Il Rinascimento di Boboli, nuove aperture e grandi restauri per il Giardino di Boboli


Avviata una maxi campagna di interventi di restauro nel Giardino di Boboli. Previste inoltre nuove aperture.

Avviato il Rinascimento di Boboli, un grande programma di interventi per rendere ancora più suggestivo il Giardino di Boboli. Da oggi, 29 aprile 2019, sarà accessibile ai visitatori il Giardino della Botanica Superiore, detto anche degli Ananassi, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13. Si tratta dell’unico esempio di giardino in stile romantico all’interno di Boboli e ospita centinaia di specie diverse di piante acquatiche, tropicali e subtropicali.

Inoltre sono in corso interventi di miglioramento di tutte le aree: sono state collocate 46 nuove panchine in pietra serena lungo i sentieri, è in programma il restauro delle statue del giardino e delle quattro colonne dell’isola centrale e dei basamenti; sarà avviata la ristrutturazione dei bagni storici e il ripristino della Fontana delle Scimmie.

Un altro grande progetto di restauro è quello che interesserà il Giardino segreto delle Camelie, mai aperto in via ordinaria al pubblico, come quello della Botanica Superiore. Il Giardino delle Camelie si trova sul lato di ponente di Palazzo Pitti ed era stato creato come spazio esclusivo dell’appartamento del principe Mattias, fratello minore del Granduca Ferdinando II. Al momento è in corso la redazione del progetto di restauro e i lavori sono previsti per il biennio 2020-2021.

Continuano gli interventi previsti dal progetto Primavera di Boboli, grazie alla donazione da parte di Gucci di due milioni di euro destinati a una serie di interventi nel Giardino. Attualmente sono previsti i lavori di consolidamento e restauro della serra calda delle orchidee al Giardino della Botanica Superiore, i lavori per il restauro della vasca delle piante acquatiche e del passaggio “segreto” retrostante e del Viottolone dei Cipressi e del Viale dei Platani, per cui è stato completato il progetto esecutivo. Verranno perciò ricostituite le composizioni storiche dei filari alberati che negli anni hanno subito forti perdite, con la nuova piantagione di 53 cipressi e 25 platani.

E ancora è stato messo in cantiere il progetto di apertura nel giardino della Gelateria Buontalenti che sorgerà nel prato dei Castagni in un edificio di fine Ottocento.

“Diamo il via ad una grande campagna di interventi che renderanno lo scrigno naturalistico di Boboli ancora più bello e con la riapertura dello splendido giardino degli Ananassi, con i suoi tesori esotici, restituiamo a tutti i visitatori un altro frammento meraviglioso di Firenze che diventa quotidianamente visibile e disponibile a tutti. Nel complesso, un intervento di rilancio così ampio del Giardino non veniva programmato da oltre 80 anni” ha dichiarato il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt

“Il Giardino richiede una cura costante ed un lavoro grande, continuo e spesso silenzioso; con l’apertura del Giardino della Botanica Superiore vogliamo però dare voce ad un’altra delle identità di Boboli, perché crediamo fortemente nel valore dell’educazione alla bellezza e perché il Giardino sia sempre di più un luogo dove aver voglia di sostare e trattenersi, per poterne comprendere gli equilibri avvicinandosi con la giusta attenzione e rispetto” ha aggiunto la coordinatrice del Parco, Bianca Maria Landi

Conclude Marco Bizzarri, Ceo di Gucci “Siamo molto felici di come il progetto Primavera di Boboli stia progredendo. Poter contribuire al recupero e al mantenimento della parte botanica del Giardino dei Medici è per me, e per tutta la Gucci, un onore e un privilegio. Il rapporto di reciprocità con Firenze, città che ci ha dato i natali nel 1921, e i suoi monumenti più celebri è fondamentale nel posizionamento internazionale del nostro marchio”.

Fonte: comunicato

Immagine: Fontana di Ganimede e Kaffeehaus

 

Il Rinascimento di Boboli, nuove aperture e grandi restauri per il Giardino di Boboli
Il Rinascimento di Boboli, nuove aperture e grandi restauri per il Giardino di Boboli


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER