La schiava greca

Autore: Scipione Tadolini
1860
Collezione privata

Scipione Tadolini, scultore neoclassico figlio del più celebre Adamo (che fu allievo di Canova), ma non meno dotato di talento del padre, realizzò questa elegante Schiava greca nel 1860: si tratta forse della sua opera più nota, realizzata in almeno due varianti e realizzata in più versioni conservate in diversi musei: la presente variante è quella più antica. Malgrado il titolo possa far pensare ad ambientazioni antiche, Tadolini tratta nella sua scultura un tema recente: durante la guerra d'indipendenza greca che fu combattuta tra il 1821 e il 1832 tra Grecia e Impero Ottomano e terminata con la vittoria e l'indipendenza della Grecia, molte ragazze greche furono catturate dai turchi e vendute sul mercato degli schiavi.

Si tratta dunque di un tema che mescola neoclassicismo e romanticismo (gli artisti romantici prediligevano infatti argomenti attuali e ambientazioni esotiche). Tuttavia, malgrado l'attualità del tema, la schiava di Tadolini si mostra all'osservatore nella grazia eterea della sua bellezza classica, una bellezza ideale che fa apparire questa splendida giovane fuori dal tempo, in tutta la sua sorprendente nudità, mentre vezzosamente alza il braccio destro (da notare la mano: un saggio di virtuosismo) per osservare il braccialetto. La posa in contrapposto, con la gamba destra portata in avanti e il piede sinistro sollevato, è mutuata dalla statuaria classica (basti pensare alla Venere de' Medici). Tadolini mostra inoltre un elevatissimo grado di perizia tecnica, che si evince non solo dalla levigatezza del marmo che sembra quasi farsi carne viva, ma anche da molti particolari (le pieghe dei veli modellate con grandissima raffinatezza, o la morbidezza dei muscoli dell'addome).

Tadolini lavorò spesso per clienti inglesi e americani, e probabilmente anche questa scultura fu acquistata da un compratore americano. È ancora conservata in collezione privata (è passata in vendita nel 2015 da Sotheby's) ma la prima versione, che risale al 1859, è ospitata in una collezione pubblica, l'Art Gallery of New South Wales di Sydney.

14 novembre 2016

La schiava greca di Scipione Tadolini

Aspetta, non chiudere la pagina subito! Ti chiediamo solo trenta secondi del tuo tempo: se quello che hai appena letto ti è piaciuto, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter! Niente spam (promesso!), e una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!





Torna all'elenco dei capolavori della rubrica "L'opera del giorno"






Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Patrimonio     Politica e beni culturali     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Barocco     Ottocento     Cinquecento     Quattrocento     Genova     Firenze     Riforme     Roma     Novecento    

Strumenti utili