Il bacio

Autore: Auguste Toulmouche
1860
Collezione privata

Il pittore francese Auguste Toulmouche (che peraltro era parente di Claude Monet, e quando il giovane impressionista si trasferì a Parigi, Toulmouche lo esortò a frequentare lo studio del suo maestro, Charles Gleyre, consiglio che Monet seguì) fu attivo nella seconda metà dell'Ottocento e si diede a una pittura di tipo accademico, molto raffinata e pulita, alle logiche della quale non si sottrae neanche questo intimo Bacio che rappresenta un momento d'intimità tra una madre e il suo bambino.

Il dipinto è datato e firmato (1860) ma evidentemente il soggetto fu replicato da parte di Toulmouche perché abbiamo una rivista del 1857 che parla di un'opera analoga, avente per soggetto "una madre che abbraccia suo figlio", giudicandola "un realistico soggetto di genere, dove il signor Toulmouche ha curato in modo particolare il disegno, ma non il colore". Che Toulmouche profondesse impegno nella composizione e nel disegno è evidente in questo dipinto, per esempio, dalle pieghe traslucide della veste della madre (tipiche della pittura di Toulmouche), che offrono un certo grado di ricercatezza nella linea (non mancano, parlando invece del colore, certi effetti di luce, come attestano i guizzi bianchi su certe pieghe).

Ad ogni modo, Toulmouche riesce bene nell'intento di comunicare tutta la tenerezza di questo gesto spontaneo che nasce tra una madre dallo sguardo dolce e il bambino che ha un'aria tra il trasognato e l'annoiato.

2 marzo 2017

Il bacio di Auguste Toulmouche

Aspetta, non chiudere la pagina subito! Ti chiediamo solo trenta secondi del tuo tempo: se quello che hai appena letto ti è piaciuto, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter! Niente spam (promesso!), e una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!





Torna all'elenco dei capolavori della rubrica "L'opera del giorno"






Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Barocco     Cinquecento     Quattrocento     Firenze     Genova     Novecento     Riforme     Settecento    

Strumenti utili