Al cinema un documentario senza precedenti dedicato a Fernando Botero


Dal 20 gennaio 2020 esce al cinema il documentario diretto Don Millar, Botero. Una ricerca senza fine. 

L’arte di Fernando Botero (Medellín, 1932) arriva al cinema: dal 20 gennaio 2020 uscirà nelle sale cinematografiche di tutta italia il documentario dal titolo Botero. Una ricerca senza fine, diretto da Don Millar

Il film è stato girato in dieci città tra Cina, Europa, New York e Colombia e sono stati forniti anche video e foto di famiglia di decenni fa, con l’intento di presentare un ritratto profondo e stimolante del celebre artista colombiano. Per la sua realizzazione, il regista è stato a stretto contatto con l’artista e la famiglia di quest’ultimo, in particolare con i figli, al fine di far conoscere agli spettatori i presupposti e i fatti alla base dell’attività artistica di Botero e delle sue figure robuste, protagoniste in tutte le sue opere, spingendosi alle sue radici. 

Inoltre Don Millar si è valso dell’intervento di critici d’arte, curatori, storici e accademici per rivelare al pubblico la creatività e le convinzioni di una delle personalità più amate dell’ambito artistico contemporaneo. L’artista conta infatti numerose mostre monografiche che hanno attirato milioni di visitatori. 

Grazie a un’intima conversazione con l’artista e con i figli, il documentario si propone come un lavoro senza precedenti. 

Botero. Una ricerca senza fine è distribuito da Wanted Cinema in collaborazione con Feltrinelli Real Cinema

A questo link è possibile vedere il trailer.  

Al cinema un documentario senza precedenti dedicato a Fernando Botero
Al cinema un documentario senza precedenti dedicato a Fernando Botero


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma