Milo Moiré si fa masturbare in pubblico: un remake di “Tapp-und Tastkino” di Valie Export


La recente performance 'Mirror Box' di Milo Moiré è un omaggio a 'Tapp-und Tastkino' di Valie Export. Una piccola analisi in merito.

Un paio di settimane fa, ha suscitato un certo scalpore la notizia dell’arresto di Milo Moiré, fermata dalla polizia di Londra durante la sua performance Mirror Box, che la ragazza stava tenendo a Trafalgar Square, e quindi tratta in cella, dove è stata sottoposta a un fermo di ventiquattro ore. La performer svizzera è stata quindi ritenuta colpevole del reato di outraging public decency (“oltraggio alla pubblica decenza”), come apprendiamo dal sito del Mirror, e le è stata comminata una multa di 750 sterline, più costi accessori.

La performance di Milo Moiré in realtà non è niente di nuovo, perché si tratta semplicemente di un remake, prendendo a prestito un termine mutuato dal linguaggio del cinema, di un’altra performance, datata 1968, realizzata dall’artista austriaca Valie Export e intitolata Tapp-und Tastkino (ma è nota anche col suo nome inglese Tap and Touch Cinema, ovvero “Cinema sfiora e tocca”). Milo Moiré ha esplicitamente dichiarato di aver voluto omaggiare Valie Export, benché a molti la cosa sia sfuggita. Il meccanismo di Mirror Box e Tapp-und Tastkino è infatti identico, fatte salve un paio di varianti introdotte da Milo Moiré: la performer indossa una scatola all’altezza del seno, con una sorta di ingresso sul davanti, e il pubblico è invitato, da un uomo che illustra la performance al megafono (nel caso di Valie Export si trattava dell’artista e curatore Peter Weibel), a inserire le mani all’interno della scatola per toccare il seno dell’artista. Milo Moiré, a differenza di Valie Export, ha coperto di specchi la scatola e l’ha indossata anche all’altezza del bacino, con il foro messo in corrispondenza dei genitali, lasciando il pubblico libero anche di masturbarla. Per comprendere l’azione di Milo Moiré è però necessario tornare a quella di Valie Export, che nasceva nell’ambito dell’azionismo viennese, un movimento artistico in cui il corpo era considerato il mezzo espressivo che l’artista utilizzava per diffondere un messaggio fortemente anticonformista attraverso azioni provocatorie, trasgressive fino all’eccesso, che prendevano di mira, spesso in modo molto violento e distruttivo, argomenti ritenuti intoccabili (come la religione) oppure sconvenienti (la sessualità). Valie Export riprende, dall’azionismo viennese, il concetto del corpo come supporto per creare l’opera d’arte, ma sovvertendo uno dei principî fondanti dell’azionismo: se per artisti come Nitsch e Mühl il corpo della donna è una sorta di oggetto (Nitsch dichiara che nelle sue performance “l’essere umano non è visto come un essere umano, come una persona, ma come un corpo che ha determinate proprietà”: la performance Degradation of a female body, durante la quale il corpo della modella veniva coperto di vernice e rifiuti, è un chiaro esempio di questa logica), per Valie Export il corpo, benché rimanga dissociato dalla personalità, diventa un codice, il teatro attraverso il quale la donna afferma la propria identità.

Milo Moiré, Mirror Box e Valie Export, Tapp-und Tastkino
A sinistra: Milo Moiré, Mirror Box (2016). A destra: Valie Export, Tapp-und Tastkino (1968)

Il concetto di corpo come “segno e codice per un’espressione sociale ed estetica” (secondo un’espressione usata dalla stessa Valie Export) iniziava a essere elaborato proprio con il “cinema espanso” di Tapp-und Tastkino. Il film che l’artista metteva in scena era qualcosa in più di una pellicola (e allo stesso tempo anche qualcosa in meno, perché prescindeva dall’uso... della pellicola stessa): il pubblico era chiamato a partecipare in prima persona, le immagini che gli spettatori erano abituati a vedere sullo schermo diventavano reali e offrivano possibilità di interazione mai sperimentate. In questo caso, la possibilità offerta al pubblico era quella di saggiare un brano di sessualità vera, e ciò in segno di protesta contro le immagini stereotipate delle donne che venivano proposte da parte del cinema “tradizionale”. La trama del film si sviluppava quindi sul seno di Valie Export, e il pubblico era chiamato a interpretarla, a diventare attore, a decidere cosa doveva succedere sul “set”. Interessante è il cortocircuito che la performance riusciva a innescare: il ruolo dell’immagine e dello spettatore venivano infatti letteralmente capovolti. Se, nei cinema, lo spettatore godeva di corpi proiettati su uno schermo (e quindi non reali) e, allo stesso tempo, guardava lo spettacolo nell’anonimato che gli veniva garantito dal buio della sala, con la performance di Valie Export l’oggetto diventava reale e lo spettatore usciva dall’anonimato, in quanto spronato a godere della realtà di fronte a tutti, in uno spazio pubblico.

Per Valie Export, si trattava del primo “passaggio dall’oggetto verso il soggetto”, nel senso che, a suo avviso, Tapp-und Tastkino offriva all’artista la possibilità di “muoversi dalla pura materia verso l’essenza”, perché la performance si faceva simbolo della liberazione della donna, che diventava capace di “disporre liberamente del proprio seno, senza dover seguire le regole imposte dalla società”, affermando dunque la piena autonomia della propria sessualità. Si trattava, in sostanza, di unire le istanze del femminismo di cui l’artista era fiera sostenitrice (vale la pena ricordare che in realtà Valie Export si chiamava Waltraud Lehner, e da sposata Waltraud Höllinger, e assunse il nome d’arte in segno di protesta contro l’uso di dare alle donne il cognome del padre o quello del marito) a quelle dell’azionismo, tanto che non sono pochi i critici che parlano di "azionismo femminista“. Gli intenti del remake di Milo Moiré sono praticamente gli stessi. Durante la performance lei stessa, al megafono, richiamava il pubblico utilizzando questa frase: ”Sono qui oggi per i diritti delle donne e per l’autodeterminazione della loro sessualità. Le donne hanno una sessualità, esattamente come gli uomini. Dunque, le donne decidono per conto loro quando e come vogliono essere toccate, e quando non vogliono".

Insomma: niente di nuovo. Neppure le due modifiche di Milo Moiré aggiungono alcunché alla performance. Lo spostamento dal seno ai genitali non cambia il senso della performance, e l’idea di aggiungere gli specchi alla scatola, pensata allo scopo di mettere lo spettatore di fronte alla sua reazione nei confronti dell’artista è probabilmente poco efficace in quanto la reazione naturale diviene sicuramente mutata dal contesto: e innescare questo cambiamento era già uno degli obiettivi di Tapp-und Tastkino. Come ha scritto Bernadette Wegenstein della John Hopkins University di Baltimora: “in questa performance gli spettatori diventano palpeggiatori, l’anonimato garantito dalla sala cinematografica cessa di fronte all’atto teatrale di essere visti in pubblico mentre si tocca il seno di Valie Export”. Potremmo dunque passare ore a discutere il senso del remake di Milo Moiré, domandandoci peraltro se si possa veramente parlare di arte o meno (lo avevamo già fatto un paio d’anni fa dopo la sua incursione ad Art Basel). Il fatto che media abituati a non passare notizie d’arte ne continuino a parlare ci dà comunque un primo riscontro: si tratta di una performer che di sicuro, con le sue provocazioni, riesce nonostante tutto a raggiungere i suoi obiettivi.

Bibliografia di riferimento

  • Randall Halle, Reinhild Steingröver (a cura di), After the Avant-garde: Contemporary German and Austrian Experimental, Camden House, 2008
  • Chrissie Iles, Kristine Stiles, Gary Indiana, Robert Fleck, Valie Export: ob/de+con(struction), Goldie Paley Gallery, 2000
  • Malcolm Green, Brus, Muehl, Nitsch, Schwarzkogler: Writings of the Vienna Actionists, Atlas Press, 1999
  • Johannes Willem Bertens, Hans Bertens, Douwe Fokkema, International Postmodernism: Theory and Literary Practice, John Benjamins Publishing, 1997
  • Roswitha Mueller, Valie Export: Fragments of the Imagination, Indiana University Press, 1994

PS: mentre mi accingo a terminare l’articolo, noto che su Artspecialday è uscito qualche giorno fa un articolo in cui si parla sostanzialmente degli stessi argomenti toccati dal pezzo che avete appena letto. Sul finale, l’autrice dell’articolo (Fiammetta Pisani) si domanda quali riscontri possa avere la performance, bollandola tuttavia di scarsa coerenza per il fatto che l’artista ha messo in vendita online la versione non censurata delle riprese di ciò che accadeva all’interno della sua Mirror box. Posto che non ritengo che la venalità di un performer sia condizione sufficiente (e né, tanto meno, la principale) per decidere se includere o meno le sue imprese nelle categorie dell’arte, al contrario di altri trovo che gli esperimenti di Milo Moiré possano comunque essere guardati con un certo interesse. In questo caso, se non altro, ci ha aiutati a fare un ripasso di storia dell’arte contemporanea... !



Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, ho fondato Finestre sull'Arte nel 2009 con Ilaria Baratta. Sono nato a Massa nel 1986 e ho ottenuto la laurea specialistica a Pisa nel 2010. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left.

Leggi il profilo completo

Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter: niente spam, una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!


“Imponderabilia” di Marina Abramovic e Ulay: la performance che con la nudità sondò il comportamento umano
“Imponderabilia” di Marina Abramovic e Ulay: la performance che con la nudità sondò il comportamento umano
La performance di Milo Moiré: è possibile parlare di arte?
La performance di Milo Moiré: è possibile parlare di arte?
Nuda sotto il dipinto di Courbet: dov'è il confine tra arte ed esibizionismo?
Nuda sotto il dipinto di Courbet: dov'è il confine tra arte ed esibizionismo?


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. mario48 in data 17/07/2016, 16:10:58

performance più da sociopatici che necessitano di studi di psicanalisi per l'identificazione della corretta prevenzione e cura: ma che arte !!! Ma che pudore !!! Solo puro esibizionismo contrabbandato e sostenuto da mille inutili fantasie
Mario48



2. Giuseppe Ferrante in data 18/07/2016, 19:22:26

Pier Paolo Pasolini in alcuni dei suoi film mise in risalto un valore intrinseco del corpo umano: la sacralità di ogni individuo come legge naturale appartenente ad un ordine prestabilito e immutabile. Forse non è stato capito a fondo e i controversi dibattiti sulla libertà sessuale, la censura che investì la sua opera e lo scandalo di mostrare la nudità fisica dell'uomo e della donna non potevano essere, e non lo sono stati, dei rimedi per placare la furia di matrice religiosa o sociale. Anzi rimase spiazzata anche certa opinione pubblica di larghe vedute. Nessun scandalo può essere più grande di due individui che si lasciano andare all'atto sessuale non più per procreare ma per soddisfare un'esigenza di piacere consumistico. Proprio in questo momento la sacralità del corpo umano viene violentata, calpestata e svenduta. Il senso della performance di Milo Moiré è la conferma, purtroppo drammatica, che il tentativo di ridurre l'atto artistico ad un gioco che "manipola" il corpo umano con la pretesa di ottenere chissà quale conquista è inutile: le funzioni vitali aderiscono ad una legge naturale immutabile e l'associazione con temi sociali "dinamici" non possono più essere veicolati attraverso un mezzo statico come il corpo umano. Questa idea ha forse avuto senso fino a gli anni '60 ma riproporla oggi è anacronistico. Anacronistico perché è ridicolo invocare la libertà sessuale (inteso come atto sessuale) in un tempo in cui è stata sdoganata la sacralità del corpo umano. Pasolini aveva capito prima di tutti che sarebbe arrivato il giorno in cui l'atto sessuale avrebbe avuto un mero valore meccanico divenendo più una forzatura che un simbolo di libertà. In questo modo, purtroppo, la figura della donna viene ulteriormente screditata e perde efficacia qualsiasi ricerca di riscatto sociale. Puntare sempre alla sfera sessuale per affermare la propria dignità e per dimostrare che la donna non è un oggetto è sbagliato. Questo elemento è uno dei principali fattori di discriminazione ma alcune "artiste" ancora non lo hanno capito.




3. Chiara in data 24/07/2016, 16:39:27

Onestamente, al di là di tante "masturbazioni" psicologiche, non credo proprio si possa definire arte. Mi domando: se si avvicinava un bambino sfuggito innavvertitamente ad un genitore un pò distratto, la sedicente artista lasciava fare, in nome della "sua arte/protesta" o come la si voglia definire?
Riprendendo una frase, ed il contesto in cui è inserita, scritta nell'articolo "...il teatro attraverso il quale la donna afferma la propria identità", direi che ci sono donne che, ad esempio, nella medicina, nella scienza, nella letteratura sono state premiate con il Nobel, mi sembra che abbiano ben affermato la loro identità.
Non sono una bigotta e tanto meno una conformista, ma non mi si possono far passare per arte, puri esibizionismi di tal genere: se si vogliono esprimere le proprie idee o disagi lo si può fare con enorme maestria ed originalità, purchè dotati, attraverso altre forme e qualora i contenuti fossero convincenti, non vi preoccupate, la gente vi ascolterà anche se sussurrerete.



Commenti dal post ufficiale su Facebook



Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Arte antica     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Barocco     Ottocento     Cinquecento     Novecento     Firenze     Quattrocento     Genova     Roma    

Strumenti utili