Apre al pubblico la Biblioteca di Philippe Daverio, con visite guidate


Da oggi apre al pubblico la Biblioteca di Philippe Daverio nel refettorio di Sant’Agostino Bianco a Milano. Si possono già prenotare le visite guidate. 

Apre da oggi al pubblico la Biblioteca di Philippe Daverio: l’iniziativa, condotta da La Vigna di Leonardo, permette di immergersi nell’universo del noto critico e divulgatore (il titolo scelto è proprio Universo Daverio) visitando un luogo tornato a vivere grazie al suo operato, ovvero il refettorio del monastero domenicano di Sant’Agostino Bianco a Milano, che a fine Settecento, dopo le soppressioni di Maria Teresa d’Austria, venne inglobato in Palazzo Ravizza. Daverio ha sistemato la sua vasta biblioteca e parte della sua collezione proprio all’interno del refettorio, decorato con una grande Crocifissione di Donato Montorfano (l’autore dell’altra, più celebre Crocifissione che fronteggia l’Ultima cena di Leonardo da Vinci nel refettorio di Santa Maria delle Grazie) di cui si vede oggi la sinopia (l’affresco fu infatti strappato nel XX secolo).

Dopo la soppressione l’ambiente conobbe svariati utilizzi: fu anche un magazzino, una scuola materna e addirittura un laboratorio di bigiotteria, fino poi a essere acquistato da Philippe Daverio che l’ha fatto restaurare e adibire a sede di una parte della sua collezione. All’interno del refettorio il pubblico potrà ammirare quadri e libri, sculture, fotografie, ritratti, articoli di giornale, in definitiva una raccolta che narra gli interessi di Philippe Daverio. All’interno dell’ambiente, la disposizione segue i criteri propri del collezionista: gli oggetti non sono dunque sistemati immaginando un’esposizione al pubblico, ma sulla base dei gusti di Philippe Daverio.

La visita si può prenotare dal sito della Vigna di Leonardo. È possibile visitare la biblioteca di Philippe Daverio solo con visite guidate di gruppi di minimo 10 persone, e la visita ha durata di 40 minuti. Viene condotta da Elena Gregori, moglie di Philippe Daverio, che ha reso possibile l’iniziativa e “apre in esclusiva le porte di casa sua”, si legge sul sito, “incontrando il gruppo ed arricchendo il racconto della guida con aneddoti e curiosità legate alla collezione Daverio”. Il punto d’incontro è Piazza Bertarelli 4, dove si trova Palazzo Ravizza.

Immagine: Philippe Daverio nel refettorio di Sant’Agostino Bianco. Foto philippedaverio.it

Apre al pubblico la Biblioteca di Philippe Daverio, con visite guidate
Apre al pubblico la Biblioteca di Philippe Daverio, con visite guidate


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Cecilia Alemani dirigerà la Biennale di Venezia 2021: è la prima donna italiana a ricevere l'incarico
Cecilia Alemani dirigerà la Biennale di Venezia 2021: è la prima donna italiana a ricevere l'incarico
Via al talent Master Artist: “un MasterChef dell'arte: per il pubblico sarà molto interessante”
Via al talent Master Artist: “un MasterChef dell'arte: per il pubblico sarà molto interessante”
LIMEC SSML, tre nuovi Corsi di Alta Formazione per la gestione e valorizzazione del patrimonio culturale
LIMEC SSML, tre nuovi Corsi di Alta Formazione per la gestione e valorizzazione del patrimonio culturale
Scoprire dello stile di vita della corte dei Gonzaga. Mantova, il programma 2022 di Palazzo Te
Scoprire dello stile di vita della corte dei Gonzaga. Mantova, il programma 2022 di Palazzo Te
LIMEC SSML, ancora pochi giorni per iscriversi ai nuovi Corsi di Alta Formazione in ambito culturale
LIMEC SSML, ancora pochi giorni per iscriversi ai nuovi Corsi di Alta Formazione in ambito culturale
Il 2020 di Finestre sull'Arte on paper riparte da Federico Barocci, protagonista del nuovo numero del nostro cartaceo
Il 2020 di Finestre sull'Arte on paper riparte da Federico Barocci, protagonista del nuovo numero del nostro cartaceo