Il drago e la donna, opposti taoisti, nelle opere di Sobin Park. Presto in mostra a Venezia


Laboratorium Venezia ospiterà dal 30 agosto al 30 settembre 2019 la mostra Poetry in motion dell’artista coreana Sobin Park.

Dal 30 agosto al 30 settembre 2019 il Laboratorium Venezia, Santa Croce - Calle de Mezo, accoglierà la mostra Poetry in motion dell’artista coreana Sobin Park, a cura di Thalia Vrachopoulos

Il titolo della mostra rimanda ai movimenti che l’artista compie nello spazio e all’omonima canzone di Johnny Tillotson, una delle hit degli anni Sessanta. Attraverso i movimenti fisici di Park nello spazio vengono create opere d’arte al limite tra la performance e l’arte visiva: forme potenti realizzate in un tempo molto lungo e in grandissime dimensioni.

Suoi soggetti prediletti sono il drago e la femmina: rappresentazione degli opposti taoisti, complementari e simultaneamente legati in natura. L’oscurità del drago, creata utilizzando la grafite, si staglia sulla delicata carta bianca, pelle traslucida della donna. I due motivi possono essere interpretati anche come un’unione sessuale, pur mantenendo il significato più profondo della cosmologia coreana.

Il drago raffigurato dall’artista è intrecciato con una bella fanciulla nuda che partecipa attivamente all’opera erotica, perché non si limita a posare passivamente in attesa di essere disegnata; la figura femminile nelle sue opere ha un ruolo da protagonista.

Immagine: Sobin Park, The Creation of a new female mith (Pusoksa) (2008; matita e polvere di bronzo)

Il drago e la donna, opposti taoisti, nelle opere di Sobin Park. Presto in mostra a Venezia
Il drago e la donna, opposti taoisti, nelle opere di Sobin Park. Presto in mostra a Venezia


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER