Giappone, distrutto da un incendio il castello di Shuri, simbolo di Okinawa e patrimonio Unesco


Giappone, un incendio distrugge il castello di Shuri, simbolo dell’isola di Okinawa e patrimonio Unesco.

Il castello di Shuri, simbolo dell’isola di Okinawa (dal 2000 iscritto alla lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’UNESCO), è andato distrutto quasi totalmente durante un incendio divampato all’alba. Le fiamme hanno divorato l’edificio per dieci ore, prima di essere spente da 100 vigili del fuoco. Al momento non si registrano vittime.

Risalente al XIV secolo e nato probabilmente come una fortezza, il castello di Shuri fu più volte ricostruito nel corso dei secoli: l’ultima volta dopo il 1945, quando fu quasi totalmente distrutto sotto i bombardamenti americani durante la battaglia di Okinawa. Prima, era stato ricostruito nel 1453, dopo il primo incendio che lo devastò, e poi ancora nel 1660, sempre per un altro incendio, quindi ancora nel 1709 (sempre a causa delle fiamme). Durante la sua storia, il castello di Shuri venne adibito a vari usi: caserma, scuola, campus universitario. Fino a diventare una meta turistica di grande successo, la principale dell’isola di Okinawa. Fino all’incendio di oggi.

Giappone, distrutto da un incendio il castello di Shuri, simbolo di Okinawa e patrimonio Unesco
Giappone, distrutto da un incendio il castello di Shuri, simbolo di Okinawa e patrimonio Unesco


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER