La Certosa di Trisulti nelle mani dell'ultradestra: il MiBAC ha avviato accertamenti sulla regolarità


Il Ministero dei Beni Culturali ha avviato una procedura per accertare la presenza di eventuali irregolarità nella concessione della Certosa di Trisulti a una fondazione di ultradestra.

Come vi avevamo raccontato su queste pagine alcuni mesi fa, l’antica Certosa di Trisulti, il monastero duecentesco di Collepardo (Frosinone), è stata di recente concessa alla fondazione Dignitatis Humanae Institute (DHI), un baluardo dell’oltranzismo cattolico, associata ai movimenti di ultradestra, e che ha come proprio motto “difendere i fondamenti giudaico-cristiani della civiltà occidentale attraverso il riconoscimento che l’uomo è fatto a immagine e somiglianza di Dio”.

L’assegnazione della Certosa alla DHI aveva suscitato polemiche a non finire, con gli abitanti di Collepardo che avevano organizzato anche diversi sit-in di protesta per dire “no” a quella che era stata percepita come una sorta di invasione da parte degli oltranzisti. Adesso, il Ministero per i beni culturali vuole vederci chiaro su questa concessione. Il MiBAC, ha fatto sapere il sottosegretario Gianluca Vacca, “ha avviato già da settimane accurati approfondimenti sulla concessione della Certosa di Trisulti all’associazione Dignitatis Humanae Institute, per accertare eventuali omissioni, inadempienze e carenze tali da costituire anche causa di decadenza della concessione stessa”. Il segretario ha poi aggiunto: “si tenga conto che la concessione è datata 14 febbraio 2018, dunque tutta la procedura di affidamento è stata avviata, seguita e finalizzata sotto il precedente governo. Quando siamo arrivati noi, a giugno 2018, i giochi già erano fatti. Abbiamo quindi preso atto dell’assegnazione della Certosa alla DHI ma abbiamo anche ritenuto che ci fossero elementi di criticità da valutare in maniera opportuna. Per questo, abbiamo in primo luogo avviato un’ispezione interna volta ad accertare se le procedure che hanno portato la DHI all’aggiudicazione del bando, e i successivi adempimenti amministrativi, sono stati tutti espletati in maniera corretta. L’ispezione è mirata ad approfondire specifici aspetti giuridici ed economici. In secondo luogo, abbiamo chiesto un parere all’Avvocatura di Stato, per valutare se le incongruenze registrate sono tali da legittimare l’eventuale revoca della concessione. Sulla base di quelli che saranno gli esiti di queste verifiche decideremo il da farsi”.

Non resta dunque che da comprendere come evolverà il quadro della vicenda.

Nell’immagine: la Certosa di Trisulti. Ph. Credit.

La Certosa di Trisulti nelle mani dell'ultradestra: il MiBAC ha avviato accertamenti sulla regolarità
La Certosa di Trisulti nelle mani dell'ultradestra: il MiBAC ha avviato accertamenti sulla regolarità


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER