Domenica tutti i musei statali sono gratis. Torna la #domenicalmuseo e si gioca sui social del MiBACT


Domenica 1° dicembre torna l’appuntamento con la domenicalmuseo: tutti i musei statali aperti gratuitamente.

Nuovo appuntamento con le domeniche gratuite nei musei statali: domenica 1° dicembre è la prima domenica del mese e come sempre i musei e i siti archeologici gestiti dal Ministero dei Beni Culturali aprono gratuitamente le porte al pubblico.

Per la nuova edizione della domenica gratuita, il MiBACT ha lanciato una nuova campagna digitale focalizzata sul tema del gioco: dopo le esperienze di gamification, che negli ultimi anni molti musei hanno esplorato alla ricerca di innovazione e di sperimentazione di nuovi linguaggi, dal 3D ai videogiochi, da parte del MiBACT viene rivolto un invito agli utenti social a riconoscere i personaggi di alcune opere dei musei italiani. Il gioco è sulla pagina Facebook del ministero, basta identificare le silhouette nell’immagine e scrivere in un commento i titoli delle opere: la pagina è raggiungibile all’indirizzo www.facebook.com/MiBACT.

L’idea di introdurre il gioco all’interno della più vasta strategia di ampliamento del pubblico sta coinvolgendo un numero sempre maggiore di realtà museali e culturali, in progressiva e rapida espansione. Per conoscere l’elenco completo dei musei che aderiscono e per conoscere i loro orari d’apertura è possibile consultare l’elenco pubblicato sul sito del ministero.

Domenica tutti i musei statali sono gratis. Torna la #domenicalmuseo e si gioca sui social del MiBACT
Domenica tutti i musei statali sono gratis. Torna la #domenicalmuseo e si gioca sui social del MiBACT


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER