Camille Thomas, la violoncellista suona sui tetti di Parigi per nutrire l'anima


La violoncellista Camille Thomas suona sui tetti di Parigi durante il confinement per nutrire l’anima e portare bellezza. 

È tornata a suonare sui tetti di Parigi la violoncellista Camille Thomas: lo aveva già fatto nel mese di marzo, quando la capitale francese stava affrontando il primo lockdown per la pandemia da Covid-19. E ora che è in corso il secondo confinement, come lo definiscono i francesi, e musei e monumenti sono vuoti, la giovane musicista è salita sul tetto dell’Institut de France e ha cominciato a suonare con il suo Stradivari del 1730 il Kaddish di Ravel

Con il suo gesto ha voluto “nutrire l’anima” e “portare bellezza” ai residenti. “Credo profondamente che la bellezza salverà il mondo, è alimento essenziale, cibo per l’anima. È più di un semplice intrattenimento, come guardare una serie su Netflix. Il nutrimento dell’anima che viene dal visitare un museo o dall’ascoltare un musicista che suona: è questo che ci permette di resistere nei momenti più difficili” ha dichiarato. 

Da giugno Camille ha avviato un progetto che l’ha portata a suonare nei musei vuoti e ora ha in programma nove video che saranno girati in diversi luoghi francesi, tra cui Versailles, il Palais Garnier, il Musée Rodin e il Musée d’Orsay. 

A questo link il video.

 

Camille Thomas, la violoncellista suona sui tetti di Parigi per nutrire l'anima
Camille Thomas, la violoncellista suona sui tetti di Parigi per nutrire l'anima


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma