Camille Thomas, la violoncellista suona sui tetti di Parigi per nutrire l'anima


La violoncellista Camille Thomas suona sui tetti di Parigi durante il confinement per nutrire l’anima e portare bellezza. 

È tornata a suonare sui tetti di Parigi la violoncellista Camille Thomas: lo aveva già fatto nel mese di marzo, quando la capitale francese stava affrontando il primo lockdown per la pandemia da Covid-19. E ora che è in corso il secondo confinement, come lo definiscono i francesi, e musei e monumenti sono vuoti, la giovane musicista è salita sul tetto dell’Institut de France e ha cominciato a suonare con il suo Stradivari del 1730 il Kaddish di Ravel

Con il suo gesto ha voluto “nutrire l’anima” e “portare bellezza” ai residenti. “Credo profondamente che la bellezza salverà il mondo, è alimento essenziale, cibo per l’anima. È più di un semplice intrattenimento, come guardare una serie su Netflix. Il nutrimento dell’anima che viene dal visitare un museo o dall’ascoltare un musicista che suona: è questo che ci permette di resistere nei momenti più difficili” ha dichiarato. 

Da giugno Camille ha avviato un progetto che l’ha portata a suonare nei musei vuoti e ora ha in programma nove video che saranno girati in diversi luoghi francesi, tra cui Versailles, il Palais Garnier, il Musée Rodin e il Musée d’Orsay. 

A questo link il video.

 

Camille Thomas, la violoncellista suona sui tetti di Parigi per nutrire l'anima
Camille Thomas, la violoncellista suona sui tetti di Parigi per nutrire l'anima


Acquista il nostro libro Cronache dal mondo dell'arte 2020
Tutto il 2020 in un libro di 430 pagine con 60 fotografie a colori, in una selezione di 60 articoli scelti dalla redazione di Finestre sull'Arte.
CLICCA QUI
PER INFORMAZIONI



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER