Due giorni di accesso gratuito alle Terme di Caracalla


Domenica 3 e lunedì 4 novembre 2019 le Terme di Caracalla propongono ai visitatori l’ingresso gratuito.

Alle Terme di Caracalla si entrerà gratuitamente sia domenica 3 novembre, in occasione dell’iniziativa promossa dal MiBACT Domenica al Museo, che lunedì 4 novembre 2019. 

Due giorni di accesso gratuito per visitare il complesso archeologico monumentale nel centro di Roma: la Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma ha aderito all’iniziativa #iovadoalmuseo che prevede venti giorni di ingressi gratuiti nell’arco dell’anno in tutti i monumenti, musei, gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali; il 4 novembre i visitatori potranno quindi entrare alle Terme di Caracalla dalle ore 9 alle ore 16.30. 

Il percorso di visita si snoda lungo le palestre, la natatio, il frigidarium e il calidarium, e grazie ai visori 3D è possibile vedere l’area archeologica proprio come si presentava nel 216 d.C., nell’anno della sua inaugurazione, agli occhi degli antichi Romani.

Le Terme di Caracalla o Thermae Antonianae sono tra i più grandi e meglio conservati complessi termali dell’antichità: costruite nella parte meridionale della città per volontà di Caracalla, possiedono una pianta rettangolare, tipica delle grandi terme imperiali. Le terme non erano solo un edificio per il bagno, lo sport e la cura del corpo, ma anche un luogo per il passeggio e lo studio.

Ph.Credit MiBACT

Due giorni di accesso gratuito alle Terme di Caracalla
Due giorni di accesso gratuito alle Terme di Caracalla


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma