Vandali per disperazione. Imbrattare per salvarci dal degrado?


A Carrara, una fontana è stata imbrattata per denunciare il degrado in cui versava. Il brutto può arrivare al punto da renderci vandali per disperazione?

Lo street artist che sabato notte, a Carrara, ha deciso di coprire la nicchia d’una fontana secentesca del centro storico di Carrara con colori forti, acidi e totalmente fuori contesto, verde lime e rosa shocking, non può non richiamare quanto accaduto a Palermo quattro anni fa. All’epoca, tutti i media nazionali parlarono del gesto di Uwe Jäntsch, l’artista che ha dedicato gran parte della propria vita a evidenziare coi suoi interventi il degrado del quartiere della Vucciria (e che proprio oggi, peraltro, ha annunciato il suo addio alla città). Per porre all’attenzione di tutti il pessimo stato di conservazione in cui versava la cinquecentesca fontana di piazza Garraffello (oltre che la piazza stessa), Uwe Jäntsch prese un secchio di vernice rossa e, documentando il tutto con riprese e fotografie, imbrattò il marmo della fontana con la scritta “si vende”. L’azione fu eclatante: si animarono dibattiti e discussioni che coinvolsero tutto il paese, esponenti illustri del mondo dell’arte si premurarono di far conoscere al pubblico la propria posizione, intervennero le autorità, il vicesindaco manifestò l’intenzione (poi concretizzata) di denunciare l’artista. E poco dopo, la fontana fu restaurata, con un intervento che l’ha riportata a nuova vita: il marmo è stato ripulito, l’acqua è tornata a scrosciare dalle sue bocchette, addirittura è stata dotata d’un recinto in ferro. Tra l’azione di Uwe Jäntsch e l’approvazione del progetto di restauro passarono poco più di due anni. Tuttavia, ancora oggi, c’è chi s’ostina a definire “atto vandalico” l’operazione dell’artista austriaco: forse, se non fosse stato per il suo intervento (reversibile con poca fatica e messo in atto con piena assunzione di responsabilità), oggi parleremmo di una fontana che ancora versa nel degrado.

Occorre pertanto farsi una domanda: nel caso di Uwe Jäntsch, è stato atto di vandalismo l’aver compiuto un gesto estremo, dettato da un amore altrettanto estremo nei confronti della città che l’ha accolto e dalla disperazione causata non soltanto dal vedere la propria piazza tanto mal ridotta, ma anche dalla mesta consapevolezza che a pochi cittadini importa che arte, storia e cultura godano di buona salute? Ecco: qualunque sia la risposta, è altamente probabile che un meccanismo simile sia scattato nella mente di chi, a Carrara, ha coperto di vernice la nicchia della fontana apponendo poi la propria firma sulla parete vicina (“AGIO / ODIO / AGRO”).

La fontana di via Finelli a Carrara dopo l'azione degli street artist
La fontana di via Finelli a Carrara dopo l’azione degli street artist


La fontana di via Finelli a Carrara prima (settembre 2016, da Google Street View)
La fontana di via Finelli a Carrara prima (settembre 2016, da Google Street View)


La fontana di via Finelli a Carrara dopo l'azione degli street artist
La fontana di via Finelli a Carrara dopo l’azione degli street artist


La fontana di piazza Garraffello a Palermo: imbrattata da Uwe Jäntsch nel 2014 (ph. credit Uwe Jäntsch), in stato di degrado nel 2015 (ph. credit Uwe Jäntsch), restaurata nel 2017 (ph. credit Eddy Sanfilippo)
La fontana di piazza Garraffello a Palermo: imbrattata da Uwe Jäntsch nel 2014 (ph. credit Uwe Jäntsch), in stato di degrado nel 2015 (ph. credit Uwe Jäntsch), restaurata nel 2017 (ph. credit Eddy Sanfilippo)

Volendo augurarsi che l’azione sia stata svolta con tutte le precauzioni del caso e col minor impatto possibile sulla fontana (e a vederla da vicino, si direbbe che lo street artist sia stato in questo senso piuttosto scrupoloso), è necessario domandarsi se sia stato davvero vandalismo, o se il gesto sia interpretabile come una denuncia contro il totale degrado che aveva ridotto quella piccola fontana di marmo a una sorta di latrina a cielo aperto. E soprattutto, occorre domandarsi se il vero vandalo sia l’artista, o chi ha permesso, con la propria ignoranza, la propria indifferenza, la propria mancanza di senso civico, il proprio scarso attaccamento alla città, che la fontana divenisse un’ombra smunta e decadente di se stessa.

Casi come quelli di Palermo e Carrara ci mettono di fronte al piccolo borghese moralista ch’è dentro di noi e che s’indigna per un’azione così clamorosa gridando allo scandalo, ma che s’è imbruttito tanto da non essersi accorto del vero scempio che su quelle fontane s’è consumato giorno dopo giorno. Certo: oggi puntiamo il dito contro una mano di vernice (oltretutto sottile: sotto s’intravedono ancora i segni del precedente abbandono), parliamo di legalità, c’irritiamo perché l’artista avrebbe dovuto chiedere gli opportuni permessi (e, per inciso, ci vuole una bella dose di fantasia per figurarsi uno street artist che invia carte con marca da bollo alla soprintendenza), ci domandiamo se allora sia giusto imbrattare qualsiasi bene culturale per denunciare mancanze, incuria e abbandono (ovviamente la risposta è negativa). Peccato non sia questo il punto: forse, meglio sarebbe cogliere la vicenda come occasione per sviluppare una discussione sul grado di consapevolezza che abbiamo del patrimonio che ci circonda. Ed è quello che Uwe Jäntsch o lo street artist di Carrara sembrano volerci dire. Loro hanno compiuto un preciso atto assumendosi rischi e responsabilità, ben sapendo che azioni simili costituiscono reato. Noi però dobbiamo trarne motivo di seria riflessione, che vada al di là del singolo gesto effimero. Il loro, in fondo, è un modo per offrirci un risveglio (sicuramente brusco e antipatico, ma efficace) dal nostro costante torpore quotidiano.



Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, ho fondato Finestre sull'Arte nel 2009 con Ilaria Baratta. Sono nato a Massa nel 1986 e ho ottenuto la laurea specialistica a Pisa nel 2010. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left.

Leggi il profilo completo

Se questo post ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter: niente spam, una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



Nessun commento dal sito per questo articolo.

Commenti dal post ufficiale su Facebook

1.Paola Rossi in data 17/04/2018 04:20:41

Assolutamente contraria..



2.Caterina Tammarazio in data 17/04/2018 04:56:41









3.Giulia Mazzocco in data 17/04/2018 05:46:36

Beh, perché no? Grazie a "questa azione" si è venuti a conoscenza di questo fatto.



4. Luca Marzocchi in data 17/04/2018 06:04:40

Non posso averlo letto davvero



5. Giulia Mazzocco in data 17/04/2018 06:08:24

Purtroppo ci sono molti casi sconosciuti in Italia e se si continua ad avere i paraocchi ed attendere che arrivino fondi possiamo anche dire addio a tutto ciò che abbiamo di bello.



6. Alessandro Berutti in data 17/04/2018 08:11:28

I fondi non arrivano per causa "etica", Giulia.



7. Giulia Mazzocco in data 17/04/2018 08:48:26

Alessandro Berutti Certo, d'accordo, ma prima di questo articolo, di questa azione, definiamola "estrema", si sapeva di questa situazione di Carrara?



8.Maria Luisa Pinna in data 17/04/2018 06:26:06

Ho visto la foto di come era prima della passata di tinta era decisamente molto ma molto peggio con scritte che deturpavano veramente tutto



9.Beena Laura Conte in data 17/04/2018 06:34:44

Assolutamente favorevole, se serve a far luce su un certo degrado tutto italico



10.Anna Castagneto in data 17/04/2018 07:31:31

A me piace, due colori che si abbinano molto bene in tutte le sfumature sia del verde che del rosa.



11.Marina Cialli in data 17/04/2018 08:38:14

quanto ci piace giustificare tutto ?¤



12.Laura Cottini in data 17/04/2018 09:27:21

Ma l?avete vista in che condizioni era prima di questo intervento? I colori sfumati ed applicati con grande sensibilità mettono in risalto la fontana...la parola ?imbrattare? è fuori luogo a mio parere!



13. Maria Luisa Pinna in data 17/04/2018 09:29:32

Perfettamente d'accordo io direi che è stata Anzi messa più in evidenza



14.Giorgio Franco in data 17/04/2018 13:22:48

Complimenti Federico D. Giannini! Ecco qui un esempio a Lentini (Sicilia): trasformazione di uno stabile comunale.







15.Montserrat Serra Rams in data 17/04/2018 15:53:43

Be si aixó serveix perque arrangin la font i la pintura es pot treure.



16.Graciela Daneri in data 17/04/2018 16:52:49

Sara da provarlo...



17.Manuela Carla Monica Pizzamiglio in data 17/04/2018 16:56:48

Ci impiegavano lo stesso tempo a pulirla... un po' di olio di gomito, spazzolino di ferro e tornava come nuova senza sti scempi!



18.Manuela Carla Monica Pizzamiglio in data 17/04/2018 16:59:00

In una chiesa c'è una tela del '500 annerita dai secoli, non si hanno fondi per restaurarla... Che facciamo?? Una bella passata di vernice spray fluo per farlo notare???? Ma che cazzzzzzzo dite?????????



19. Finestre sull'Arte in data 17/04/2018 21:25:14

L'esempio non ci pare pertinente dato che qui non si è intervenuto direttamente sulla fontana, ma sullo spazio che la ospita (che già a sua volta era stato pesantemente rimaneggiato)



20.Enrico Diamanti in data 17/04/2018 19:25:10

Scusate non mi sembra sia scritto di che FONTANA SI TRATTA e DOV'È. Grazie



21. Finestre sull'Arte in data 17/04/2018 21:23:51

Se avrà la bontà di leggere l'articolo troverà scritto dove si trova la fontana, di che epoca è, in che via è ubicata, e troverà anche una foto di com'era in precedenza.



22. Carlo Innocenti in data 18/04/2018 04:37:39

Siete grandi!



23. Enrico Diamanti in data 18/04/2018 04:57:51

Finestre sull'Arte grazie



24.Titta Titta in data 18/04/2018 11:20:58











Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Seicento     Rinascimento     Barocco     Ottocento     Cinquecento     Firenze     Novecento     Quattrocento     Genova     Roma     Riforme    

Strumenti utili