La prima raffigurazione di un mascheraio? Nella Villa Farnese a Caprarola


Nella Villa Farnese di Caprarola, in provincia di Viterbo, sarebbe custodita la prima raffigurazione di colui che fabbrica maschere.

Tempo di Carnevale e tempo di maschere... 

Ma dove è custodita la prima immagine di "mascheraio", colui che fabbrica maschere?

A scoprirlo è stato Guerino Lovato, uno dei più noti mascherai di Venezia: la prima raffigurazione sarebbe custodita a Palazzo Farnese di Caprarola (Viterbo), celebre e splendida villa pentagonale del XV secolo ora gestita dal Polo museale del Lazio. Più precisamente sarebbe dipinta nel ciclo pittorico della Stanza dell’Aurora compiuto da Taddeo Zuccari nel 1553.

Ecco quanto afferma Lovato: “In un ovale dei quattro agli angoli dell’affresco centrale dipinge la ”casa del Sonno“ mettendo in primo piano Morfeo, come un Genio alato nudo e ricciuto, giovane come un Eros adolescente, seduto su dei panni colorati e intento a modellare, su di un desco giallo, una nuova maschera che lo fissa negli occhi. Vicino ha un ammasso di creta informe e sopra quattro maschere finite, due femminili e una maschile ricca di barba e baffoni”.

Fonte: Ansa

Ph.Credit

 

La prima raffigurazione di un mascheraio? Nella Villa Farnese a Caprarola
La prima raffigurazione di un mascheraio? Nella Villa Farnese a Caprarola


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER