Angelo Morbelli. Il poema della vecchiaia: ricomposto dopo oltre un secolo l'intero ciclo pittorico


La Galleria Internazionale d’Arte Moderna Ca’ Pesaro di Venezia ospita dal 20 ottobre 2018 al 6 gennaio 2019 la mostra "Angelo Morbelli. Il poema della vecchiaia". 

In quest’occasione si potrà ammirare, dopo più di un secolo, l’intero ciclo pittorico ricomposto "Il poema della vecchiaia" del maestro divisionista Angelo Morbelli (Alessandria, 1854 - Milano 1919).
Un ciclo di sei tele che venne presentato nel 1903 alla V Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia.
Questi sei dipinti sono ambientati nel Pio Albergo Trivulzio di Milano, maggiore ricovero per anziani indigenti della città: Il Natale dei rimasti, Vecchie calzette, Mi ricordo quand’ero fanciulla, Siesta invernale, Sedia vuota e I due inverni.

L’artista analizza i meccanismi psicologici della ritualità malinconica dei ricoverati.

La ricomposizione dell’intero ciclo pittorico è resa possibile dal rientro in Europa di Vecchie calzette, l’unico dipinto mai più esposto al pubblico dal 1906.

La mostra è a cura di Giovanna Ginez con il sostegno di Cornèr Banca, Lugano.

Per info: capesaro.visitmuve.it

Orari: Fino al 31 ottobre dalle 10 alle 18; dall’1 novembre al 31 marzo dalle 10 alle 17. Chiuso il lunedì. 

Immagine: Angelo Morbelli, Vecchie calzette (1903; Olio su tela; Lugano, Collezione Cornèr Banca)

Angelo Morbelli. Il poema della vecchiaia: ricomposto dopo oltre un secolo l'intero ciclo pittorico
Angelo Morbelli. Il poema della vecchiaia: ricomposto dopo oltre un secolo l'intero ciclo pittorico

Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter: niente spam, una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!








Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Barocco     Firenze     Quattrocento     Genova     Roma    

Strumenti utili