La Torre Eiffel diventa un parco giochi: fino al 2 giugno ci si può lanciare dalla torre tramite volo con la fune


La Torre Eiffel come un parco giochi: installato un volo con la fune fino al 2 giugno, il pubblico si potrà lanciare dal secondo piano.

Dal 29 maggio al 2 giugno, in occasione del torneo di tennis Roland Garros, a Parigi sarà possibile lanciarsi dalla Torre Eiffel: sul celebre monumento francese progettato da Gustave Eiffel e inaugurato nel 1889 è stato infatti installato un volo con la fune (o “volo dell’angelo”) che permette, a chiunque lo voglia fare, di buttarsi da un’altezza di 115 metri per “volare” vedendo la città dall’alto. Il percorso della fune è lungo circa 800 metri, arriva fino al Champ-de-Mars, dura circa un minuto e consente di raggiungere punte di 100 chilometri orari. L’operazione è stata sponsorizzata dall’acqua Perrier, che l’ha ribattezzata Smash, come il noto colpo del tennis.

La fune è stata installata al secondo piano della Torre Eiffel, e non è un inedito: il volo dell’angelo era già stato portato sul monumento in occasione del Roland Garros del 2017. Dal momento che, come si può facilmente immaginare, gli organizzatori hanno previsto un altissimo numero di richieste per lanciarsi dalla Torre Eiffel, per poter “volare” l’unico modo possibile è prenotarsi sul sito di Perrier, sperando di trovare posto.

È il caso di dire che coloro che temono una trasformazione di centri storici e monumenti in parchi giochi, adesso avranno un argomento in più.

La Torre Eiffel diventa un parco giochi: fino al 2 giugno ci si può lanciare dalla torre tramite volo con la fune
La Torre Eiffel diventa un parco giochi: fino al 2 giugno ci si può lanciare dalla torre tramite volo con la fune


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER