A Como una mostra su Manlio Rho a 120 anni dalla nascita


Fino al 6 febbraio 2022, la Pinacoteca Civica di Como ospita una grande retrospettiva dedicata a Manlio Rho e alla sua sintesi astratta, in occasione dei 120 anni dalla nascita.

La Pinacoteca Civica di Como ha aperto la mostra Manlio Rho. Sintesi dell’astratto. La pittura di Manlio Rho e il suo archivio, in occasione dei 120 anni dalla nascita dell’artista. L’esposizione è curata da Elena Di Raddo in collaborazione con Archivio Manlio Rho; l’allestimento a cura dell’architetto Paolo Brambilla.

La mostra, aperta fino al 6 febbraio 2022, nasce dal patrimonio dell’Archivio Rho, conservato dalla famiglia dell’artista, in particolare dal figlio Enzo e dal nipote Giovanni, e indaga le peculiarità della pittura astratta di Manlio Rho (Como, 1901 – 1957) attraverso alcune opere esemplari con studi e varianti, facendo emergere il “metodo” attraverso il quale giunge a definire l’equilibrio del colore e delle forme presenti nelle sue composizioni. Un metodo basato non solo sulla regola geometrica, ma anche sullo studio dei capolavori del passato, quindi della storia dell’arte, delle ricerche dell’Astrattismo europeo e delle arti applicate, in primo luogo il disegno per la moda.

Oltre ai dipinti, la mostra espone schizzi, lucidi e varianti delle opere su tela, così come gli studi sul colore che fanno tesoro della documentazione inedita del progetto realizzato per conto dell’Ente Moda di Torino, rielaborazione e sintesi dei colori usati dagli artisti nelle varie epoche. Una sala, inoltre, propone la ricostruzione dello studio di Manlio Rho attraverso oggetti e documenti, presenti nel suo archivio, e i mobili disegnati da lui stesso: su quegli scaffali e librerie sono esposti libri, fotografie e riviste nazionali e internazionali che mostrano la varietà delle fonti del suo lavoro e l’attrattività che questo luogo aveva per gli amici e per i compagni del suo percorso artistico.

Lo studio di Rho, infatti, non ha rappresentato solo il luogo in cui fu concepito lo stile peculiare della sua opera astratta, ma un vero e proprio spazio di aggregazione di amici e artisti che, a Como, hanno animato la cultura degli anni Trenta e Quaranta – pittori come Mario Radice, Carla Badiali, Carla Prina, Cordelia Cattaneo, Aldo Galli e architetti quali Cesare Cattaneo, Giuseppe Terragni, Piero Lingeri, Alberto Sartoris.

In contemporanea, in Campo Quadro - lo spazio contemplativo al primo piano della Pinacoteca - è possibile ammirare un autoritratto dell’artista del 1921, proveniente sempre dall’Archivio Rho, in una sorta di incontro a tu per tu con l’artista. Inoltre, all’ultimo piano di Palazzo Volpi, nella sezione Novecento, sono esposte in maniera permanente due opere di Rho, tra cui l’importante Composizione 50/218, olio su compensato del 1950 esposta alla VI Quadriennale d’arte nazionale di Roma, come testimoniato dall’attestato di partecipazione presentato tra i documenti esposti nell’ultima sala della mostra.

Per tutte le informazioni, potete visitare il sito Visit Como.eu.

Immagine: Manlio Rho, Disegno per tessuto (1954-1955; Archivio Manlio Rho)

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraManlio Rho. Sintesi dell’astratto. La pittura di Manlio Rho e il suo archivio
CittàComo
SedePinacoteca Civica di Como
DateDal 26/11/2021 al 06/02/2022
ArtistiManlio Rho
CuratoriElena Di Raddo
TemiArte contemporanea

A Como una mostra su Manlio Rho a 120 anni dalla nascita
A Como una mostra su Manlio Rho a 120 anni dalla nascita


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE