La Francia restituirà all'Africa oggetti d'arte saccheggiati durante la colonizzazione


Il governo francese ha valutato il primo progetto di legge che prevede la restituzione definitiva di oggetti d’arte al Senegal e al Benin.

La Francia restituirà definitivamente oggetti d’arte al Senegal e al Benin: il governo ha valutato il primo progetto di legge che prevede il trasferimento di proprietà di oggetti che fanno parte dei beni culturali di questi paesi presi dai francesi durante la colonizzazione dell’Africa. Nei prossimi mesi quindi ventisei oggetti del tesoro del re di Abomey in Benin torneranno definitivamente di proprietà africana.

La restituzione “esplicita il grande impegno preso dal presidente della Repubblica perché le nuove generazioni dell’Africa abbiano la possibilità di accedere al loro patrimonio, alla loro storia, nella loro terra” ha affermato il portavoce di Emmanuel Macron, Gabriel Attal. Si tratta di “una delle principali poste in gioco essenziali per una nuova relazione amichevole tra la Francia e l’Africa”.  

Il progetto di legge consente “con una deroga limitata al principio essenziale d’inalienabilità applicabile alle collezioni pubbliche” il trasferimento al Benin della proprietà di ventisei oggetti saccheggiati dal palazzo dei reali di Abomey dalle truppe coloniali francesi nel 1892. Attualmente conservati al Musée du quai Branly-Jacques Chirac di Parigi, saranno esposti in un luogo pubblico nel Benin. 

Al Senegal la Francia invece restituisce formalmente una sciabola che l’ex primo ministro francese Edouard Philippe aveva simbolicamente consegnato nel novembre 2019 al presidente Macky Sall a Dakar. Si tratta di un’arma significativa perchè appartenuta alla cerchia d’El-Hadji Oumar Tall, condottiero musulmano che ha conquistato nel XIX secolo un vasto territorio a cavallo del Senegal, della Guinea e del Mali, e che ha combattuto contro l’armata coloniale francese. Il governo precisa che per entrambi i paesi, “il progetto di legge prevede un ritardo massimo di un anno per la restituzione, da parte delle autorità francesi, di queste opere”. 

Macron aveva annunciato questa decisione alla fine del 2018, quando uno studio degli universitari Bénédicte Savoy e Felwine Sarr aveva individuato la presenza di 90mila opere africane nei musei francesi

Nell’immagine, la consegna a Dakar nel 2019 della sciabola al presidente del Senegal Macky Sall da parte dell’ex primo ministro francese Edouard Philippe.

La Francia restituirà all'Africa oggetti d'arte saccheggiati durante la colonizzazione
La Francia restituirà all'Africa oggetti d'arte saccheggiati durante la colonizzazione


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER