Perché dovresti studiare storia dell'arte e cosa puoi fare con la tua laurea


Ilaria ha tradotto per noi un post di Lizzy Vartanian, art history blogger, che ci dice perché si dovrebbe studiare la storia dell'arte e cosa si può fare con la laurea!

Una domanda ricorrente che assilla gli studenti di storia dell’arte è: “dove ti porterà la tua laurea?”. Ecco cosa ne pensa una ragazza inglese, Lizzy Vartanian, art history blogger e aspirante critico d’arte, che ha pubblicato sul suo blog “The Gallery Girl” questo articolo. Qui il link dell’originale. E sotto, la mia traduzione!

Mi sono appena laureata in Storia dell’arte e già mi suona anche troppo familiare la domanda “e quale beneficio ti porterà in futuro?”.

Dato che il mio intento sarebbe quello di cominciare a settembre la laurea specialistica, ora tengo costantemente pronta una lunga lista di risposte da dare alle preoccupazioni della gente su cosa farò nella mia vita dopo essermi procurata una laurea inutile, come molti la considerano.

Addirittura ancora prima di iniziare l’università, le persone storcevano il naso all’idea di vedermi studiare storia dell’arte e avevano cercato di dissuadermi dall’imboccare questa strada professionale. Una sera di questa settimana, dopo gli innumerevoli commenti sprezzanti fatti durante una festa, ho deciso di condividere ciò che ho imparato e cosa è possibile fare con una laurea in Storia dell’arte. La storia dell’arte è considerata spesso una materia “facile”, scelta da privilegiati o élite che probabilmente, in ogni caso, non avranno mai un lavoro: vedi Kate Middleton, la laureata in Storia dell’arte più famosa. Nonostante ciò, come ti diranno certi miei compagni, non è semplicemente così, poiché la maggior parte di noi ha passato lunghe nottate piegata su un libro o su un computer sforzandosi di produrre un saggio con l’intento di lavorare dopo la laurea.

Vincent Van Gogh, Girasoli, Monaco di Baviera, Neue Pinakothek

Prima di tutto, vorrei chiarire che gli studenti di storia dell’arte non possono immediatamente dire, davanti a un dipinto, cosa stava pensando un artista mentre era all’opera. Gli storici dell’arte non sono né sensitivi né leggono nella mente. Inoltre, non è neanche possibile conoscere tutto riguardo a ogni dipinto o scultura che sia stata creata nella storia. Sarebbe come se un musicista sapesse tutte le canzoni, sinfonie od opere create nel tempo, indifferentemente dallo stile e dal genere.

Lo studio della storia dell’arte non riguarda esclusivamente la pittura, la scultura e l’architettura, bensì include anche la fotografia, la performance, i film, l’animazione e le arti decorative. Altra cosa: come faremmo a sapere senza l’aiuto delle immagini che aspetto avevano le persone? Le testimonianze scritte ce ne danno un’idea, ma è nei dipinti che individuiamo personaggi come Enrico VIII. Oltre alle abilità visive, in ogni caso sono necessarie la politica e un minimo di senso estetico della storia, come lo sono la storia culturale e sociale per i miei studi personali, che mi hanno portato a studiare l’arte della Cina. Gli studenti e i laureati in campo umanistico possiedono molte più competenze spendibili nel mondo del lavoro, come la capacità di scrivere un saggio accettabile e condurre ricerche.

Per quanto riguarda le possibilità professionali future, le più ovvie per i laureati in Storia dell’arte sono: lavorare in un museo o in una galleria o occuparsi di conservazione dei beni culturali, antiquariato e case d’asta. E sembrano essere le uniche, oltre all’insegnamento, che compare sempre nelle conversazioni.

Se lauree più “concrete” come Economia e Commercio possono apparire più consigliabili per poter trovare lavoro in grandi società finanziarie, anche la Storia dell’arte può dare grossi vantaggi. Molte società investono nell’arte considerandola un asset economico. Infatti, vale la pena ricordare che, durante la recessione, il mercato dell’arte continuava a prosperare, mentre quasi tutto il resto era in declino. Un esperto in arte aziendale può essere come un consulente quando consiglia dove investire il denaro o come un attuario; cosa che non dovrebbe essere così facile con una laurea in Matematica.

Una laurea in storia dell’arte potrebbe portare addirittura ad approfondire Legge, se si seguono studi di specializzazione che riguardano le leggi nel campo dell’arte, come i diritti di riproduzione, rimpatrio ed eredità.

In più, come con tutte le lauree umanistiche, può portare a professioni nel campo del giornalismo, delle pubbliche relazioni, dei mezzi di comunicazione e del marketing. Sarebbe come chiedere a un laureato in Inglese o Filosofia cosa può fare in futuro con i suoi studi.

Spero con quest’articolo di aver chiarito maggiormente la questione sul futuro professionale degli storici dell’arte, oltre alle sole possibilità di insegnare o di lavorare nelle gallerie d’arte. Personalmente, non vedo perché dovremmo essere più preoccupati rispetto ai laureati in altre materie riguardo alle prospettive future di lavoro.


Finestre sull'arte
Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90€

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Ilaria Baratta

L'autrice di questo articolo: Ilaria Baratta

Sono co-fondatrice di Finestre sull'Arte con Federico Giannini. Sono nata a Carrara nel 1987 e mi sono laureata a Pisa. Sono caporedattrice di Finestre sull'Arte.

Leggi il profilo completo


Come lavorare nei Musei: spunti utili per trovare un lavoro al museo
Come lavorare nei Musei: spunti utili per trovare un lavoro al museo
Come possono i musei cambiare gli adolescenti - e viceversa?
Come possono i musei cambiare gli adolescenti - e viceversa?
Pensare al Museo: la storia di Rosita | Storie di giovani e di cultura
Pensare al Museo: la storia di Rosita | Storie di giovani e di cultura


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. elisa in data 16/08/2014, 12:21:34

Io sono laureata in storia dell'arte. .purtroppo in Italia, come x tutto ormai, lo Stato non aiuta, anzi ostacola..quindi si può lavorare nei musei solo no profit e l'insegnamento. .devi avere esperienza x farlo ma non puoi farla se non sei abilitato e x l'abilitazione...penso sia più facile scrivere la divina commedia! Nonostante questo io amo l'arte..e tutto ciò che ho studiato e continuo a guardare è x mia crescita personale!



2. Cecilia in data 16/08/2014, 12:26:33

Io stavo pensando di optare per Beni Culturali ma le testimonianze che sto raccogliendo circa l'effettiva utilità di questa laurea per il futuro sono tutt'altro che stimolanti!



3. Francesca Ricci in data 16/08/2014, 14:48:28

Certo,forse Inghilterra le cose andranno diversamente..qui anche solo il dare per scontato che insegnerai è molto sbagliato..non c'è posto nella scuola per gli storici dell'arte,così come nei musei... Certo che poi studi legislazione restauro e tante altre cose interessanti che avranno come unica utilità il saper rispondere ai quiz in tv..tutto il resto si può fare con una qualsiasi laurea e addirittura senza laurea...la verità è che per lavorare nel campo dell'arte non ci vogliono lauree, dottorati o master...ma solo appoggi politici... Quindi se scegliete questo campo mettete in conto non solo di spendere una barca di soldi in varie specializzazioni,ma che vi rovinerete il fegato lottando contro grossi e inutili mulini a vento....



4. Francesca Ricci in data 16/08/2014, 14:58:11

Tra le altre cose il decreto artbonus prevede la possibilità per i grandi musei di chiamare come direttori professionisti stranieri... Mettere delle borse di studio per l'estero per migliorare gli standard dei professionisti italiani non sarebbe meglio??!



5. Sabrina in data 16/08/2014, 21:23:19

La stragrande maggioranza degli storici dell'arte che hanno commentato quest'articolo dovrebbero tornare in prima elementare ed imparare a scrivere in un italiano quanto meno corretto e senza abbreviazioni. "E' più semplice", ricevo sempre come risposta. Vorrei vedere se apprezzereste un saggio di Benson stracarico di "x", "xké" e "cmq". Fiera, comunque della mia scelta. Sono laureata in Storia, specializzanda in Storia dell'arte, e spero di diplomarmi quest'inverno alla Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica. Sempre denigrata per la strada da me imboccata, "rimarrai disoccupata!"... vedremo! Bisogna senza dubbio rimboccarsi le maniche e mostrarsi portati ad interessarsi a tutti i vari campi dell'arte come già specificato in questo interessante articolo.



6. paola in data 18/08/2014, 14:56:26

laureata in storia dell'arte, lavoro in una P.A. e mi occupo di tutto tranne che di arte, e si che musei ne abbiamo, ma mi è stato detto, quando chiesi di entrarvi che l'area della cultura aveva già troppe teste pensanti....... (sic)



7. Monica in data 20/08/2014, 00:09:18

Anch'io mi sono laureata in Storia dell'arte con una tesi su Lully e il teatro francese di Luigi XIV che ha vinto pure una borsa di studio, ho provato a fare il concorso per lavorare in un museo, ma niente.. Sarà perché ho anche la passione del canto lirico, ma alla fine mi sono dovuta rassegnare a fare tutt'altro, anche perché ho scoperto che nella pinacoteca della mia città i dipendenti, assunti da una cooperativa pagata dal comune, sono tutte ragazzi/e stranieri e con massimo la licenza media nel loro paese. Sai che soddisfazione quando l'ho saputo!!! Vogliamo parlarne???



8. Achille Vendraminelli in data 21/08/2014, 09:39:40

A quanto pare c'è un esercito di donne "laureate" in "Storia e Tutela dei Beni Culturali" (vorrei che una di queste donne mi spiegasse in due righe cosa significhi tutelare i beni culturali). Ho dato una letta al vostro programma di studi. Scioccante. Mi chiedo come si possa solo pensare di essere competenti in ambito artistico dopo un corso di laurea così superficiale e approssimativo. (Ho anche avuto modo di colloquiare con studenti). Care mie, oggigiorno trovare un posto di lavoro immediatamente dopo la laurea è praticamente impensabile (salvo eccezioni o raccomandazioni), specialmente se si tratta di un percorso di studi poco serio come STBC. Care mie, prima di pensare a un posto di lavoro. STUDIATE, IMPLEMENTATE LE VOSTRE COMPETENZE, LEGGETE miseriaccia!!!! L'Italia non ha bisogno di ciuchini.



9. Marta in data 22/08/2014, 22:13:03

Ciao! Sto terminando la triennale in Lingue e Letterature straniere, in particolare " Lingue, letterature e culture artistiche europee. Scegliendo questo percorso di studio ho capito cosa non voglio più studiare: linguistica e letteratura. E' nata invece in me una passione per la storia dell'arte (materia che al liceo detestavo). Ho cominciato ad andare nei musei e rimango sempre affascinata nonché estasiata nel vedere le opere con i miei occhi e la loro disposizione. Una volta finita la triennale mi piacerebbe molto continuare i miei studi, procedendo con Arti Visive. Spero di poter lavorare all'interno di un museo, spero di aver fortuna! :)



10. Fèlicitè Marie in data 23/08/2014, 08:54:41

Sono laureanda in storia dell'arte e dopo sto pensando di aprire una agenzia di organizzazione eventi...ma mi rendo conto che in questo periodo di crisi tutti fanno "il fai da te"



11. Floriano in data 23/08/2014, 12:41:25

Purtroppo la tendenza a fare ciò che si deve anziché ciò che si vuole porta all uniformismo e al declino della intelligenza e della creatività. La storia dell arte è storia di culture, delle più sublimi, ed in un paese come l Italia, dove il patrimonio artistico è ineguagliabile, lo studio della storia della arte dovrebbe essere, non solo incentivato al massimo, ma reso obbligatoriamente conoscibile. Questo perché in Italia la conoscenza, la valorizzazione e la conservazione dei beni culturali e' ad un livello vergognoso



12. valevip in data 23/08/2014, 13:57:18

Uhahah appena ho letto sto post ho pensato questa e' fusa e i illusa poi ho visto che era inglese e vabhe magari dalle parti sue funziona ma in Italia...vuoi rimpatriare opera d arte? Studia giurisprudenza e fai l avvocato. Vuoi piazzarle nelle aste? Fai marketing finanza scienze economiche. .Vuoi conservarle? Scuola di restauro non universita' . Vuoi fare il critico ? Ok oltre a una laurea in storia dell arte fai l esame da giornalista o le scuole specializzate ....arrivaci sponsorizzata dai tuoi pero che senno non mangi gli articoli non li pagano se sei un nessuno...insomma Studia storia dell arte x amore della cultura del saper umano che ti permette di interpretare e la tua realta e di far si che in un paese meravigliosocome l italia ogni scorcio ti dsoprenda....ma farlo x avere un lavoro...bhe...non e ne' il tempo ne' il luogo.



13. Francesca Ricci in data 23/08/2014, 22:29:44

Implementare le mie conoscenze?!.. Dopo la laurea ho fatto marketing culturale, restauro, museologia,catalogazione, didattica..ed avendo una laurea vecchio ordinamento ho dato esami di latino, italiano, filologia...cosa altro devo fare?!



14. Daniela L. in data 23/08/2014, 23:29:42

mi sono laureata in Storia dell'Arte nel 1978... ed anche allora sembrava che le prospettive di lavoro fossero poche. La 'raccomandazione' di amici altolocati era indispensabile. Ho fatto la commessa, la dattilografa, la segretaria di un campeggio. Infine ,dopo un concorso pubblico, cominciato a lavorare come conservatore in un museo di Genova. Ho incontrato vari ostacoli ma ho sempre studiato con passione e continuo a farlo ancora adesso che ho 63 anni. Ne vale la pena, credetemi!



15. Francesca in data 10/09/2014, 07:27:34

Questo articolo è privo di qualsiasi elemento concreto. Sembra un tema di quinta elementare. Mi fa sorridere tanta ingenuità.



16. Tania in data 10/09/2014, 10:35:39

Salve,io sto per intraprendere questa strada,l anno prossimo studierò beni culturali seguendo il corso storico artistico. Mi è sempre piaciuta l arte,la storia dell arte e tutti i suoi campi! Ovviamente ho avuto a che fare con persone che avevano o che hanno perplessitá sulla mia scelta,ma io sono certa di quello che faccio!di sicuro non sara semplice ovvio,ma credo che al giorno d oggi a meno che non si abbia la fortuna di essere benestanti,bisogna faticare un po di pò di più in ogni campo per avere dei risultati.... poi sinceramente trovo anche un po demoralizzante scegliere una facolta e di conseguenza um futuro lavoro solo perche "...poi si guadagna,poi il lavoro lo trovi subito.." questo è anche uno dei motivi della poca efficenza e poca professionalutà che a volte si trova...e credo anche che sia abbastanza frustrante alzarsi la mattina e andare a fare un lavoro che si odia nonostante il guadagno...almeno una persona ci prova! Un articolo veramente interessante!grazie mille!




17. Emanuela Finocchi in data 10/09/2014, 11:53:42

Non posso che condividere quanto affermato: l'arte è il tesoro più grande di cui disponiamo e gli studi in questo senso dovrebbero essere incentivati e non denigrati! Complimenti per l'articolo!



18. Paolo Beretti in data 11/09/2014, 10:25:48

Per carità... scrivete correttamente!!!
Dobbiamo fare cultura e "le parole sono importanti"...
In Italia abbiamo una miniera d'oro non ancora sfruttata, con milioni di turisti che si aggirano per le nostre città del tutto spaesati e le uniche attività organizzate che li sanno attirare sono i venditori di souvenir. I musei sono vuoti perché neppure gli autoctoni li conoscono... andate a vedere Milano con vetrine sfavillanti e la Pinacoteca Ambrosiana deserta (dove c'è una famosa canestra di frutta...), Bologna dove i bolognesi non sanno cosa sia la basilica di San Domenico (con Michelangelo), Firenze con file chilometriche in due soli musei e Palazzo Pitti vuotissimo (e nessuno che degna di uno sguardo la notissima Madonna della seggiola...). In Italia storici e artisti sarebbero molti e ricchi con un minimo di gestione e conservazione dei beni culturali.



19. pis in data 20/09/2014, 15:40:27

Mi sono laureato e specializzato in Storia dell'arte. Ho lavorato 20 anni in enti pubblici arrivando a fare il direttore di un piccolo Museo ma i logoranti rapporti con politici ignoranti e cialtroni (ma ancora di più con i loro cicisbei) mi hanno fatto desistere dal continuare su quella strada. Adesso insegno storia dell'arte nei licei e l'interesse dei ragazzi per la materia mi appaga molto di più. I pomeriggi liberi, poi, li impiego in attività di ricerca.



20. Arianna in data 27/10/2014, 19:39:11

Io direi che fintanto non si prende in considerazione l idea di cercare all estero un eventuale profesisone o specialistica seria, certi settori sono oggettivamente inpraticabili. Motivo per cui, continuare a parlare solo dell italia non porta da nessuna parte. Vi vorrei ricordare che nemmeno ingegneri super competenti ,molte volte, trovano lavoro in questo paese.
Parentesi la mancanza di punteggiatura e un problema della mia tastiera.



21. Lia Rabello in data 28/10/2014, 13:28:45

Mi sono laureata in storia dell'arte piu' di 30 anni fa! La mia vita e' dominata dall'arte e sempre lo sara'! Ho insegnato per 30 anni,dipinto ,fatto mostre,visto un'infinita' di opere d'arte: questa e' la mia felicita'!!!!



22. Studente in data 16/12/2014, 20:58:25

Mi sto laureando in storia dell'arte ma col morale a pezzi.
Il settore non offre nulla. Spesso le mansioni di guida turistica non offrono ricambi generazionali e a svolgerle (in molti casi) sono persone che non hanno nemmeno il titolo di studio adeguato oppure lavorano nel turismo la domenica, lavorando altrove e in tutt'altro settore in settimana! Ciò toglie possibilità a persone che hanno studiato davvero e con sacrificio il settore dei beni culturali.
I Musei? Nella mia città è stata posta una neolaureta come direttrice di un Antiquarium e prende 1000 euro l'ANNO!
In altri "luoghi della cultura" o è impossibile entrare oppure si lavora gratis o con stipendi al minimo della decenza.
Ricordo inoltre la situazione vergognosa delle università, dove si lascia la cattedra a docenti ormai in pensione anzichè mandare avanti giovani e brave leve.





23. Luca in data 08/04/2015, 14:12:41

Devo notare, e dire, che come "paladini" della cultura, quali dovreste essere un po' tutti (in quanto la maggior parte di voi, desumendolo dai commenti letti, è costituita da laureandi o laureati in Storia dell'Arte)... beh, non mettete due parole insieme in italiano corretto. Se questo è lo stato dei laureati in materie umanistiche... povera Italia!!!



24. Elena Bonfiglio in data 18/04/2015, 13:47:04

Insegno storia dell'arte amo l'arte in tutte le sue manifestazioni e ti dico brva finalmente qualcuno che scrive sapendo di cosa si parla elena



25. Pina Amedoro in data 18/04/2015, 18:34:16

Trovo Finestre sull'Arte una meravigliosa iniziativa e ritengo che la storia dell'arte sia una materia ancor prima che interessante, indispensabile. Dovrebbe essere oggetto di studio in tutte le scuole di ogni ordine e grado, in modo da rendere i nostri ragazzi consapevoli del grande patrimonio artistico italiano, che è un bene comune e va conservato e protetto. A mio modesto parere non si può comprendere e apprezzare ciò che non si conosce e la scuola dovrebbe servire proprio ad aprire la mente e affinare il gusto estetico.



26. baxx in data 29/04/2015, 19:37:52

Se noi laureati in Storia dell'Arte smettessimo di chiacchierare e lamentarci dei mali del mondo, iniziando a fare qualcosa di concreto insieme per questo Paese e per il suo patrimonio, forse tutti avremmo un lavoro o quanto meno avremmo "sfruttato" questo pezzo di carta che sembra non avere nessun senso da quello che si è detto finora.



27. graziella marcelli in data 01/05/2015, 08:57:48

Io faccio la guida turistica. Ecco un'altra professione che si può fare con gli studi di storia dell'arte.



28. Fdp in data 28/09/2015, 22:15:02

Ho 15 anni e quando mi chuedono cosa voglio fare dopo il liceo rispondo: storia dell'arte. Mi piacerebbe studiare in Germania, dive esiste una vera e propria facoltà di storia dell'arte (cosa che non mi sembra ci sia in Italia) e c'è la possibilità, in parallelo, di studiare anche archeologia. Fortunatamente non sono l'unico a credere nel mio sogno, ma ho l'appoggio degli amici e dei genitori.
Nonostante ciò, proprio ieri mi è stato detto da un amico: "Storia dell'arte?! Ma è una roba da tonti! Saresti sprecato per una cosa del genere."
La mia risposta è stata "Grazie, ma sono tonto."



29. Fdp in data 28/09/2015, 22:35:53

Ho 15 anni e dopo il liceo vorrei trasferirmi in Germania e studiare storia dell'arte. Perché la Germania? Con tutta l'arte che abbiamo in Italia? Innanzitutto per una diversa organizzazione dell'Università: lì esiste una vera e propria facoltà di storia dell'arte (cose che, a quanto mi risulta, non c'è in Italia) e l'organizzazione delle lezioni è completamente diversa dalla nostra e mi sembra molto interessante dal punto di vista didattico; a tutto ciò va aggiunto che amo la lingua tedesca!
Per fortuna i genitori, la famiglia e molti amici vorrebbero che realizzassi il mio sogno ed è una cosa bellissima.
Nonostante ciò, l'altro giorno un mio amico mi ha detto: "storia dell'arte? Ma è una roba da tonti! Il tuo cervello sarebbe sprecato!"
La mia risposta è stata: "vorrà dire che sono davvero tonto, perché voglio sfruttare il mio cervello studiando ciò che mi appassiona"



30. Nelly in data 14/01/2016, 09:26:07

Per chi dice che l'hanno tolta come materia vorrei dire che non è assolutamente vero perché mia sorella alle medie studia Storia dell'arte . Io faccio il quarto anno di liceo artistico e ho 18 anni . Vorrei prendere la Laurea in Storia dell'arte e ovviamente NON rimanere in Italia , non perché qui questa laurea sia inutile ma semplicemente perché qui QUALSIASI laurea è inutile . Studierò qui ovviamente, non c'è posto migliore per studiare questa bellissima materia ma signori miei il lavoro in questo paese manca in ogni campo. Mi rimboccherò le maniche e magari fra 15 anni quando avrò più esperienza lavorativa tornerò qui .



31. già in data 09/04/2016, 10:41:11

Potremmo parlare anche dei pensionati che alla domenica fanno e guide turistiche togliendo lavoro ai giovani,o di altri pensionati messi a lavorare negli uffici dei musei in NERO. ma siamo un paese di pagliacci che accetta anche situazioni come queste.



32. Salvatore in data 18/05/2016, 17:53:54

ma di che posti di lavoro si parla nell'articolo? gallerie?? si contano sulle dita di una mano in ogni regione..... musei? per accedere il ministero dei beni culturali pubblica un bando ogni secolo, e ad accedervi sono solo raccomandati senza nemmeno licenza media.... Insegnamento? una classe di concorsa che si insegna in un liceo su dieci con massimo due ore a settimana... posso solo confermare, avendo sia un diploma di II rilasciato dall'accademia che una laurea in storia dell'arte, che tutto ciò gli studi artistici non servono a un bel niente, ho speso decine di migliaia di euro tra iscrizioni, tesi da 110 e lode, libri e trasporti... dopo anni e anni non ho ancora guadagnato un centesimo.



33. AnnaMary in data 02/06/2016, 10:02:37

Tutti questi commenti mi hanno messa ulteriormente in crisi.. ho deciso di frequentare il corso di studi Storia e tutela dei beni artistici e musicali all'università di Padova dopo il liceo.. amo l'arte ma, pensando al futuro, ne vale la pena??



34. Dan in data 20/09/2016, 10:41:42

Aggiungo la mia...storia dell arte in italia è organizzata male come corso di laurea per quanto l italia sia ricca di beni artistici (è un paradosso).se la volete fare dovete farla all.estero e tornare con un curriculum strepitoso...in italia è considerata x scansafatiche...il governo nn investe sulla vostra istruzione nn ne ha i soldi...per questo accetta solo gente piu qualificata proveniente dall estero oppure i classici raccomandati che vogliono solo i soldi e nn ne sanno un cazzo. In bocca al lupo a tutti



35. Mia in data 13/10/2016, 07:55:57

Sono a pochi esami dalla laurea triennale in Operatore Beni Culturali.Mi sto sforzando di studiare,di cinseguirla ma ormsi il mio entusiasmo é svanito,non credo più in essa..ho bisogno urgente di lavorare e realizzo che l'amore che avevo per questo settore,ahimé,forse non era così...forte.Lo spettro della disoccupazione,l'immane sforzo di studiare per una laurea che reputo morta,tutta questa nube polverosa sugli sbocchi lavorativi...mi guardo indietro e vedo tempo e denaro perso,ma forse la cosa più importante che ho perso é il senso di questa disciplina..é bella l'arte,é grande l'arte,é magica l'arte..ma poi?sono davvero molto confusa,arrivare a pochi esami dalla laurea e capire che non ne vale più la pena...é devastante.



36. Cris58 in data 19/07/2017, 14:26:35

Chiedo scusa per la mia riflessione ee eventuale perplessità, scaturita dopo la lettura di alcuni vostri commenti( sono docente di storia dell' arte in un liceo). Ma il signor Vittorio Sgarbi, professione critico e storico dell' arte che laurea possiede? Non so, giusto per curiosità. Grazie.



37. maria in data 18/05/2018, 16:01:53

salve storia dell' arte e specializzazione ma prima che facoltà devo fare



38. Lollo in data 27/08/2018, 16:18:28

Chi prende la laurea triennale in storia dell'arte, è consigliabile prendere una magistrale in archeologia e poi la specialistica sempre in archeologia per poi lavorare come archeologo?



39. D.L. in data 07/01/2019, 16:21:00

Vi dico sinceramente quello che penso (e sperimento): chi dice che il corso di studi è ridicolo e che è impensabile credere di avere anche solo una minima competenza in ambito artistico con questa laurea ha assolutamente ragione.Troppi corsi di laurea in Italia sono gestiti male, garantiscono la solita infarinatura su vari argomenti e la conoscenza specifica di nessuno, storia dell'arte purtroppo è fra questi. Mi piacerebbe non dover ripetere il solito cliché ma sfortunatamente è la realtà dei fatti, fuori dall'Italia, paese rinomato per la sua importanza artistica, il corso di laurea in storia dell'arte garantisce competenze reali, in Italia, paese rinomato per la sua importanza artistica, non garantisce alcun tipo di competenza. È assolutamente vero che le competenze in questione si possono acquisire fuori dall'università ma a questo punto l'università a cosa dovrebbe servire? La laurea in storia dell'arte cosa dovrebbe attestare?



40. Federica in data 24/03/2019, 15:32:21

È l'università ad essere strutturata malissimo! Io mi sono laureata tre anni fa in magistrale in storia dell'arte e gli esami fatti, per carità tutti belli, non davano nessuna conoscenza pratica, tutta teoria che ovviamente deve essere studiata, ma non serve a nulla nel mondo lavorativo! E dopo dovresti fare master per ricconi, i cui costi si aggirano intorno ai 15.000€ perché l'università non ha insegnato nulla! Ma cosa ci sono andata a fare allora? Purtroppo lavoro in tutt'altro ambito e pure sottopagata, ma in ambito di beni culturali non c'è nulla se non il volontariato!



41. caroline in data 01/07/2019, 13:35:32

Questo è stato anche più veloce di quanto potessi immaginare, Dr Noble (templeofjoyandprosperity1@gmail.com) Grazie per aver dedicato del tempo ad ascoltarmi e rispondere a tutte le mie e-mail. Mi sento di nuovo forte emotivamente. La mia fiducia è tornata e vedo chiaramente il mio futuro. Sono eternamente grato per il tuo aiuto per riunirmi con il mio vecchio amore.
Contattalo tramite templeofjoyandprosperity1@gmail.com
Numero di Whatsapp +1 405990-5764



Commenti dal post ufficiale su Facebook



Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma