La Cappella di Guarini vince il Premio Europeo per il Patrimonio a un anno dal suo restauro


A un anno dal suo restauro e dalla sua riapertura al pubblico, la Cappella di Guarini ha vinto il Premio Europeo per il Patrimonio.

A un anno dalla riapertura al pubblico a seguito del suo restauro e dalla sua introduzione nel percorso di visita dei Musei Reali di Torino, la Cappella di Guarini si è aggiudicata il Premio del patrimonio europeo / Premio Europa Nostra 2019 conferito dalla Commissione Europea ed Europa Nostra. Un premio dato per un restauro delicatissimo: a causa del tragico incendio avvenuto l’11 aprile 1997, la struttura presentava numerosi danni. La cerimonia di premiazione dell’European Heritage Awards si svolgerà a Parigi il 29 ottobre 2019, alla presenza del Commissario Europeo Tibor Navracsics.

Per festeggiare quest’evento importante, il 22 novembre 2019 i Musei Reali organizzeranno una giornata d’iniziative dedicate al capolavoro di Guarini.

“Indubbiamente è stata una grande emozione. L’inaugurazione e il convegno internazionale che ha fatto seguito hanno permesso di restituire a tutti questo capolavoro, grazie agli sforzi dei tanti che hanno lavorato per salvarlo. Il pubblico ha risposto in maniera positiva tanto che i dati di accesso ai Musei Reali sono in continua crescita” ha dichiarato il direttore dei Musei Reali, Enrica Pagella.  

Per info: www.museireali.beniculturali.it

La Cappella di Guarini vince il Premio Europeo per il Patrimonio a un anno dal suo restauro
La Cappella di Guarini vince il Premio Europeo per il Patrimonio a un anno dal suo restauro


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma