A Como una mostra su Manlio Rho a 120 anni dalla nascita


Fino al 6 febbraio 2022, la Pinacoteca Civica di Como ospita una grande retrospettiva dedicata a Manlio Rho e alla sua sintesi astratta, in occasione dei 120 anni dalla nascita.

La Pinacoteca Civica di Como ha aperto la mostra Manlio Rho. Sintesi dell’astratto. La pittura di Manlio Rho e il suo archivio, in occasione dei 120 anni dalla nascita dell’artista. L’esposizione è curata da Elena Di Raddo in collaborazione con Archivio Manlio Rho; l’allestimento a cura dell’architetto Paolo Brambilla.

La mostra, aperta fino al 6 febbraio 2022, nasce dal patrimonio dell’Archivio Rho, conservato dalla famiglia dell’artista, in particolare dal figlio Enzo e dal nipote Giovanni, e indaga le peculiarità della pittura astratta di Manlio Rho (Como, 1901 – 1957) attraverso alcune opere esemplari con studi e varianti, facendo emergere il “metodo” attraverso il quale giunge a definire l’equilibrio del colore e delle forme presenti nelle sue composizioni. Un metodo basato non solo sulla regola geometrica, ma anche sullo studio dei capolavori del passato, quindi della storia dell’arte, delle ricerche dell’Astrattismo europeo e delle arti applicate, in primo luogo il disegno per la moda.

Oltre ai dipinti, la mostra espone schizzi, lucidi e varianti delle opere su tela, così come gli studi sul colore che fanno tesoro della documentazione inedita del progetto realizzato per conto dell’Ente Moda di Torino, rielaborazione e sintesi dei colori usati dagli artisti nelle varie epoche. Una sala, inoltre, propone la ricostruzione dello studio di Manlio Rho attraverso oggetti e documenti, presenti nel suo archivio, e i mobili disegnati da lui stesso: su quegli scaffali e librerie sono esposti libri, fotografie e riviste nazionali e internazionali che mostrano la varietà delle fonti del suo lavoro e l’attrattività che questo luogo aveva per gli amici e per i compagni del suo percorso artistico.

Lo studio di Rho, infatti, non ha rappresentato solo il luogo in cui fu concepito lo stile peculiare della sua opera astratta, ma un vero e proprio spazio di aggregazione di amici e artisti che, a Como, hanno animato la cultura degli anni Trenta e Quaranta – pittori come Mario Radice, Carla Badiali, Carla Prina, Cordelia Cattaneo, Aldo Galli e architetti quali Cesare Cattaneo, Giuseppe Terragni, Piero Lingeri, Alberto Sartoris.

In contemporanea, in Campo Quadro - lo spazio contemplativo al primo piano della Pinacoteca - è possibile ammirare un autoritratto dell’artista del 1921, proveniente sempre dall’Archivio Rho, in una sorta di incontro a tu per tu con l’artista. Inoltre, all’ultimo piano di Palazzo Volpi, nella sezione Novecento, sono esposte in maniera permanente due opere di Rho, tra cui l’importante Composizione 50/218, olio su compensato del 1950 esposta alla VI Quadriennale d’arte nazionale di Roma, come testimoniato dall’attestato di partecipazione presentato tra i documenti esposti nell’ultima sala della mostra.

Per tutte le informazioni, potete visitare il sito Visit Como.eu.

Immagine: Manlio Rho, Disegno per tessuto (1954-1955; Archivio Manlio Rho)

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraManlio Rho. Sintesi dell’astratto. La pittura di Manlio Rho e il suo archivio
CittàComo
SedePinacoteca Civica di Como
DateDal 26/11/2021 al 06/02/2022
ArtistiManlio Rho
CuratoriElena Di Raddo
TemiArte contemporanea

A Como una mostra su Manlio Rho a 120 anni dalla nascita
A Como una mostra su Manlio Rho a 120 anni dalla nascita


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Venezia, a Ca' Pesaro la prima retrospettiva italiana su Arshile Gorky, grande esponente dell'espressionismo astratto
Venezia, a Ca' Pesaro la prima retrospettiva italiana su Arshile Gorky, grande esponente dell'espressionismo astratto
Milano, torna la mostra natalizia di Palazzo Marino: il Rinascimento di Bergamo e Brescia
Milano, torna la mostra natalizia di Palazzo Marino: il Rinascimento di Bergamo e Brescia
Hopperiana, quattro fotografi ricreano nel presente i dipinti di Hopper
Hopperiana, quattro fotografi ricreano nel presente i dipinti di Hopper
Le atmosfere oniriche di Alessia Iannetti in mostra a Roma con “Aurora Consurgens Reprise”
Le atmosfere oniriche di Alessia Iannetti in mostra a Roma con “Aurora Consurgens Reprise”
A Parma una chiesa settecentesca è inondata di fiori: è la prima opera italiana di Rebecca Louise Law
A Parma una chiesa settecentesca è inondata di fiori: è la prima opera italiana di Rebecca Louise Law
A Milano appunti di viaggio di due fotografi italiani
A Milano appunti di viaggio di due fotografi italiani