Opere e artisti - Finestre sull'Arte


La Battaglia di Cascina: quando Michelangelo gareggiò con Leonardo da Vinci

Secondo un celebre aneddoto riportato da Giorgio Vasari nelle sue Vite, oggi non abbiamo più il cartone della Battaglia di Cascina di Michelangelo Buonarroti (Caprese, 1475 - Roma, 1564) perché sarebbe stato distrutto da Baccio Bandinelli (Bartolom...
Leggi tutto...
La Battaglia di Anghiari, il capolavoro di Leonardo da Vinci che non fu mai dipinto

La Battaglia di Anghiari, il capolavoro di Leonardo da Vinci che non fu mai dipinto

Nell'ottobre del 1503, la Repubblica di Firenze commissionò a Leonardo da Vinci (Vinci, 1452 - Amboise, 1519) la realizzazione di un grande affresco che avrebbe dovuto decorare una delle pareti del Salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio, s...
Leggi tutto...
La “Visione triste” di Giuseppe Mentessi: il calvario laico dei lavoratori dimenticati

La “Visione triste” di Giuseppe Mentessi: il calvario laico dei lavoratori dimenticati

I cannoni selvaggi di Bava Beccaris s’erano accaniti con brutalità insensata sui lavoratori ch’eran scesi per le strade di Milano a manifestare e a protestare contro il rincaro del prezzo del pane. La sanguinosa artiglieria...
Leggi tutto...
Cavalli e condottieri: Leonardo da Vinci e la storia del monumento equestre a Francesco Sforza

Cavalli e condottieri: Leonardo da Vinci e la storia del monumento equestre a Francesco Sforza

Nelle lettere con cui Leonardo da Vinci (Vinci, 1452 - Amboise, 1519) si presentava tra il 1482 e il 1485 al reggente del ducato di Milano, Ludovico il Moro (Milano, 1452 - Loches, 1508), si legge anche un passaggio (lo vediamo nel foglio 1082 ...
Leggi tutto...

L'Ultima Cena di Leonardo da Vinci: origini e novità del Cenacolo di Milano

Risale probabilmente già al tempo di Leonardo da Vinci (Vinci, 1452 - Amboise, 1519) l'uso di adoperare il termine "Cenacolo" come metonimia per indicare l'opera che il grande artista dipinse sulla parete del refettorio del convento di Sant...
Leggi tutto...

Il Cristo di Santi di Tito che è risorto due volte

Sono due, in realtà, le resurrezioni che s’ammirano nel superbo capolavoro che Santi di Tito dipinse per l’altare Medici nella basilica di Santa Croce a Firenze, luogo dove la tavola è tuttora conservata. La prima &e...
Leggi tutto...

Essenzialità e sofferenza: la bellezza del Cristo in Croce di Diego Velázquez

L'essenzialità con cui l'artista è riuscito a trasmettere la solennità della sofferenza di Cristo in croce, senza la necessità di aggiungere alla composizione ulteriori elementi che richiamino la Passione o elabora...
Leggi tutto...

Gian Giacomo Caprotti detto il Salaì: l'allievo “ladro e bugiardo” di Leonardo da Vinci

Presso l'Archivio di Stato di Milano si conserva un documento, datato 21 aprile 1525, che registra l'inventario dei beni di Gian Giacomo Caprotti detto il Salaì (Oreno, 1480 - Milano, 1524), che fu collaboratore e allievo di Leonardo da Vinci...
Leggi tutto...



Articoli meno recenti... | Ultima pagina
Totale: 69 pagine