Christie's: venduta all'asta a 432mila dollari la prima opera ... made in un algoritmo


Da Christie’s è stata battuta all’asta il 25 ottobre 2018 la prima opera d’arte realizzata da un algoritmo

Grazie all’idea del collettivo francese Obvious, costituito da Hugo Caselles-Dupré, Pierre Fautrel e Gauthier Vernier, un’intelligenza artificiale ha creato il Ritratto di Edmond Belamy.
La tela è nata dall’elaborazione di quindicimila dipinti, la cui data di esecuzione risale al periodo compreso tra il XIV e il XX secolo, e da un algoritmo che genera e discrimina una nuova immagine.

Il ritratto è uno degli undici ritratti che raffigurano una famiglia immaginaria e il cognome Belamy è un omaggio a Ian Goodfellow, l’artefice della particolare tecnologia. In basso a destra il quadro reca la firma dell’algoritmo.

L’opera è stata venduta al prezzo di 432.500 dollari (la base d’asta era tra i 7 e i 10mila dollari) dopo un susseguirsi di telefonate e offerte tramite Christie’s Live, la piattaforma online che permette di partecipare all’asta a distanza e in tempo reale. L’acquirente rimane però anonimo. 

Christie's: venduta all'asta a 432mila dollari la prima opera ... made in un algoritmo
Christie's: venduta all'asta a 432mila dollari la prima opera ... made in un algoritmo

Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER







Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Barocco     Firenze     Quattrocento     Genova     Roma    

Strumenti utili