La cultura riparte: le regioni riaprono i musei dopo la prima settimana di coronavirus


La cultura riprende il via dopo che è trascorsa la prima settimana dell’emergenza coronavirus. Fatta eccezione per le zone rosse (i dieci comuni del Basso Lodigiano e il comune di Vo’ nei Colli Euganei), riaprono musei e biblioteche in tutte le regioni interessate dai provvedimenti d’emergenza: Lombardia, Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Liguria, Friuli Venezia Giulia. Musei e mostre riaprono da oggi con gli orari consueti (fatta eccezione per i musei chiusi solitamente di lunedì). Nelle regioni della cosiddetta “zona gialla” (ovvero tutta la Lombardia, tutto il Veneto, tutta l’Emilia Romagna e le province di Savona e Pesaro-Urbino) rimangono sospese scuole, università, università della terza età, corsi professionali, gite scolastiche e viaggi d’istruzione, cinema, teatri e discoteche, grandi manifestazioni, eventi sportivi. In Lombardia e in provincia di Piacenza continua la sospensione anche per palestre, piscine, centri sportivi, terme, centri benessere, centri culturali, centri sociali e centri ricreativi.

L’apertura dei musei, nelle regioni della zona gialla, è però soggetta a una precisa condizione: i musei devono cioè assicurare ingressi contingentati o comunque tali da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali aperti al pubblico, e tali che i visitatori possano rispettare la distanza tra loro di almeno un metro.

Nella foto: Milano, Pinacoteca di Brera, il Salone Napoleonico

La cultura riparte: le regioni riaprono i musei dopo la prima settimana di coronavirus
La cultura riparte: le regioni riaprono i musei dopo la prima settimana di coronavirus


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma