Il governo rinnova il bonus da 500 euro per i diciottenni. Ma i fondi calano


Il governo Pd-M5S-Iv-Leu ha rinnovato il bonus cultura da 500 euro riservato ai diciottenni. Lo stanziamento è stato inserito nella manovra per il 2020: 18app (questo il nome del bonus) era finanziato solo fino al 2019, ma si è trovato l’accordo tra le forze di governo per rinnovarlo di un altro anno. Così, anche i nati nel 2002, il prossimo anno, potranno fruirne.

Calano però i fondi destinati a questo provvedimento: da 240 si passa a 160 milioni di euro (la scelta probabilmente dovuta al fatto che negli anni passati non tutti i diciottenni hanno sfruttato il bonus). Il valore del bonus (500 euro) rimarrà tuttavia invariato, stando a quanto finora è trapelato. Il voucher potrà essere spero per acquistare libri, biglietti di musei, teatri e concerti, musica e diversi tipi di prodotti culturali.

Il governo rinnova il bonus da 500 euro per i diciottenni. Ma i fondi calano
Il governo rinnova il bonus da 500 euro per i diciottenni. Ma i fondi calano


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER