Fragranze e dipinti: la visita alla Pinacoteca di Brera è anche olfattiva


Grazie alla passione di Lorenzo Villoresi, è possibile visitare ora la Pinacoteca di Brera attraverso l’olfatto.

La visita alla Pinacoteca di Brera diventa olfattiva, grazie alla passione del fondatore del primo museo in Italia del profumo a Firenze, Lorenzo Villoresi

L’Adorazione dei Magi di Gaudenzio Ferrari visibile nella sala X è stata accostata alle note acri dell’esotica mirra, che si diffondono nell’ambiente mediante un apposito diffusore; la Madonna della Candeletta di Crivelli esposta nella sala XXII sarà accompagnata dalle dolci note del Lilium candidum. E a breve anche l’incenso sarà annusabile.

Un percorso sensoriale che intende stimolare le emozioni dei visitatori attraverso profumi e fragranze. Tuttavia, l’olfatto non è l’unico senso coinvolto nel museo: l’udito è stato stimolato grazie al programma Brera/Musica che accosta le note musicali ai dipinti; la vista grazie al progetto Descrivedendo, mentre il tatto mediante alcune didascalie tessili che permettono ai visitatori di accarezzare dal vivo i pregiati tessuti dipinti nelle opere, tra cui a breve il raso di seta della fanciulla in blu nel Bacio di Hayez. Persino il gusto viene coinvolto grazie al menu creativo ispirato ai capolavori di Brera del Caffè Fernanda, parte integrante del museo. 

Per info: www.pinacotecabrera.org

Immagine: Carlo Crivelli, Madonna col Bambino e i Santi Pietro e Paolo, Ansovino e Gerolamo (Madonna della Candeletta), dettaglio (1488-1490)

Fragranze e dipinti: la visita alla Pinacoteca di Brera è anche olfattiva
Fragranze e dipinti: la visita alla Pinacoteca di Brera è anche olfattiva


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER