La performance di Milo Moiré: è possibile parlare di arte?


Ha fatto discutere la performance attraverso cui Milo Moiré si è presentata nuda ad Art Basel. Cerchiamo di capire se è possibile parlare di arte.

Ha fatto scalpore la performance che Milo Moiré ha tenuto a Basilea in occasione della rassegna di arte contemporanea Art Basel: l’artista si è presentata all’ingresso della fiera completamente nuda, e con scritti sulla pelle i nomi degli indumenti che si indossano sulle varie parti del corpo. È stata allontanata per il fatto che non era stata selezionata per la fiera, e l’organizzazione ha ritenuto ingiusto, nei confronti degli artisti selezionati, accettare la sua performance. Per chi volesse approfondire, un articolo su Tafter spiega tutto.

Il tempio di Minerva ad Assisi
Milo Moiré prima di iniziare la sua performance a Basilea
Foto: Sébastien Amex

Di sicuro però la performance di Milo Moiré ha pubblicizzato Art Basel meglio di qualsiasi altro artista presente alla rassegna in via ufficiale... a proposito, qualcuno provi a fare un nome di un artista presente. E ovviamente, sui siti web e sui social si sono scatenati commenti a condannare la performance. Tuttavia, prima ancora di domandarci se abbiamo assistito a una performance artistica, sarebbe il caso di farsi una domanda: perché gli appassionati d’arte si scaldano tanto sull’esibizione del corpo nudo? Chi è veramente il peggiore: l’artista, che si mette in mostra senza filtri, i benpensanti che si scandalizzano per un corpo messo in mostra con intenti artistici (per quanto si possa o meno essere d’accordo) quando la società ci propone ogni giorno corpi femminili messi in mostra per scopi sicuramente meno nobili, o noi tutti che ci adoperiamo, seppur forse inconsapevolmente, a far sì che venga sempre alimentata questa dicotomia tra corpi mostrati e accettati in modo passivo e corpi mostrati e sui quali le discussioni si accendono? E l’ulteriore domanda è: perché è così difficile accettare che si possa mostrare un corpo nudo per fini artistici, se questa esposizione del corpo è mossa da un atto creativo, da un messaggio che si vuole inviare al pubblico, dal tentativo di muovere gli animi e procurare diletto, ovvero i tratti fondamentali (o alcuni dei tratti, benché molti possano non concordare) che caratterizzano l’opera d’arte?

Da Marina Abramovic a Hermann Nitsch passando per Vito Acconci, l’utilizzo del corpo come mezzo espressivo, da anni, è stato ormai codificato come arte. L’esposizione del corpo umano, più o meno vestito, presuppone del resto un rapporto più forte con la realtà, e le reazioni del pubblico sono lì a dimostrarlo. È la chiave di lettura della cosiddetta performance art. Posto che quindi si tratta di arte, rimane da stabilire qual è il limite che distingue la vera performance artistica da cio che arte non è, e che si configura più come esibizionismo o come trovata di marketing.

Milo Moiré (che è peraltro laureata in psicologia ed è anche una pittrice di un certo interesse) aveva già realizzato una performance simile a quella di Art Basel nel 2013, a Düsseldorf, quando viaggiò sulla metropolitana della città tedesca nuda e con le solite scritte con i nomi dei vestiti, in una performance dal titolo Script System. Obiettivo dell’artista, allora, era quello di verificare la reazione dei passanti in seguito alla rottura di una routine (comperare il biglietto, timbrarlo, entrare nel treno... ) attraverso un evento insolito. È arte? Può darsi, ma se l’obiettivo è la verifica di una reazione, allora al mondo chiunque faccia esperimenti sociali può essere definito artista. E l’obiettivo (dichiarato) dell’artista vanifica anche il ben più raffinato concetto in base al quale i vestiti nascondono la bellezza del corpo umano, perché va da sé che questo messaggio finisce per diventare secondario se non addirittura completamente trascurato, tant’è che la tendenza è sempre quella di parlare del nudo e non del messaggio che trasmette. La performance art deve fondarsi su un messaggio solido, altrimenti è pura esibizione. O quanto meno, deve essere creativa e originale. E inoltre: è originale? No, perché sugli argomenti su cui si sta esprimendo negli anni Dieci del 2000 Milo Moiré, probabilmente aveva già detto quasi tutto Marina Abramovic negli anni Settanta.

È però interessante notare come la “relazione tra moralità e natura”, per utilizzare le parole di Milo Moiré, riesca ancora a configurarsi come un “paradosso apparentemente irrisolvibile”, e soprattutto come riesca a catalizzare su di sé l’attenzione: in questo caso, a dispetto degli altri artisti in rassegna. Originale o no, la performance di Basilea, ancor più di quella di Düsseldorf (pur con le stesse modalità: è il contesto però che modifica il messaggio), riesce a instillare alcune domande nell’osservatore più attento. Come si può risolvere questa divisione tra moralità e natura? Con l’indifferenza, forse? Ma è moralmente corretto essere indifferenti nei confronti della natura? E ancora: malgrado la non originalità, perché la performance art che presuppone l’utilizzo del corpo nudo fa ancora scalpore? È il contesto che rende tale un’opera d’arte? E soprattutto: in un’arte che al giorno d’oggi è guidata più che mai nella storia dal mercato, la performance art che fa scalpore può essere ancora un modo per far sì che venga affermato il ruolo indipendente dell’artista? Sembrerebbe di sì, dato che l’artista di cui più si è parlato a questa edizione di Art Basel è stata proprio Milo Moiré. L’atto creativo, il messaggio implicito e la capacità di far insorgere queste domande possono quindi far sì che l’esibizione di Milo Moiré possa configurarsi come performance art? La domanda è aperta... :-)


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE

Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, nato a Massa nel 1986, laureato a Pisa nel 2010. Ho fondato Finestre sull'Arte con Ilaria Baratta. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left. Seguimi su Twitter:

Leggi il profilo completo


La pecora di Damien Hirst. Riflettere sul significato dell'arte
La pecora di Damien Hirst. Riflettere sul significato dell'arte
Nuda sotto il dipinto di Courbet: dov'è il confine tra arte ed esibizionismo?
Nuda sotto il dipinto di Courbet: dov'è il confine tra arte ed esibizionismo?
Libertà di #selfie ai musei: ma così non si aiuta davvero la promozione della conoscenza
Libertà di #selfie ai musei: ma così non si aiuta davvero la promozione della conoscenza


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Vera Giagoni in data 22/06/2014, 13:30:47

Spesso le artiste contemporanee ricorrono al proprio corpo, in genere quando è assai bello, come strumento espressivo, Negli anni '70 aveva un senso. Oggi è sovente ipocrisia come dire che si indossa uno strumento di tortura tipo il tacco 12 per piacere a se stesse. Come tutti coloro che sono stati troppo a lungo prigionieri, molte donne tendono a tornare nel ghetto e, nell'ansia di un rapido successo, contano sulla merce più vendibile



2. Giorgio Foti in data 22/06/2014, 13:45:50

Leggo con stupore che per fare arte bisogna essere iscritti ad una rassegna, altrimenti"sei fuori". Mio Dio, ma come siamo messi male. Sembra di leggere i quotidiani parigini di fine '800 dove si discuteva della necessità di istituire un Salon des Refusés. Che vi piaccia o no,questa è arte ed è anche un'ottima rappresentazione di ciò che noi siamo quando veniamo messi a nudo, spogliati delle nostre sovrastrutture magari "firmate". Brava Milo Moiré, hai saputo colpire al cuore l'ipocrisia imperante.



3. Maurizio Dei in data 22/06/2014, 13:57:59

Se invece di Milo Moirè fosse stato un Michele Moirè qualunque, a quest'ora marcirebbe nelle patrie galere per offesa al pubblico pudore, certe esibizioni, a parer mio, banali, inopportune e piuttosto volgari ma soprattutto strumentali per colpire ed impressionare il retrogrado mondo benpensante con un nudo esagerato che potrebbe avere un senso ma, non artistico, solo in una performance privata e non pubblica.



4. La Fata in data 22/06/2014, 23:26:26

quello è un corpo nudo esibito, ha un che di sacro,in una civiltà dove possiamo esibire il nostro corpo in spiaggia e in luoghi deputati .Non mi pongo il problema se sia arte o no ne più né meno di quanto me lo ponga guardando il quadro di un artista che non mi piace, ma vedere un corpo nudo in quel contesto in effetti "spoglia" di significato ciò che significato non ha, dissacrando un mondo così lontano da se stesso .



5. Donatella Leoni in data 23/06/2014, 07:09:41

nulla di diverso da quanto faceva la Abramovich negli anni '70



6. Mario Sipione in data 23/06/2014, 08:22:06

E solo una stronza in cerca di visibilit



7. antonio bra in data 30/12/2014, 22:47:35

Arte? Se la libertà d'espressione in ogni sua forma è arte allora lo è.siamo tutti artisti.dovrebbe esporre a Kabul.la' sarebbe una novità.da noi solo banale marketing




8. almazzaglia in data 13/02/2015, 02:29:49

@al di rienzo, non volevo farlo sapere a tutto il mondo ma solo agli allocconi che non hanno mai visto o letto nulla in vita loro



Commenti dal post ufficiale su Facebook



Torna indietro



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

NEWSLETTER