Madonna col Bambino in fasce

Autore: Luca Cambiaso
1575-1580 circa
Genova, Museo dell'Accademia Ligustica

La cosiddetta Madonna col Bambino in fasce è un'opera di Luca Cambiaso (Genova, 1527 - Madrid, 1585), principale pittore genovese del Cinquecento. Si tratta di un'opera originariamente destinata alla devozione privata, che mostra il linguaggio tipico dello stile maturo di Cambiaso: figure dalle volumetrie solide che emergono da un fondo cupo, atmosfera serena, una luce innaturale che ricopre funzioni narrative, in anticipo rispetto alle soluzioni che caratterizzeranno il Seicento di Caravaggio.

La Madonna, dai tratti delicati e quasi adolescenziali, è una delle gentili figure tipiche di Luca Cambiaso, che palesa qualche debito nei confronti delle aggraziate Madonne del Correggio. La luce rischiara il Bambino paffuto, avvolto nelle fasce, e colto mentre sfiora il seno della madre con una mano: viceversa, vediamo il volto di Maria in penombra, a sottolineare la sua espressione malinconica, che presagisce il destino del figlio (e alla luce spetta il compito di sottolineare questa malinconia). Sono due figure fortemente umanizzate (a entrambi, peraltro, manca l'aureola), catturate in un momento di grande intimità.

La tela è riferibile agli anni Settanta sulla base di raffronti stilistici con opere realizzate nello stesso periodo ed è oggi conservata a Genova presso il Museo dell'Accademia Ligustica.

Madonna col Bambino in fasce di Luca Cambiaso

Aspetta, non chiudere la pagina subito! Ti chiediamo solo trenta secondi del tuo tempo: se quello che hai appena letto ti è piaciuto, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter! Niente spam (promesso!), e una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!





Torna all'elenco dei capolavori della rubrica "L'opera del giorno"






Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Arte antica     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Seicento     Rinascimento     Barocco     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Genova     Roma    

Strumenti utili