Al Hirschfeld, caricaturista di celebrità


Un articolo per presentare la figura di Al Hirschfeld, uno dei più grandi caricaturisti americani del Novecento, che disegnò molte celebrità statunitensi e non solo.

Al Hirschfeld
Al Hirschfeld
Il ventesimo secolo è stato un periodo di eventi che hanno portato dei cambiamenti a livello sia industriale che culturale sulla società. Non sorprende, quindi, che questo periodo storico abbia visto nascere delle nuove forme d’arte che sono diventate subito parte dell’immaginario collettivo. Tra i tanti artisti che hanno segnato il Novecento, va ricordato Albert Hirschfeld, detto “Al”, il noto caricaturista che amava disegnare ritratti di celebrità del cinema e di Broadway del suo tempo. Al nacque il 21 Giugno del 1903 a Saint Louis, Missouri, ma crebbe a New York, dove compì parte dei suoi studi. Studiò anche in Europa, per l’esattezza a Londra e Parigi, e divenne un artista celebre, grazie anche alle sue collaborazioni con il The New York Times, le cui pagine ospitarono le sue opere.

Lo stile grafico di Al Hirschfeld era notoriamente semplice e curvilineo, ma questo non significa che non seguisse un certo criterio quando disegnava: “L’anatomia non mi interessa. Tento di stare lontano dalla somiglianza occhio-orecchio-naso-gola. Un grosso naso lo fai più grosso, ma questo è stupido. Io provo a farlo come sembra” è ciò che l’artista disse una volta. Tante sono le celebrità ad essere ritratte nelle sue opere: attori dell’epoca d’oro di Hollywood come Charlie Chaplin, Stanlio e Ollio e i fratelli Marx, i leggendari Frank Sinatra e Fred Astaire, attori del calibro di Gregory Peck, Humphrey Bogart, Bette Davis, Kirk Douglas e Paul Newman, stimati registi come Alfred Hitchcock e Blake Edwards e icone della musica come Elvis Presley, Bruce Springsteen, Duke Ellington e Madonna. Persino musicisti classici come Mozart e Giuseppe Verdi divennero soggetti delle sue caricature, talvolta finendo su copertine di libri a loro dedicati.

Al Hirschfeld, Fred Astaire e Ginger Rogers
Al Hirschfeld, Fred Astaire e Ginger Rogers (1989)

Al Hirschfeld, Charlie Chaplin in Tempi Moderni
Al Hirschfeld, Charlie Chaplin in “Tempi Moderni” (1992)

Forse è proprio l’apparente semplicità del suo stile che ha reso così celebri i suoi disegni: con pochi tratti d’inchiostro, Hirschfeld riesce a catturare l’anima dei personaggi da lui raffigurati. Quelle di Hirschfeld non erano caricature elaborate né ricche di dettagli semplicemente perché l’artista mirava a cogliere l’essenziale: un procedimento in linea con le ricerche artistiche del tempo, e non bisogna dimenticare come, secondo molti studiosi, Hirschfeld abbia subito l’influenza del disegno di Miguel Covarrubias, a sua volta influenzato dal cubismo. Per comprendere come nascessero i suoi personaggi, può essere utile far riferimento a una delle caricature che ritraggono Stan Laurel e Oliver Hardy, i nostri famosissimi e divertentissimi Stanlio e Ollio: Hirschfeld era solito dire che i due attori, vicini, gli ricordavano il numero dieci (ed è facile immaginare perché: magro Stanlio, di corporatura ben più che robusta Ollio). Ed è tenendo a mente ciò che Hirschfeld li ritrae: il volto di Stanlio si restringe e contemporaneamente si allunga quasi dovesse entrare nella linea verticale dell’1 che compone il 10 mentre, al contrario, il corpo di Ollio assume la forma di un cerchio, con il braccio allargato per rendere ancora più evidente la forma a cui il caricaturista pensava.

Al Hirschfeld, Laurel & Hardy - Here's looking at you
Al Hirschfeld, Laurel & Hardy - Here’s looking at you (1990)

L’importanza e la fortuna delle caricature di Al Hirschfeld era tale che nell’ambiente del cinema e della musica, in America, fu coniato il termine “Hirschfelded”, che potremmo rendere con “hirschfeldato”: ecco, quando un attore, un musicista, un ballerino arrivavano a ottenere l’attenzione di Hirschfeld (ed erano quindi “hirschfeldati” in una delle sue celebri caricature) significava che avevano raggiunto il successo.

Una volta Hirschfeld disse: “io tento di catturare il personaggio della recita o l’individuo, piuttosto che fare una caricatura tanto per farlo”. L’artista, infatti, non si limitava a disegnare solo caricature a scopo ritrattistico, molto spesso ricreava vere e proprie scene di film e spettacoli teatrali come “My Fair Lady”, “West Side Story”, “Hairspray” e perfino “Otello”, oltre che caricature di attori nelle vesti dei loro personaggi più celebri come Sidney Poitier in “I gigli del campo” oppure gli attori Howard Keel and Jane Powell mentre indossano i costumi di scena di “Sette spose per sette fratelli”.

Al Hirschfeld morì il 20 Gennaio 2003, sei mesi prima di poter raggiungere il traguardo dei cento anni di età, ma fece comunque in tempo di ritrarre i vip di inizio 21° secolo come gli attori Ben Stiller e Halle Berry e il magnate dell’informatica Bill Gates. Con la sua dipartita, Al ci ha lasciato un secolo di arte che ha rivoluzionato il modo di fare caricature e che, come detto, ha alimentato lo status symbol di celebrità.

Al Hirschfeld, Halle Berry
Al Hirschfeld, Halle Berry (2002)


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90€

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



L'arte di Caspar David Friedrich nel film “Fantasia” della Disney
L'arte di Caspar David Friedrich nel film “Fantasia” della Disney
L'ironia di Giambattista Tiepolo
L'ironia di Giambattista Tiepolo
Andy Warhol: un critico o un celebratore della società dei consumi?
Andy Warhol: un critico o un celebratore della società dei consumi?


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Maurizio Lattanzi in data 26/03/2016, 05:02:48

Il grande Al ha influenzato molto l'animatore Goldber nelle animazioni del personaggio Genio della lampada in Aladdin (1991) della Walt Disney Animation!



2. ioldig50@yahoo.it in data 27/03/2016, 16:14:51

grazie per farmi colmare un pochettino l'oceano della mia ignoranza







Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma