La Reggia di Carditello è finalmente nostra: alcune impressioni


La Reggia di Carditello è da oggi patrimonio degli italiani: le nostre impressioni su una notizia che non può lasciare indifferenti.

È di questa mattina la notizia per cui la Reggia di Carditello da oggi appartiene a tutti gli italiani: il ministro Massimo Bray lo ha annunciato in tarda mattinata su Facebook, l’ANSA ha battuto alcune righe sull’avvenimento alle 13:08, e adesso si starà moltiplicando il numero delle testate che diffondono la notizia, con tutti i dettagli dell’operazione (in particolare, come si può leggere nella notizia ANSA, la Reggia è stata acquistata all’asta giudiziaria del tribunale civile di Santa Maria Capua Vetere da SGA, una società controllata dal ministero dell’Economia per 11,5 milioni di euro, e sarà poi ceduta al Ministero dei Beni Culturali).

È un evento che non può lasciare indifferenti, e questo per una ragione ben precisa: la Reggia è diventata, negli ultimi tempi, il simbolo della cultura umiliata e vilipesa, in ragione del contrasto tra il suo elevato valore storico artistico e lo stato di degrado in cui da tempo versava. Si trattava quindi dell’esempio più lampante e, se vogliamo, anche più spettacolare, di situazioni diffuse in modo capillare lungo pressoché tutta la penisola: sono molti i monumenti e le opere d’arte che versano in cattive condizioni, e la Reggia di Carditello non era altro che il simbolo per eccellenza del degrado del patrimonio storico-artistico.

Certo, a pochi minuti dall’annuncio, è molto facile diventare preda di facili entusiasmi: ma per una volta vogliamo pensare e far pensare in modo positivo. Ci piace pensare al fatto che l’acquisto della Reggia di Carditello possa configurarsi come l’atto fondante della rinascita in Italia dell’interesse per il patrimonio. Ci piace pensare al fatto che finalmente lo Stato ha dato prova di presenza e vicinanza ai cittadini, che da tempo chiedevano che si facesse qualcosa per la Reggia. Ci piace pensare al fatto che la Reggia di Carditello in futuro potrà portare cultura e legalità in un territorio che di cultura e legalità ha forte bisogno.

È ovvio che le sfide future, per la Reggia, non saranno certo facili: Carditello si trova quasi al centro esatto di quella zona d’Italia di cui sentiamo parlare pressoché quotidianamente, sui mezzi di informazione, per notizie legate ai crimini della camorra e ai disastri ambientali che la popolazione da troppo tempo subisce. Ma la Reggia di Carditello potrebbe rappresentare una speranza: la speranza che lo Stato riesca a ripulire il territorio da tutto ciò che lo ha danneggiato, e per cambiare la mentalità non si può che partire della cultura. Potrebbe essere una bella lezione anche per tutti coloro che ogni giorno ci assillano con frasi del tipo “la cultura non serve”, “la cultura non crea occupazione”, “politica e cultura devono rimanere separate”, e così via. No, ribadiamo che la cultura serve eccome, e più che mai serve laddove è vittima del degrado e dell’abbandono.

È retorica? Può darsi, ma non si può non guardare con entusiasmo a una notizia che da tanto tempo si aspettava. Infine, non ci possiamo esimere dal complimentarci con il ministro Massimo Bray, che ha fatto il suo dovere, che si dimostra un ministro attento, preparato, intelligente, umile e vicino alle persone, e che continua il suo operato mantenendo le promesse, prima tra tutte quella fatta poche settimane fa a Tommaso Cestrone, per tutti l’Angelo di Carditello, il volontario della Protezione Civile che in tutti questi anni ha continuato a opporsi in modo fattivo al degrado, nonostante le minacce e nonostante le azioni intimidatorie. Tommaso ci ha lasciati a Natale, purtroppo, ma il ministro Bray ha mantenuto la promessa di far sì che la Reggia diventasse patrimonio di tutti gli italiani. E adesso quindi il ministero dovrà impegnarsi per recuperarla: sarà la naturale prosecuzione della promessa.


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90€

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Gli autori di questo articolo: Federico Giannini e Ilaria Baratta

Gli articoli firmati Finestre sull'Arte sono scritti a quattro mani da Federico Giannini e Ilaria Baratta. Insieme abbiamo fondato Finestre sull'Arte nel 2009. Clicca qui per scoprire chi siamo


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Antonio Laurenza in data 09/01/2014, 13:58:29

speriamo che diano lavoro ai campani !!!!!



2. Lisa Miele in data 12/01/2014, 15:10:15

"È ovvio che le sfide future, per la Reggia, non saranno certo facili: Carditello si trova quasi al centro esatto di quella zona d'Italia di cui sentiamo parlare pressoché quotidianamente, sui mezzi di informazione, per notizie legate ai crimini della camorra e ai disastri ambientali che la popolazione da troppo tempo subisce. Ma la Reggia di Carditello potrebbe rappresentare una speranza: la speranza che lo Stato riesca a ripulire il territorio da tutto ciò che lo ha danneggiato, e per cambiare la mentalità non si può che partire della cultura." Questo periodo mi lascia un po' perplessa, per come lo leggo io è sicuramente indice di una mentalità retrogada che crede ancora alle immagini che passano in tv (immagini che mostrano notizie spesso veicolate a proprio uso e consumo) e non cerca invece di andare oltre e capire che lo 'Stato' così come lo intendono in questo articolo gli amici di Finestre sull'Arte è stato l'artefice del disastro di Carditello e i cittadini sono stati due volte vittime, dell'insipienza delle istituzioni e della violenza repressiva dello Stato e dei poteri criminali, ma di certo non hanno mai taciuto né subito passivamente



3. Federico Giannini in data 13/01/2014, 01:25:32

Abbiamo scritto assieme questo articolo ma rispondo io in prima persona. Nessuno mette in dubbio il fatto che i cittadini siano le prime vittime e il fatto che gli stessi cittadini non abbiano mai taciuto: l'inizio di capoverso che tu, Lisa, hai citato, non aveva alcun legame con le lotte che i cittadini di quelle terre hanno combattuto per riscattare la Reggia dal degrado (se questo è il senso del tuo intervento: e se lo è, mi sembra che sia inutilmente polemico dacché, ripeto, sappiamo bene quanto i cittadini abbiano lottato per Carditello e le frasi da te citate non erano davvero rivolte a loro). Trovo quindi profondamente ingiusto dire che siamo retrogradi perché evidenziamo una realtà di fatto (ovvero quella per cui la zona al centro della quale sorge la Reggia di Carditello sia una delle zone più problematiche d'Italia, non solo per la cultura, ovviamente). Il senso del nostro articolo era quello di un auspicio affinché con l'acquisto della Reggia, ci sia un cambio di rotta: sappiamo anche noi che lo Stato è stato il principale artefice del disastro di Carditello, ma vorremmo almeno sperare che con la guida di Massimo Bray al ministero, le cose possano veramente cambiare. E immagino che questa sia una speranza che condividi anche tu.



4. Lisa Miele in data 13/01/2014, 13:30:23

Cosa può il ministro contro discariche di 'interesse nazionale'? Li la comanda l'esercito







Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Barocco     Quattrocento     Genova     Roma