Il Comune di Ferrara acquisirà l'importantissimo fondo fotografico di Gaetano Previati


Il Comune di Ferrara acquisirà il prezioso fondo fotografico di Gaetano Previati: tanto il materiale inedito. Il MiBACT finanzia al 50% l’operazione.

Il Comune di Ferrara acquisirà il prezioso fondo fotografico di Gaetano Previati (Ferrara, 1852 - Lavagna, 1920), grande maestro del divisionismo italiano: l’ente ha infatti vinto il bando ministeriale Strategia fotografia 2020, con il quale il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo garantirà il cofinanziamento, al 50 per cento circa, del progetto. Il costo dell’operazione, candidata al bando ministeriale dalle Gallerie d’arte moderna su impulso dell’assessore alla cultura Marco Gulinelli, ammonta a 82mila euro (il MiBACT concede un contributo di 41.660 euro). Ferrara, con la candidatura dell’acquisizione del fondo Previati, si è posizionata al primo posto tra i sette progetti ammessi a finanziamento in tutta Italia, su un totale di 37 presentati al bando.

A novembre scorso l’Amministrazione, con specifica delibera di giunta, aveva candidato la proposta al Ministero. Si tratta di un’operazione importante perché il fondo contiene materiali d’archivio inediti, che testimoniano l’impiego della tecnica fotografica da parte di Previati. Al momento il fondo è in possesso degli eredi di Alberto Previati, figlio del grande pittore ferrarese. Il fondo include un importantissimo nucleo di 391 negativi su lastra alla gelatina di bromuro d’argento, alcuni dei quali inediti, relativi a opere pittoriche e grafiche scomparse e sfuggite sinora alla letteratura su Previati, che l’artista ritoccò in alcuni casi; un prezioso taccuino autografo dei primi anni del Novecento contenente appunti relativi alle operazioni di ripresa fotografica, che testimonia l’interesse specifico di Previati per la fotografia come mezzo di riproduzione ma anche come attività di elaborazione estetico-creativa; la macchina fotografica del pittore; diapositive e negativi per cinematografo, cliché e fotoincisioni.

“Il ministero”, afferma il sindaco di Ferrara, Alan Fabbri, “premia l’iniziativa per la riscoperta e lo studio di un grande artista del nostro territorio. Sono felice che Ferrara si sia distinta, a livello nazionale, anche in questa occasione. Questo risultato rappresenta un premio a una proposta significativa e un riconoscimento a tutti coloro che, nella nostra città, quotidianamente, mettono passione, dedizione, professionalità, lavoro e tempo nell’approfondimento e nella valorizzazione del patrimonio artistico e storico. Congratulazioni alle Gallerie d’arte moderna e grazie all’assessore Gulinelli”.

“La cultura e l’arte, a Ferrara, inaugurano il 2021 con un risultato che incoraggia e premia le nostre proposte”, dichiara l’assessore Gulinelli. “Apriamo l’anno con una bella notizia, dopo aver celebrato Previati con una mostra al Castello, aperta a giugno scorso, per i 100 anni dalla sua morte. Tra i maggiori pittori divisionisti italiani, Previati ha realizzato opere pregevoli anche nel campo della fotografia. E sarà proprio il Previati artista della fotografia ad emergere grazie all’acquisizione di un fondo che porterà a Ferrara, dagli eredi, un tesoro da scoprire e che arricchirà la conoscenza e l’archivio di opere di un artista importante e fondamentale che ha proiettato il futuro e anticipato la modernità”.

Nella foto: Gaetano Previati

Il Comune di Ferrara acquisirà l'importantissimo fondo fotografico di Gaetano Previati
Il Comune di Ferrara acquisirà l'importantissimo fondo fotografico di Gaetano Previati


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma