In Umbria viene esposto il Bambin Gesù delle Mani del Pinturicchio per il festival medievale


L’Italia è sempre più il paese delle feste e sagre a tema medievale: come distinguersi dunque in un panorama tanto variegato? Il Festival del Medio Evo di Gubbio sembra aver trovato la soluzione: l’esposizione di un’opera del Pinturicchio in un one painting show allestito presso il locale Museo Civico di Palazzo dei Consoli. Il dipinto è il Bambin Gesù dele Mani, frammento di un distrutto dipinto murario che raffigurava l’Investitura divina di papa Alessandro VI, inteso per celebrare la salita al soglio pontificio di Rodrigo Borgia, papa dal 1492 al 1503.

L’opera è di proprietà della Fondazione Guglielmo Giordano di Perugia ed è oggetto di un focus che dura giusto il tempo del festival (e qualche giorno in più), dal 27 settembre al 6 ottobre 2019. Il giorno dell’inaugurazione, il 27 settembre, ci sarà anche una conferenza tenuta da Franco Ivan Nucciarelli, Andrea Margaritelli e Claudio Strinati. L’opera due anni fa era stata protagonista di una mostra ai Musei Capitolini (qui la nostra approfondita recensione) che ne aveva ricostruito la storia.

Nell’immagine: Pinturicchio, Bambin Gesù delle mani, frammento della distrutta Investitura divina di Alessandro VI, dettaglio (1492-1493 circa; dipinto murario entro cornice seicentesca, cm 48,6 x 33,5 x 6,5 cm; Perugia, Fondazione Guglielmo Giordano)

In Umbria viene esposto il Bambin Gesù delle Mani del Pinturicchio per il festival medievale
In Umbria viene esposto il Bambin Gesù delle Mani del Pinturicchio per il festival medievale


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE







Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

Strumenti utili