nel luogo delle Domus romane, di cui si vedono ancora importanti tracce (la Domus dell’Ortaglia) accanto al Viridarium romano. Nel monastero, fondato nel 753 dalla regina Ansa, moglie di Desiderio (ultimo re dei Longobardi), si rifugiò e morì Desiderata, la figlia di Desiderio, dopo che il marito Carlo Magno l’aveva ripudiata. Il complesso comprende la chiesa di San Salvatore, il coro delle Monache e la chiesa di Santa Maria in Solario del XII sec, al cui interno è custodito il prezioso tesoro di Santa Giulia (imperdibile una visita a questo museo).

Grazie a questa ricchezza storica, che dall’epoca romana prosegue in quella longobarda, Brescia nel 2011 è entrata a far parte del sito Unesco “I longobardi in Italia. I luoghi del potere” che comprende Santa Giulia e l’area archeologica del Capitolium, oggi finalmente agibile e visitabile in tutta la sua pienezza.

Il Museo di Santa Giulia... con Fabrizio!
Il Museo di Santa Giulia... con Fabrizio!

La città inoltre ebbe un nuovo sviluppo nel medioevo strutturandosi urbanisticamente come oggi appare: sul colle Cidneo vi è il castello a controllo del territorio, mentre la città bassa si sviluppò attorno alla piazza del mercato (attuale piazza Paolo VI). Su di essa prospettano il Duomo vecchio (l’antica Cattedrale nota come “Rotonda”), il Duomo nuovo e il Broletto, sede delle magistrature civiche in età comunale, sito ove vi era il “mercatum broli”, il mercato degli ortaggi.

Il Rinascimento successivamente identifica un nuovo spazio come punto focale della città, creando una nuova piazza, dove vennero costruiti i palazzi del potere nell’epoca in cui Brescia faceva parte della Repubblica di Venezia. Il più noto tra questi è il Palazzo della Loggia che da il nome alla piazza, a cui contribuirono numerosi architetti dell’epoca, al tempo la sede del consiglio nobiliare, oggi sede del Comune. La tipica copertura a carena venne aggiunta solo nel 1914 a seguito di un incendio che distrusse l’attico progettato da Luigi Vanvitelli.

Il Duomo di Brescia
Il Duomo di Brescia

Dirimpetto alla Loggia, sul lato opposto della piazza vi è la torre dell’orologio su cui battono le ore due figure divenute gli emblemi della città, sono i matti delle ore (Tone e Batista, i “macc de le ure”).

Il dominio veneziano sulla città dura per quattro secoli cui seguì il periodo risorgimentale in cui Brescia si distinse per la tenacia ed eroica resistenza verso l’esercito austriaco nelle “dieci giornate” che le valsero l’appellativo di “Leonessa d’Italia” con cui oggi è ancora conosciuta.

La quarta piazza bresciana legata ad un periodo storico (dopo quella del Foro - romana, quella del mercato - medievale e quella della Loggia - rinascimentale) è Piazza della Vittoria, frutto dei lavori di riqualificazione urbana di epoca fascista. Rispecchia infatti lo stile neoclassico e monumentale di Marcello Piacentini. Oggi la piazza è il punto di partenza e di arrivo di una delle manifestazioni più importanti per la città: la Mille miglia, che si svolge proprio nel mese di maggio e a cui partecipano auto d’epoca appartenenti alle corse storiche tra il 1927 e il 1957. Tre giorni di itinerario no-stop per le strade d’Italia andata e ritorno Brescia-Roma.

Il Broletto
Il Broletto

Gli altri eventi e manifestazioni a carattere culturale che si svolgono in città sono legate al mondo della musica, spesso in collaborazione con il Teatro Grande, in cui si svolge il festival pianistico di Brescia e Bergamo. Vi è quindi la festa dell’opera a settembre con eventi sparsi per la città. Un’ulteriore curiosità la si può scoprire nel sottosuolo: grazie all’associazione Brescia Underground è possibile compiere dei percorsi lungo gli antichi fiumi sotterranei della città riscoprendo luoghi e presistenze celati in superficie. Anche per questo buon viaggio !!!

Guardate la puntata e provate a rispondere alle domande… a voi i commenti!
Domanda 1: Cos’ha a che fare l’Adelchi con Brescia?
Domanda 2: Brescia guelfa o ghibellina?
Domanda 3: Cos’è il Mustassù delle Cossere?


Curiosità della puntata: La Torre della Vittoria fu il primo grattacielo costruito in Italia.

La statua della Vittoria alata
La statua della Vittoria alata


Il Palazzo della Loggia
Il Palazzo della Loggia


Il Castello
Il Castello


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE

L'autore di questo articolo: Fabrizio Vaghi

Fabrizio, ingegnere di professione, viaggiatore per passione. Classe 1983, appassionato di videomaking, regista e attore teatrale, blogger per caso, con l'hobby del fai da te, divulgatore di cultura tramite le sue creazioni "Vaghi per il mondo" (sito web di viaggi e associazione culturale) e "Pronti Partenza...Via" (rubrica turistica dedicata all'Italia, all'arte, alla storia e agli approfondimenti), on-line su youtube.



Alla scoperta di Mantova
Alla scoperta di Mantova
Alla scoperta di Treviso
Alla scoperta di Treviso
Alla scoperta di Padova
Alla scoperta di Padova


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Manuel Lancini in data 13/05/2015, 09:42:59

La Leonessa d'Italia è sempre la più bella!



2. Neyde Rossi in data 02/07/2015, 20:12:14

,E sempre muito emocionante vêr onde estão as nossas raizes!!!!!!



3. FabrizioVaghi in data 19/10/2015, 19:59:03

Eccovi le risposte:
Domanda 1: Le gesta narrano la storia di Desiderata moglie ripudiata da Carlo Magno che si rinchiuse nel monastero di Santa Giulia.
Domanda 2: Guelfa.
Domanda 3: Un bassorilievo che raffigura un mascherone, fu mutilato del naso dall'imperatore Arrigo VII.



Commenti dal post ufficiale su Facebook



Torna indietro



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER